12°

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus

parma

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus Foto

"Indietro tutta 30 e lode!" sfiora i 4 milioni di spettatori

televisione

"Indietro tutta" sfiora i 4 milioni di spettatori Foto

Notiziepiùlette

Imu e Tasi, lunedì si chiudono i conti

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

gazzareporter

"L'operatore prende ciò che gli interessa e lascia i rifiuti": il video di un lettore

La replica di Iren: "L'operatore non è riuscito a prendere tutto e ha richiesto l'intervento di un altro mezzo"

Ricevi gratis le news
22

"Oggi abbiamo trovato qualcosa che può tornare utile tra i rifiuti, lo accomodiamo sul sedile passeggero...e il resto, beh, è rudo, lo lasciamo lì": è l'amaro commento di un lettore, Nicola, che ha inviato un video che mostra un addetto alla raccolta rifiuti recarsi dove ne sono stati abbandonati parecchi, prendere qualcosa, metterlo sul sedile e poi andarsene senza portar via i sacchetti abbandonati.

LA REPLICA DI IREN: "L'OPERATORE NON POTEVA RACCOGLIERE TUTTO E HA RICHIESTO UN INTERVENTO". Iren replica alla video-segnalazione del lettore: "L'operatore non era in grado di raccogliere tutti i rifiuti presenti con i sacchi che aveva con sé (sacchi che ha riposto sul sedile, era questo l’oggetto scuro che aveva in mano) e con il mezzo disponibile - dice la multiutility in una breve nota -. Una segnalazione è stata inviata dal medesimo operatore per il passaggio di un mezzo adeguato. Ricordiamo che la pratica di abbandonare rifiuti dietro o accanto ai cassonetti è un gesto incivile e crea grave pregiudizio al decoro urbano".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Fausto

    07 Giugno @ 20.39

    I netturbini dovebbero essere istruiti da Iren a fare il loro mestiere con un pò di passione o perlomeno con professionalità, cosa che purtroppo in generale non fanno. credo che tutti abbiamo visto cassonetti abbandonati in mezzo ai marciapiedi o raccolta fatta senza un minimo di criterio, Per quanto mi riguarda ritengo che la colpa principale sia di IREN a cui paghiamo tanti soldi e da cui mi aspetto un servizio di qualità migliore. Per capirci se vado al ristorante e mangio male non me la prendo con il cameriere. Alla stessa stregua non me la prendo con il netturbino, ma con Iren che fa pagare tanti soldi e non si accerta che il servizio venga svolto in maniera decente. Immagino che non servano altre prove fotografiche simili a quelle mandate dal lettore, ma se servono basta un cenno... Naturalmente essendo in un regime di monopolio sono certo che a IREN queste considerazioni non interessano nulla... sanno bene che se non fossimo in un regime di monopolio probabilmente con questi livelli di servizio non avrebbero neanche un cliente (ma ahime sanno anche che di queste considerazioni possono fregarsene) Pazienza speriamo nel buon cuore di qualche netturbino a cui vorrei trasmettere tutta la mia stima e il mio grazie per il loro prezioso lavoro

    Rispondi

    • lusiri

      08 Giugno @ 21.55

      OK DICIAMO CHE RINGRAZIO DA PARTE DI LEO, GIACOMO, ANGELO/I, GIANNI/, FRANCESCO , SALVATORE, VALERIO, LEONARDO, VINCENZO, VITTORIO, MICHELE, PAOLO, LUCIA, SILVANA, ROSY, AGATA, ED ALTRE 100 PERSONE INVISIBILI AI VOSTRI OCCHI, MA MOLTO VISIBILI AI CONTROLLI IN QUANTO COME VEDI OLTRE AD AVERE IL GPS abbiamo cittadini che fotografano noi invece che chi abbandona.

      Rispondi

  • Max

    07 Giugno @ 19.51

    Pur comprendendo l'esasperazione del lettore Nicola, il video-denuncia e, soprattutto, il relativo commento accompagnatorio, ha il torto di fare quasi esclusivamente, gratuito sarcasmo e di colpevolizzare l'addetto alla raccolta, minandone palesemente, volutamente e vergognosamente la sua professionalità e la moralità - mettendolo alla gogna e senza conoscere quali fossero le disposizioni ad egli impartite - per presunti comportamenti che, se tali fossero davvero stati, sarebbero passibili di provvedimenti disciplinari e persino penalmente perseguibili. Quindi, ripeto, quel video e quel commento sono stati vergognosi. Ciò detto, è irrilevante aggiungere che l'operatore in questione non sia un dipendente IREN.

    Rispondi

    • Nicola

      07 Giugno @ 23.22

      Caro Max, il mio commento era volutamente provocatorio proprio per provare a dar rilevanza a quello che è per i residenti del mio condominio obiettivamente un problema, e credo che tale problema sia comune a molti condomini di Parma. Non mi dilungherò ulteriormente sui comportamenti degli operatori ecologici (veda i commenti precedenti), io ho riportato semplicemente ciò che ho visto per due giorni consecutivi. Quello che è davvero vergognoso, a mio parere, è che per portare in primo piano una segnalazione di un cittadino non sia sufficiente utilizzare un canale ufficiale, ma sia necessario alzar la voce utilizzando un quotidiano.

      Rispondi

  • marco

    07 Giugno @ 16.31

    ma e legale riprendere una persona a sua insaputa e poi mandare il video a un giornale? pure io un giorno potrei essere ripreso a mia insaputa magari mentre urino contro un albero e poi vedermi sul sito della gazza?

    Rispondi

    • 07 Giugno @ 21.26

      la persona non è riconoscibile

      Rispondi

      • lusiri

        08 Giugno @ 21.57

        invece per gli addetti è riconoscibile

        Rispondi

  • Nicola

    07 Giugno @ 15.49

    Chi abbandona i rifiuti è stato pizzicato e redarguito dal sottoscritto più di una volta e vi assicuro che le reazioni sono state diverse: c'è chi si mostra mortificato, ma appena ti volti ti lascia il sacchetto dietro la campana, chi si adira e se la prende con il metodo di raccolta differenziata, e c'è anche persino chi alza la voce e prova a minacciarti fisicamente. Non era e non è mia intenzione colpevolizzare l'operatore, ma mettevi nei panni di chi si alza la mattina alza la tapparella e vede una montagna di rifiuti sotto la sua finestra, e per caso o combinazione, per due mattine consecutive osserva un operatore ecologico che passeggia tra i sacchetti abbandonati senza nemmeno raccogliere un fazzoletto. Io il mio credo di averlo fatto e continuerò a farlo, ma qui si sta raggiungendo il colmo della misura e la pazienza sta per finire.

    Rispondi

    • Anna

      07 Giugno @ 17.47

      Io la capisco. E nessuno dovrebbe sopportare la vista e gli effluvi di tutti quei rifiuti. Volevo solo intendere che l'ultima delle colpe è degli operatori ecologici. Da quel che vedo, ci sono le campane del vetro e i raccoglitori di abiti usati, perciò di odori non se ne dovrebbero proprio sentire se la gente fosse un po' più civile e rispettasse le regole come quasi tutti facciamo.

      Rispondi

      • Nicola

        07 Giugno @ 23.10

        Anna lei ha ragione a dire che la colpa non è degli operatori ecologici (probabilmente gli operatori che ho osservato oggi e ieri non avevano tra le loro competenze la raccolta di una così grande quantità di rifiuti?) ma dei maiali che abbandonano lì i loro rifiuti. A questo punto però ne deduco che ieri la segnalazione non sia stata fatta (e qui mi domando perché ieri no e oggi si). Come commentato precedentemente, nel corso degli anni ho già provato a risolvere il problema utilizzando quelli che credo siano i canali istituzionali, ma con scarsi risultati. Nel nostro paese purtroppo molto spesso bisogna alzare un polverone e far polemica per cercare di smuovere le acque. Non è nella mia indole essere sarcastico e velenoso, ma da padre di famiglia le posso assicurare che è mortificante passare ogni giorno davanti a questo scempio: mia figlia identificherà il portone di "casa" con una siepe e una montagna di rifiuti, e le assicuro che questa cosa è molto triste.

        Rispondi

  • Anna

    07 Giugno @ 15.12

    Più che fare ironia sulla differenziata, sarebbe bene che la gente imparasse ad essere meno incivile e "sporcacciona". Appena ho visto il video, prima di leggere la replica di Iren, mi è sembrato che ciò che l'operatore aveva in mano potessero essere sacchi neri per l'immondizia. L'addetto non sarebbe neanche stato tenuto a tentare di raccogliere il "rudo" lasciato da qualche imbecille in luogo palesemente non adeguato, ma ha svolto il proprio dovere allertando l'azienda per l'invio di un mezzo idoneo al recupero. Le alternative per conferire i rifiuti in maniera adeguata ci sono e sono abbondanti. Poi se la gente fa schifo, è un altro discorso. E sarebbe meglio che ci si mettesse dietro le tapparelle per filmare chi lascia i rifiuti ovunque, siano essi materassi, lavatrici o sacchi di indifferenziato.

    Rispondi

    • lusiri

      08 Giugno @ 19.40

      grazie, chiunque tu sia, qualcuno tra noi operatori ecologici delle cooperative sociali si ferma e non rende a sufficienza ma non tutti giorni, qualcuno è sconfortato da stipendi da fame e vilipendio dei cittadini, qualcuno ha problemi di salute reali, qualcuno si fa forza con anche "quei qualcuno di prima" ed arriva a fine turno sudato,col mal di schiena ed impolverato e si batte "un cinque" sorridente per aver svolto un buon lavoro ed aver ripulito bene un quartiere. Qualche volta un GRAZIE da parte della cittadinanza non guasterebbe. Ma no, perchè, tanto siamo invisibili... ci alziamo tra le tre e le quattro e scompariamo verso le 11 facendo trovare quasi tutto raccolto e fatto sparire dalle delicate narici dei cittadini gli odori ed i cumuli. Durante il giorno manteniamo il resto, aggiungiamo pulizia ai parchi, le tangenziali sotto il sole cocente, prendiamo insulti e minacce da gente che non ci sopporta coi mezzi a fare il nostro lavoro. grazie Anna del tuo unico GRAZIE

      Rispondi

      • Filippo

        08 Giugno @ 21.44

        Un grazie te lo voglio dire anch'io, perché sono sicuro che per la situazione attuale solo una minima parte di colpa sia attribuibile a pochi di voi che lavorano male, come esistono in tutte le categorie.

        Rispondi

        • lusiri

          08 Giugno @ 22.15

          ne prendo atto, ma tu fai parte di una minoranza talmente ridotta che ti dico, comunque ci sentiamo invisibili e vilipesi. nulla a che vedere con un articolo letto su DIARIO O INTERNAZIONALE OLTRE 15 ANNI FA, non ricordo, in cui gli spazzini di Parigi (che lavorano rigorosamente di notte) difendevano con orgoglio smisurato il loro ruolo. Sfido tutti i parmensi, non solo i parmigiani, a indurci allo sciopero. E' un periodo che se ne parla tra gli operatori che passano anche tre volte in un turno nella stessa via ed alla fine imparano a passarci solo dopo una certa ora. non so quanto resisteranno le cooperative ai ricatti del rinnovo dei contratti da parte di un'azienda che ha il MONOPOLIO (già non il monopoli, il MONOPOLIO) . operatore ecologico è una parola grossa. siamo spazzini del rudo parmigiano, comunque grazie

          Rispondi

    • Filippo

      07 Giugno @ 21.21

      Chi si ostina a difendere un sistema palesemente inefficace, al di là dell'acclarata incivilta' di chi getta in giro i suoi rifiuti, non è adatto a governare una città (ma neanche un condominio).

      Rispondi

      • Nicola

        07 Giugno @ 22.55

        Filippo io non credo sia un problema di efficacia o non efficacia di un sistema (le assicuro che la situazione era grosso modo la stessa quando c'erano i vecchi cassonetti). Si può e si deve discutere di leggi e regolamenti che possono sembrare inefficacia, ma dal momento che tali leggi e regolamenti sono in vigore tutti noi siamo obbligati a rispettarli. A mio parere l'attuale amministrazione comunale non ha mal governato negli ultimi anni, e credo che abbia ben in mente che il vero problema sia lo smarrimento di una coscienza e di una responsabilità sociale dei cittadini che si è persa negli anni. Purtroppo lavorare su questa aspetto non è facile, l'obiettivo di sensibilizzare la cittadinanza e orientarla a comportamenti virtuosi non è raggiungibile nel breve periodo.

        Rispondi

        • Filippo

          08 Giugno @ 13.37

          Al di là di non essere ovviamente d'accordo sulle capacità amministrative di questa giunta, sono dell'idea che sicuramente il problema vada affrontato su più fronti. Ma questo richiede tempo ed investimenti. Nell'immediato, togliere i cassonetti ha sicuramente aggravato il problema e pensare che i maggiori disagi si possano risolvere addossando le colpe all'incivilita' dei cittadini, con quattro guardiani del rudo e cinque telecamere che nessuno controlla è semplicemente fare della demagogia, nascondendo la testa sotto la sabbia come gli struzzi. Chi amministra deve trovare delle soluzioni efficaci, non ideologiche: come ha unicamente fatto questa giunta.

          Rispondi

Mostra altri commenti

Lealtrenotizie

Il Marconi piange Giulia

LUTTO

Il Marconi piange Giulia

Vicino a Coenzo

«Noi, i dimenticati dell'alluvione»

Copermio

«Pensavamo di morire annegati. Mio figlio vivo grazie al maresciallo»

Il noto ex calciatore

Cosa manca a Beckham dell'Italia? La trattoria Cocchi di Parma

Processo

«Spese pazze» in Regione, assolti Ferrari e Garbi

Montagna

Corniglio, si pensa a una eventuale «class action» contro Enel

Dopo piena

Lentigione, gli sfollati a casa per Natale

Colorno

Oltre un milione di danni per l'Alma

Tg Parma

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia Video - Foto

Colorno (e Lentigione), si lavora per tornare alla normalità. Il punto della situazione

A Lentigione un pensionato è morto mentre spalava il fango

ghiaccio

Montagna, dopo tre giorni ci sono ancora famiglie senza elettricità

anteprima gazzetta

Un'altra vittima innocente: "Possiamo migliorare le condizioni nelle strade"

1commento

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

3commenti

lentigione

I lavori sull'argine dell'Enza visti dal drone Video

Ricerca

Centri storici: quello di Parma tra i più dinamici in Italia

coin e decathlon

Due furti in negozi sportivi, tre ragazzi denunciati

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Monza

Trovato il cadavere dell'ex calciatore Andrea La Rosa: era nel bagagliaio di un’auto

Francia

Scontro treno-scuolabus, "21 alunni feriti gravi"

SPORT

Calciomercato

Parma, Faggiano rinnova: "Il progetto va avanti"

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

SOCIETA'

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

NOVITA'

Nuova Audi RS4 2017, il ritorno del V6 biturbo

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS