18°

il caso

Festival Verdi finanziato per legge: battaglia a Roma

2

Inserire anche il Festival Verdi tra i festival riconosciuti e finanziati a livello nazionale dalla legge 238 del 2012. È questo l'obiettivo dell'emendamento alla legge di stabilità depositato dalla senatrice del gruppo misto Maria Mussini (ex 5 stelle) e presentato oggi al Senato, alla presenza del sindaco Federico Pizzarotti, dell'assessore alla Cultura Laura Ferraris e del direttore generale della Fondazione Teatro Regio Anna Maria Meo. L'iniziativa è appoggiata da tutti i gruppi politici in Senato, tranne il Movimento 5 Stelle. 

"L'esclusione di questa manifestazione internazionale dalla cosiddetta legge dei festival - ha detto la Mussini - è un grave elemento di delegittimazione per una personalità che ha dato lustro all'Italia". Riuscire nell'impresa, ha osservato il primo cittadino, significherebbe "utilizzare al meglio i nostri asset e i nostri tesori, che non sono solo legati all'agroindustria ma anche alla musica". 

Il comunicato del Regio
Si è svolta oggi, oggi alle 15, nella Sala Nassirya di Palazzo Madama a Roma, la conferenza stampa #rinVerdiamoilfestival, sull’iniziativa legislativa promossa dalla Senatrice Maria Mussini, che, nell’ambito del disegno di legge n. 2111 «Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2016), mira a includere il Festival Verdi tra i festival contemplati dalla legge 20 dicembre 2012 n. 238 per il sostegno e la valorizzazione dei festival musicali e operistici italiani di assoluto prestigio internazionale. Alla conferenza stampa hanno preso parte la Senatrice Maria Mussini, Vicepresidente del gruppo Misto, Federico Pizzarotti, Presidente della Fondazione Teatro Regio di Parma e Sindaco di Parma, Laura Maria Ferraris, Assessore alla Cultura del Comune di Parma, Anna Maria Meo, Direttore generale della Fondazione Teatro Regio di Parma.

“Il Festival Verdi è ancora in attesa di ricevere piena cittadinanza tra le manifestazioni riconosciute e finanziate dalla normativa nazionale sui festival (la 238 del 2012) e ciò non è più accettabile. La manovra economica, quindi, è l'occasione giusta per rimediare e rinverdire, finalmente, la manifestazione intitolata a uno dei più grandi operisti e uomini di cultura del Paese”. La senatrice Maria Mussini illustra così i suoi emendamenti alla Legge di stabilità. “Al di là dei pur importanti finanziamenti economici, l’esclusione di questa manifestazione internazionale dalla cosiddetta “legge dei festival”, infatti, è un grave elemento di delegittimazione per una personalità che ha dato e continua a dare lustro all'Italia. Proprio in linea con la convinzione che ha questo governo riguardo al ruolo centrale della Cultura per il nostro sistema Paese, non possiamo permetterci di perdere altro tempo. L'enorme potenziale che l'Italia ha a disposizione non deve essere più sprecato. A cominciare dall'inesauribile eredità che ci ha lasciato Giuseppe Verdi, il compositore più eseguito al mondo”.

“Sostenere il Festival Verdi è sostenere il rilancio dell'immagine del nostro Paese a partire dalla cultura - dichiara Federico Pizzarotti, Presidente della Fondazione Teatro Regio di Parma e Sindaco di Parma. Noi abbiamo scelto di farlo attraverso un processo di risanamento del Teatro Regio di Parma e l'aumento delle relazioni internazionali, a partire dall'ingresso nel circuito di Opera Europa. Nessuno può sentirsi escluso da partecipare all'ottenimento di un riconoscimento che non ha un colore politico ma rappresenta un valore aggiunto per tutta la Nazione. Siamo convinti che il grande lavoro che si sta facendo per stimolare tutti a sentirsi custodi e mecenati del patrimonio non potrà non vedere la condivisione di questa richiesta dal Governo. Abbiamo iniziato dal bicentenario nel 2013 e crediamo sia giunto il momento”.

“Un provvedimento legislativo a favore del Festival Verdi, atteso da anni, sarebbe un grande risultato in termini di certezza e continuità per rendere meno difficoltosa una programmazione che deve finalmente diventare pluriennale, elemento imprescindibile per un rilancio del Festival a livello internazionale - dichiara Anna Maria Meo, Direttore generale del Teatro Regio di Parma. È un obiettivo per noi prioritario che siamo certi potrebbe inoltre facilitare l'adesione al progetto da parte di sostenitori privati per i quali l'assenza di un esplicito riconoscimento da parte dello Stato costituisce un vulnus che è tempo di superare. Siamo oggi qui perché convinti che questo riconoscimento sia dovuto all’uomo, all'artista e all'opera verdiana.

“Verdi è esempio dell’unicità italiana che sa diventare universale – ha dichiarato Laura Maria Ferraris, Assessore alla Cultura del Comune di Parma. Riconoscere il valore di Festival Verdi a livello nazionale è la necessaria e indispensabile legittimazione che consentirà di farlo evolvere attraverso la continuità e la sicurezza di prospettiva. Si tratta di riconoscere la rilevanza strategica della cultura come leva per innescare percorsi virtuosi che possano sviluppare conoscenza, attrattività con indubbie ricadute turistiche ed economiche”. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Parma

    11 Novembre @ 18.41

    Ma è vero che i 5s non appoggiano questo emendamento? E Pizzarotti cosa ne pensa dei suoi che lo ignorano? Mah, se è vero è l'ennesima conferma che Pizzarotti non fa più parte dei 5 stelle.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Il sabato sera al Colle: sorrisi e...bellezze

feste e giovani

Il sabato sera al Colle: sorrisi e...bellezze Gallery

"Kim Kardashian ha la cellulite": è bufera, 100mila fan la abbandonano

gossip

"Kim Kardashian ha la cellulite": è bufera, 100mila fan la abbandonano Foto

3commenti

caclio donne

spagna

Le ragazze che fanno la storia: hanno stravinto il campionato dei maschi

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

CHICHIBIO

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

di Chichibio

4commenti

Lealtrenotizie

Teramo-Parma

0-0 a teramo

Parma 1 punto avanti al Pordenone, obbligati a vincere il derby  Foto

Frattali: "Parata decisiva? Era ora". Scavone: "Il mio gol? Era regolare" (Video: le interviste) - Le altre partite (Pordenone e Padova hanno perso)

2commenti

INCIDENTE

Gli amici sotto choc per la morte di Andrea: "Endurista dal cuore generoso"

Paura a bedonia

Ventenne cade con la moto: arrivano il soccorso alpino e l'elisoccorso

teramo-parma 0-0

D'Aversa: "Ci manca il gol? Non è un periodo felice. Comunque buona gara" Video

1commento

roccabianca

Ritrovato il 50enne scomparso: era al Pronto soccorso

promozione

Festa Pallavicino: è promosso in Eccellenza Gallery

sorbolo

Filmate le gare in scooter a mezzanotte. Il sindaco: "Ora convochiamo i genitori" Video

3commenti

musica e cultura

A Parma l'opera scende in piazza (per riqualificare l'Oltretorrente)

L'idea di una soprano islandese

3commenti

elezioni

Ecco la nuova squadra di Pizzarotti

7commenti

Via Volturno

Nuova spaccata in una panetteria

social

Le sigle "rock" del salsese Copelli diventano virali

Laminam

Incontro tra cittadini e Comitato «L'aria del Borgo»

gazzareporter

Borgo Guazzo, cronache dalla discarica.....

1commento

Traversetolo

Il sindaco sposta il comizio del 1°Maggio: il Pd insorge

4commenti

Ragazzola

Un comitato per «proteggere» il ponte sul Po

Alimentare

Parmacotto, previsti 60 milioni di ricavi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Perché ci sono sempre meno preti

1commento

EDITORIALE

Gli assassini impuniti e lo Stato impotente

di Paola Guatelli

3commenti

ITALIA/MONDO

politica

Primarie Pd: in Emilia Romagna alle 17 hanno votato in 163.899. Le foto di Parma

3commenti

milano

Pirata della strada tradito da una telefonata a casa: "Sono in ospedale"

1commento

WEEKEND

meteo

Weekend col sole. Ma il 1° maggio è "ballerino" Le previsioni

il disco

Caravan, i 45 anni di Waterloo Lily

SPORT

formula 1

Gp di Russia: vince la Mercedes (di Bottas.) Le due Ferrari sul podio

serie a

"Buu" razzisti a Cagliari: Muntari abbandona il campo Gallery

MOTORI

Economia

E' Fiesta l'auto piu' venduta d'Europa Video

GOLF E UP!

Volkswagen, niente Iva sulle elettriche

1commento