-2°

libia

Liberati in un blitz con 9 morti

Prime rivelazioni sulla liberazione dei due tecnici della Bonatti

Ricevi gratis le news
0

Ore 20,30 - (ANSA) - IL CAIRO, 4 MAR - Il capo del Consiglio militare di Sabrata, Altaher Algrabli, ha confermato che i tecnici italiani Gino Pollicardo e Filippo Calcagno sono stati liberati attraverso un blitz. In dichiarazioni all’ANSA, il miliziano ha sostenuto che il raid ha causato nove vittime tra cui due donne kamikaze.

........

La fine di un incubo per le famiglie - «Conoscendolo non mi sembra il tipo, piuttosto li avrebbe convinti parlando». Così il figlio di Gino Pollicardo, Gino Junior, ha risposto ai giornalisti che gli riferivano la notizia secondo la quale il padre e Filippo Calcagno si sarebbero liberati da soli. Gino junior ha detto di non essere a conoscenza delle circostanze della liberazione del padre, ma dopo aver visto il primo video ha commentato che il padre ha mantenuto «la solita flemma». «Potrebbe dire sono Bond, James Bond», ha scherzato il ragazzo

«Sto bene. Non vi preoccupate. Siamo al sicuro». Queste le parole dette stamane da Filippo Calcagno alla famiglia, che ha potuto risentire dopo otto mesi di prigionia in Libia dopo essere stato liberato a Sabratha insieme al collega Gino Pollicardo. A raccontarlo è il figlio Gianluca, 38 anni, che incontra i giornalisti davanti al cancello della villa di famiglia in contrada Colla, a Piazza Armerina (Enna). Gianluca racconta di una telefonata «molto breve» in cui il padre ha scambiato alcune parole con lui, la sorella Cristina, di 31, e la madre, Maria Concetta Arena, di 62. Al congiunto hanno detto: «Ti aspettiamo. Non vediamo l’ora che torni».
«Abbiamo saputo della liberazione stamattina - dice Gianluca - dai telegiornali, poi è arrivata la conferma dalla Farnesina, giustamente cauta. Ma non ci hanno detto quando sarà a casa nè dove si trova adesso mio padre. Per noi sono stati otto mesi angosciosi, ma sempre con la speranza che la vicenda si sarebbe potuta chiudere positivamente. La scorsa settimana sapevamo che si era vicini a una svolta, ma non era dato sapere nulla sulle tempistiche».
Gianluca racconta di quando ha interrotto il viaggio di nozze in Usa dopo aver saputo del rapimento del padre. «L'ultima volta che ci eravamo sentiti è stato il 18 luglio, prima che io e mia moglie partissimo. Papà sarebbe andato via l’indomani. Il 21 eravamo a New York e abbiamo saputo del rapimento. In questi mesi siamo sempre stati in contatto con la Farnesina».
Ieri quando è giunta la notizia dalla Libia dell’uccisione di due dei quattro italiani rapiti a Mellitah, Fausto Piano e Salvatore Failla, in casa Calcagno «c'è stato il crollo totale: due colleghi e amici di papà non erano più in vita e questo è stato il grande rammarico di tutti noi. Non conoscevo gli altri colleghi di mio padre, le loro famiglie non le abbiamo sentite per discrezione, ma siamo vicini a loro. Stamattina - dice Gianluca - abbiamo anche sentito la ditta di papà, che ci è stata sempre vicina».
«Accoglieremo papà con un grande abbraccio, poi cercheremo di farlo stare tranquillo. Non sappiano fisicamente e psicologicamente come hanno affrontato questi otto mesi. Mio padre al telefono non ci ha raccontato nulla della prigionia. Dalla voce ho sentito che stava bene, ma so che è un grande camuffatore, sa non trasmettere alla famiglia le sue paure, l’ha imparato da questo lavoro».
Casa Calcagno alla notizia della liberazione di Filippo si è riempita di parenti; l’uomo liberato ha cinque sorelle. «Sono subito accorsi tutti. Ora aspettiamo il suo ritorno».

"Siamo devastati: vogliamo tornare urgentemente dalle nostre famiglie: sono le prime parole di Calcagno e Pollicardo. guarda il video

«Per festeggiare aspettiamo il ritorno a casa di papà, ma siamo felicissimi». Lo ha detto il figlio di Gino Pollicardo, Gino junior, parlando ai cronisti danti alla casa di famiglia. I Pollicardo hanno ricevuto la visita del sindaco, Emanuele Moggia e dei carabinieri, mentre da questa mattina i parenti di Gino si sono radunati nell’abitazione accanto alla moglie Ema. E’ stata lei a ricevere la telefonata della Farnesina che annunciava la liberazione.

Una «gioia immensa rattristata dalla notizia dell’uccisione degli altri due colleghi». Così il figlio di Gino Pollicardo, Gino Junior, sulla porta di casa ha commentato la notizia della liberazione in Libia del padre. «Credetemi, è una gioia dopo tanti mesi di attesa e di tensione. Ringrazio tutti quelli che ci sono stati vicini, dalla Farnesina ai nostri compaesani, anche al parroco che stamattina ha fatto suonare le campane in segno di festa», ha aggiunto.

La cronaca della mattinata

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

8commenti

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

San Polo d'Enza

Spaccate a tempo di record: altri 4 colpi "intestati" alla banda, uno a Montechiarugolo

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

correggio

Intervenne per sedare una lite e venne "pestato": 6 denunciati

il caso

La salma di Vittorio Emanuele III è arrivata a Vicoforte Foto

SPORT

nuoto

Europei, bis d'oro dell'Italia: prima Dotto e poi Orsi

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

SOCIETA'

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260