11°

bologna

Segna e fa il saluto romano a Marzabotto

Il calciatore poi si scusa

Ricevi gratis le news
9

Segnata la seconda rete, quella che ha dato la vittoria per 2 a 1 alla sua squadra - la 65 Futa - sul campo del Marzabotto, in una sfida al vertice nel girone I del campionato di seconda categoria dilettanti, si è diretto a festeggiare verso la tribuna, facendo il saluto romano e mostrando una maglietta con l’Aquila sul petto. Un gesto che non sarebbe passato inosservato su qualsiasi terreno di gioco e che riapre ferite dolorose nel paese sull'Appennino bolognese, luogo di stragi naziste al termine della Seconda guerra mondiale.
La società, con un post sulla propria pagina Facebook, ha informato di aver sospeso il proprio tesserato dall’attività agonistica, annunciando che sarà multato. Il calciatore, Eugenio Maria Luppi, sulla stessa pagina si è poi scusato. Ma intanto il gesto è stato condannato da più parti e anche il presidente Figc Carlo Tavecchio ha sollecitato provvedimenti.
«Si tratta un atto premeditato che Marzabotto non giustifica per nessuna ragione - osserva il sindaco della città bolognese, Romano Franchi -: questa Amministrazione comunale procederà per le vie legali per chiedere l’applicazione delle leggi esistenti, Scelba e Mancino, che puniscono il reato di apologia al fascismo. Abbiamo ricevuto un video relativo ad un atto intollerabile per la nostra comunità che tanto ha sofferto a causa del nazi-fascismo». Per questo, aggiunge, si «chiederà alla Federazione Gioco Calcio di Bologna di prendere immediate misure nei confronti della società 65 Futa che prevedano l'allontanamento del giocatore dai campi di calcio».
E l’atleta - spiega sulla propria pagina Facebook la 65 Futa, che dice «non essere stata a conoscenza» della maglietta con l'Aquila mostrata sul campo - «è già stato sospeso dall’attività agonistica e verrà multato secondo il regolamento interno» del club. Sulla stessa pagina, il giocatore, che chiude l’intervento firmando Luppi Eugenio Maria, chiede scusa precisando di avere «lasciato passare un terribile messaggio di cui, ribadisco, sono totalmente pentito e dispiaciuto».
Sulla vicenda - stigmatizzandola - non hanno mancato di esprimersi l’Anpi di Marzabotto, secondo cui «non possiamo archiviare episodi di questo tipo come semplici ragazzate» e il presidente del comitato regionale onoranze ai caduti di Marzabotto, Valter Cardi, che definisce il gesto un «atto gravissimo e chiaramente aggravato dalla premeditazione», oltre al mondo della politica.
Se per il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini - che propone di obbligare il giocatore «a visitare il Sacrario» con i resti dell’eccidio - «quanto successo sul campo di calcio a Marzabotto è indegno», per il ministro allo Sport, Luca Lotti, «è inaccettabile. Un gesto - sottolinea - che non va sottovalutato ma condannato con fermezza: non bisogna mai abbassare la guardia».
Di fronte a quanto accaduto, a giudizio della senatrice democratica, Francesca Puglisi, «serve l’approvazione della legge Fiano», mentre per il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, «siamo di fronte ad un gesto inqualificabile» per cui ha sollecitato provvedimenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Bruno

    16 Novembre @ 09.36

    @Indiana ti rendi conto che questo imbecille ha compiuto il suo gesto a Marzabotto? A Marzabotto, se non lo sai, i nazifascisti uccisero per rappresaglia 770 civili (vecchi donne e bambini) è come se un titino fosse andato in Dalmazia ad esultare sulle foibe. Purtroppo l'ignoranza di questi soggetti è abissale non sanno niente di Marzabotto, non sanno chi è Anna Frank, sono inconsapevoli portatori di odio che un Paese civile non può più permettersi.

    Rispondi

  • controcorrente

    15 Novembre @ 15.20

    calmati indiana fumati il calumet della pace perché ne hai bisogno

    Rispondi

  • Indiana

    15 Novembre @ 14.47

    Indiana

    E invece quando vedremo i giovincelli dell'anpi e i nullafacenti dei centri sociali recarsi alle Foibe e condannare tutti i crimini commessi dai partigiani? Stanno saltando fuori tutti,a poco a poco. Se siete coerenti e giusti condannate chi ha violentato,torturato e ucciso bambine,come la piccola Giuseppina Ghersi,a cui gli "eroi" non si vergognano di negarle una targa alla memoria perché,secondo loro,era una fascista (era una studentessa esemplare e un suo tema aveva ricevutogli elogi dal Duce. Tanto é bastato)! Una bambina....E quindi giustificano l'orrore che hanno fatto a lei e a tante altre bambine,donne e ragazze (vedi Norma Cossetto).E ancora hanno il coraggio di giustificarsi e di parlare!

    Rispondi

    • StekkoPardo

      15 Novembre @ 17.33

      Peggio del gesto in sè, c'è solo il tentativo di giustificarli, per di più spostando il discorso su altri binari (che nulla c'entrano con il gesto). Indiana, I tuoi commenti stanno diventando con il tempo sempre più infantili.

      Rispondi

  • Indiana

    15 Novembre @ 14.41

    Indiana

    A tal proposito:quando vedremo i giovincelli dell'anpi e i ragazzotti nullafacenti dei centri sociali rendere visita alle Foibe? Hanno perfino protestato per una targa dedicata alla piccola Giuseppina Ghersi,violentata,torturata e uccisa dai partigiani. Ah,i casi come questo non si possono mica dire.....Peccato che a poco a poco stia saltando fuori tutto! Condannate anche tutti i crimini dei partigiani se avete il coraggio! E la coerenza

    Rispondi

  • Indiana

    15 Novembre @ 14.36

    Indiana

    In certi casi le applicano le leggi,allora! Se alzi un braccio destro sei severamente punito,giudicato e condannato,se alzi il pugno chiuso no!Idem se rubi,spacci,rapini,molesti,aggredisci,stupri....C'è qualcosa che non torna

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cani e gatti: sai tutto su di loro?

GAZZAFUN

Cani e gatti: sai tutto su di loro?

La canzone di Libera contro la mafia dei ragazzi dell'Udu e dei pensionati Cgil

Tg Parma

Studenti e pensionati nella canzone di Libera contro la mafia

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

SEMBRA IERI

Gli Harlem Globtrotters stregano il Palaraschi (1986)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso: Giorgio Pasotti dagli spot del Mulino Bianco al Pezzani

VELLUTO ROSSO

Giorgio Pasotti dagli spot del Mulino Bianco al Pezzani Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Controlli congiunti della polizia municipale e ispettori Ausl: sequestrati alimenti in cattivo stato di conservazione in un esercizio commerciale

San Leonardo

Carne e pesce scaduti: denunciato il titolare di un negozio di alimentari

Inflitte anche multe per oltre duemila euro

1commento

Furto

Il ladro va in cantina e trova... il grande fratello

4commenti

CARABINIERI

Coltivano marijuana in casa: coppia agli arresti domiciliari a Colorno

Due 37enni sono stati arrestati in flagrante: sequestrate piante e 180 di marijuana in essiccazione

3commenti

ospedale

Ortopedia: ecco le nuove sale operatorie

Sono dotate delle più moderne attrezzature. Vaienti: «Più qualità e più sicurezza»

Parma

Sfondano la vetrina della concessionaria Boselli e rubano quattro moto nuove

Intervento della polizia in via La Spezia

2commenti

Tg Parma

Parco Ducale sempre più insicuro Video

1commento

LUTTO

Addio a Gianmaria Piccinini, fonico del Regio e tifoso del Parma Video

Tg Parma

Smog, per tre giorni consecutivi Pm10 fuori norma Video

1commento

PARMA

Inseguimento nella notte a San Pancrazio: un uomo abbandona l'auto e fugge

Dopo l'alt dei carabinieri, un africano alla guida di una Peugeot 307 è fuggito a fari spenti a tutta velocità

2commenti

Traffico

Strada chiusa per recuperare il camion incidentato

La provinciale Parma-Mezzani

PARMA

Black Friday: sale la febbre per gli sconti Video

CALCIO

Il Parma verso Carpi con un ballottaggio per il "vice Calaiò" Video

L'intervista

Il carabiniere investito: «Voglio tornare sulla strada»

Lutto

Addio Roberta, maestra di una volta

Sicurezza

La Cittadella al buio: nessuno ci va più

5commenti

PARMA

Centro Antiviolenza, aumentano le donne che chiedono aiuto: 265 quest'anno

Sono aumentate rispetto al 2016 le vittime di violenza che si sono rivolte all'associazione

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La crisi di Berlino. Cosa sconta la Merkel

di Domenico Cacopardo

LETTERE

Il primo posto è di Mattia

5commenti

ITALIA/MONDO

spagna

Italiano ucciso in una rissa a Barcellona

MILANO

Ladro ucciso: l'oste pubblica le sue ricette per pagarsi il processo

1commento

SPORT

EUROPA LEAGUE

Vincono Milan e Atalanta, pari per la Lazio: tutte qualificate

IL CASO

Violenza sessuale: 9 anni a Robinho, ex del Milan

SOCIETA'

SALUTE

Quando il design aiuta le mani impacciate Gallery

Francia

Ustionato al 95%, vive per il trapianto di pelle dal gemello

MOTORI

Motori

Tesla Roadster 2, da 0 a 100 km/h in 1,9 secondi Gallery

GAS

Suzuki, la gamma Hybrid acquista l'alimentazione a GPL Fotogallery