12°

cinema

L'armata Brancaleone compie 50 anni

Ricevi gratis le news
0

Ci sono film che non invecchiano: provate e mostrare «L'armata Brancaleone» di Mario Monicelli (1966) a un ragazzo di oggi e otterrete le stesse emozioni, stupore, riso, empatia, curiosità, che in poche settimane ne fecero 50 anni fa un autentico fenomeno popolare. Ancora oggi ci sono battute, ritornelli, espressioni di quel film che risuonano nell’immaginario collettivo. E’ certamente il segno della genialità del maggiore maestro della «commedia all’italiana», ma è anche il frutto di un lavoro di squadra come raramente si è visto nel nostro cinema.
Alla scrittura c'era la coppia d’oro Age&Scarpelli, cui Monicelli seppe suggerire l’invenzione di un «grammelot» di rara potenza espressiva in cui si mischiano latino medievale, dialetto, italiano aulico e gergo goliardico. All’origine c'era l'idea di un cinema in cui l’evidenza delle immagini e dei personaggi superasse la dittatura della parola, ma quell'italiano sgrammaticato e senza tempo fu la prima ragione del successo. Alla fotografia Carlo Di Palma diede uno smalto e un cromatismo che metteva in bella mostra luoghi antichi e suggestivi dell’agro tosco-laziale, con incursioni tra l’Umbria e la Calabria che fecero della scena del film un’Italia tutta da scoprire. Nelle scenografie si esaltò Pietro Gherardi che seppe inventare un Medioevo pop, più vero del vero nei suoi costumi straccioni e multicolori, lontanissimo dalle iconografie romantiche di maniera e vicino piuttosto ai samurai di Kurosawa, secondo i dettami del regista. Le musiche furono affidate a Carlo Rustichelli che inventò motivetti orecchiabili cantati dal tenore leggero Piero Cappellucci, il montaggio porta la firma illustre di Ruggero Mastroianni, i titoli di testa hanno la grazia impareggiabile dei disegni di Lele Luzzati.
E poi ci furono gli attori, a cominciare da un torreggiante e gigionesco Vittorio Gassman in coppia con Carlo Pisacane (l'ebreo Abacuc) come ai tempi dei «Soliti ignoti», da cui Monicelli traeva ispirazione per comporre la scalcinata combriccola agli ordini di Brancaleone da Norcia. Il nome veniva da una cronaca antica della Disfida di Barletta. Se il suo giallognolo cavallo Aquilante rimanda al Ronzinante di Cervantes, molti dei personaggi minori aprono la via agli episodi del filone boccaccesco, dalla casta Matelda di Catherine Spaak alla ninfomane Teodora di Barbara Steele, fino alla vedova nerovestita di Maria Grazia Buccella. Nel coro dei comprimari si stagliano il lussurioso Teofilatto dei Leonzi di Gian Maria Volontè (che Monicelli non voleva preferendogli Raimondo Vianello e fu invece imposto dal produttore Mario Cecchi Gori) e l'invasato Zenone di Enrico Maria Salerno che si impose al regista in forza del suo istrionismo e di una ferrata conoscenza del vero personaggio, Pietro l’Eremita. C'è indubbiamente un refolo calviniano ("Il cavaliere inesistente") nell’ispirazione di Monicelli e dei suoi compari; ma tutta la grande letteratura picaresca, dal Pulci ad Ariosto, fino a Cervantes e al Capitan Fracassa, sembra sospingere le vele del racconto: fatto di mille agnizioni, colpi di scena, morti che rivivono e pulzelle illibate.
Tutto ciò testimonia di un’armonia di talenti e suggestioni che sembrò cogliere di sorpresa anche i protagonisti dell’impresa: Cecchi Gori credeva poco nel progetto, temeva una deriva elitaria del suo regista e mandò quasi controvoglia il film a Cannes, dove restò peraltro ignorato dalla giuria. Gli attori, Gassman in testa, firmarono per lealtà al regista, ma sul set non lesinavano ironie e beffe reciproche. Monicelli ci si gettò invece a corpo morto, accettando di lavorare gratis in cambio di una percentuale sugli incassi: fu probabilmente il miglior investimento della sua carriera. Terzo incasso stagionale, entrato di prepotenza nel lessico comune (da allora nei vocabolari trova posto l’espressione «Armata Brancaleone"), satira postuma della fascinazione per un Duce qualsiasi, il film vanta anche un altro primato: il sequel girato quattro anni dopo rivaleggia in qualità con l’originale e sigilla un’epopea che oggi scoraggia qualsiasi tentativo di copia. Tutti i motivi più cari a Monicelli e alla sua idea della «commedia» come affresco sociale in cui viltà e riscatto, bassezza e nobiltà sono presenti e vanno a comporre il ritratto di un popolo che mai si redime e mai si perde nonostante un destino di ingiustizia, fame, dominazione.
Ma è la leggerezza, l’armonia, il gusto libero del narrare a rendere il film un capolavoro senza tempo e un oggetto di culto. E forse proprio quella lingua, tanto riconoscibile quanto originale, resta il segreto del suo successo, anche su scala internazionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Finale a sorpresa per X Factor:  Lorenzo batte i favoriti Maneskin Video

talent

Finale a sorpresa per X Factor: Lorenzo batte i favoriti Maneskin Video

'A Ciambra' escluso dalla corsa agli Oscar

cinema

"A Ciambra" escluso dalla corsa agli Oscar

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

E-commerce: quando il cliente si sente solo

"SILICON ALLEY"

E-commerce, da Apple a Amazon: quando il cliente si sente solo

di Paolo Ferrandi

1commento

Lealtrenotizie

Il Marconi piange Giulia

LUTTO

Il Marconi piange Giulia

Vicino a Coenzo

«Noi, i dimenticati dell'alluvione»

Copermio

«Pensavamo di morire annegati. Mio figlio vivo grazie al maresciallo»

Montagna

Corniglio, «class action» contro Enel?

sciopero

Froneri, la solidarietà ai lavoratori sfila nel cuore della città Foto

oltretorrente

Marcia antirazzista dopo il pestaggio. In corteo con Said

Abdul, il suo dipendente aggredito: non riesco ancora a capire perché ce l'avessero con me

1commento

Dopo piena

Lentigione, gli sfollati a casa per Natale

Processo

«Spese pazze» in Regione, assolti Ferrari e Garbi

Tg Parma

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia Video - Foto

Il noto ex calciatore

Cosa manca a Beckham dell'Italia? La trattoria Cocchi di Parma

3commenti

Colorno

Oltre un milione di danni per l'Alma

Colorno (e Lentigione), si lavora per tornare alla normalità. Il punto della situazione

A Lentigione un pensionato è morto mentre spalava il fango

ghiaccio

Montagna, dopo tre giorni ci sono ancora famiglie senza elettricità

1commento

coin e decathlon

Due furti in negozi sportivi, tre ragazzi denunciati

3commenti

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

3commenti

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

31commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

MILANO

Ex calciatore ucciso, fermati una donna e il figlio. Volevano sciogliere il cadavere nell'acido

IL CASO

La svolta: Ryanair riconosce i sindacati

SPORT

Calciomercato

Parma, Faggiano rinnova: "Il progetto va avanti"

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

SOCIETA'

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260