-2°

Parma

Migranti al lavoro per la città: 3.500 ore di volontariato per 75 stranieri

8

Un progetto orientato all’inclusione e all’integrazione nella comunità. Protagonisti 75 richiedenti protezione internazionale, provenienti da paesi asiatici e africani, che hanno svolto attività di volontariato in città, come la pulizia di cortili e marciapiedi, la pulizia degli stradelli del centro storico da erbacce e la raccolta di piccoli rifiuti abbandonati, come la rimozione del vandalismo grafico dai muri. In tutto, 3.500 ore di volontariato, ha detto l'assessore Laura Rossi al TgParma. 

Nell’incontro pubblico “Volontari a Parma”, che si è svolto oggi nella sala consiliare del Comune, sono stati resi noti i numeri e gli esiti del primo anno di sperimentazione del progetto. Sono stati il prefetto Giuseppe Forlani e il Sindaco Federico Pizzarotti ad aprire i lavori; è poi toccato all’assessore alle Politiche sociali Laura Rossi parlare del progetto e al Capo di gabinetto del Comune di Parma Francesco Cirillo approfondire il tema. Sono seguiti, quindi, gli interventi delle associazioni, degli enti di accoglienza e degli istituti scolastici coinvolti, a vario titolo, nel progetto.
Lo dice una nota del Comune, che prosegue: 
"Il significato di questo momento e dell'attestato che vi verrà rilasciato - ha esordito il sindaco Pizzarotti - è quello di appartenenza ad una comunità in cui ciascuno fa la propria parte. Il più importante scopo di questo progetto, oltre l'aspetto pratico, sta proprio in questo: il vostro impegno per la città in cui vivete e il riconoscimento da parte di essa di un vostro posto nella comunità".
"E' fondamentale - ha detto il prefetto Giuseppe Forlani - comprendere e integrarsi nella realtà in cui si vive, partendo in particolare dalla lingua e partecipando attivamente alla vita della stessa, in modo da costruire un rapporto di mutua fiducia con tutte le persone che vi abitano".

Il Capo di gabinetto Francesco Cirillo, che ha seguito il progetto fin dalla sua genesi, ha concentrato il suo intervento sull'importanza delle parole: "la scelta delle parole - ha sottolineato - è una vera e propria azione politica. Parlare di migranti, profughi, rifugiati può fare la differenza. E' importante che attraverso di esse non si invochi l'aspetto compassionevole, ma la dignità della persona".

"Nella direzione del benessere complessivo di un'intera comunità - ha spiegato l'assessore Laura Rossi - ognuno deve fare la sua parte anche in tema di comprensione reciproca e questo progetto ne è un vivo esempio. La comunità che vi accoglie, attraverso il vostro lavoro e il vostro fattivo contributo nei confronti della città, può imparare a conoscervi, non come numeri e realtà astratte, ma come persone, con un proprio passato difficile e doloroso e con un grande desiderio di costruire il proprio futuro integrandosi nella realtà in cui vivono".

Il progetto, condotto in via sperimentale per un anno, ha avuto l’obiettivo di attivare e realizzare occasioni di inserimento sociale a favore dei migranti ospiti delle strutture di accoglienza della città, attraverso attività di volontariato svolta in ambiti di utilità sociale che possano arricchire la loro conoscenza del territorio e migliorare l’integrazione nella comunità. Il progetto s’inserisce nelle azioni del “Protocollo d’intesa di accoglienza e di integrazione a favore di migranti ospitati nel territorio parmense”, sottoscritto il 25 giugno 2015 presso la Prefettura di Parma, e finalizzato a promuovere sul territorio provinciale di Parma percorsi di integrazione che permettano ai migranti ospitati nelle strutture di accoglienza del nostro territorio di conoscere il conteso sociale anche attraverso attività di volontariato a favore della collettività che contribuiscano, così, anche alla formazione di una coscienza alla partecipazione.
Attori del progetto sono gli enti gestori delle strutture di accoglienza e cioè Fondazione Caritas Sant’Ilario, Comunità Betania, Associazione Gruppo Amici Onlus, Associazione Svoltare onlus, Aurora Domus Cooperativa Sociale onlus. Il capofila della convenzione è la Fondazione Caritas Sant’Ilario, il coordinatore tecnico delle attività Svoltare onlus.
Ciascuna realtà ha organizzato una squadra di 5 persone che si sono alternate nel corso delle settimane. Per la costituzione delle squadre di lavoro sono stati individuati, tra i soggetti presenti presso le strutture di accoglienza, i migranti disponibili a svolgere attività di volontariato. I migranti che dovevano aver presentato istanza per il riconoscimento della protezione internazionale presso la competente Commissione Territoriale hanno sottoscritto un patto di volontariato con il Comune di Parma. I lavori si sono svolti per lo più al mattino nella fascia oraria compresa tra le 9 e le 11 (per un massimo di 3 ore) e le attività hanno riguardato in particolare: la pulizia di cortili e marciapiedi in alcuni Istituti scolastici superiori della città (al Liceo Romagnosi, Liceo Bertolucci e Liceo Ulivi) e in alcuni Istituti Comprensivi come l’Albertelli Newton; la pulizia degli stradelli del centro storico da erbacce e la raccolta di piccoli rifiuti abbandonati sul terreno nelle aree verdi della città (piazza della Pace) e in alcuni luoghi di interesse per la cittadinanza (Laboratorio Famiglia in Oltretorrente); la pulizia da erbacce lungo i lati dei monumenti cittadini (Duomo, Battistero, Steccata, Teatro Regio) e lungo i lati dei marciapiedi nei quartieri e nelle zone in cui si trovano le strutture di accoglienza (Piazzale Corte d'Appello, Tribunale di Parma, V.le Solferino); la rimozione del manto nevoso dai marciapiedi; la rimozione del vandalismo grafico dai muri sotto i portici dell’Ospedale Vecchio e operazione di ritinteggio (senza l’impiego di attrezzature da cantiere).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • alex

    22 Ottobre @ 17.40

    Qualcuno li ha visti all'opera? In piazza Garibaldi, di fianco alla Steccata, etc. con tanto di istruttore che li istruisce a grattare via un pò d'erba negli angoli dei manufatti e fra i lastroni della pavimentazione, tante foto con sindaco e/o assessori e altri... e dopo dieci minuti tutti a casa in fila indiana. Tutta scena e basta.

    Rispondi

  • ab9pr

    22 Ottobre @ 10.41

    alberto_bianco@alice.it

    Nocciolina tu pensa che fino a pochi anni fa a questi lavori da "poveracci" come può pensare qualcuno gli italiani non ci pensavano neanche e ci "sputavano" su. Adesso invece ...

    Rispondi

  • Nocciolina

    22 Ottobre @ 09.16

    magari queste cose servirebbero di più ai disoccupati italiani... per i quali nessuno fa nulla.

    Rispondi

  • marco

    21 Ottobre @ 17.52

    altamente istruttivo per i ragazzi bianchi del liceo vedere dalle finestre "volontari" neri e poveri che spazzano i loro cortili.....sapori sudafricani...

    Rispondi

  • filippo

    21 Ottobre @ 17.29

    Grande esempio...sindaco e prefetto continuano ad imbonire i cittadini...propaganda in stile PCUS....riepilogando..3500 ore in 1 anno da parte di 75 soggetti, sono 46 ore a testa...in un anno...in cambio di 1050 euro al mese di costo per lo stato..un affare

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Picchiata e scaraventata giù da un'auto

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

11commenti

tribunale

Rappresentante, si prende le porte blindate dello stand: condannato

L'accusa era anche di pagamenti con assegni oggetti di furto e protestati

Intervista

Pizzarotti: «Noi liberi di pensare solo al bene di Parma»

15commenti

reggio emilia

I tifosi della Reggiana ci ricascano: assalto al bus dei veneziani

Dopo il derby contro il Parma nuovo agguato degli ultras granata con pietre e fumogeni

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

Porporano

Incendio di canna fumaria: sono intervenuti i vigili del fuoco

FIDENZA

Memorial Concari: trionfano i padroni di casa La classifica

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

1commento

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

16commenti

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

"E' stato come una bomba. Ci siamo salvati mangiando la neve"

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

SOCIETA'

Samsung

Incendi al Galaxy Note 7: erano il design e la manifattura delle batterie

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

12commenti

SPORT

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017