15°

29°

tg parma

Tecnici Bonatti: erano ostaggi Isis Video

Ricevi gratis le news
0

Il capo del Consiglio municipale di Sabrata, Hussein al-Zawadi, ha sostenuto che Gino Pollicardo e Filippo Calcagno, i due tecnici della Bonatti da oggi liberi, sono riusciti a sfondare da soli la porta principale della casa in un cui erano tenuti prigionieri nella parte nord-ovest della città libica, liberandosi così dalla prigionia di un gruppo affiliato all’Isis. Al Zawadi, in una dichiarazione all’Associated Press, ha riferito che miliziani locali sono poi venuti in loro aiuto su segnalazione di vicini.
L’area è stata teatro di duri scontri tra combattenti dell’Isis e forze locali di Sabrata, ha detto ancora il capo del consiglio municipale confermando che i due sono «in buone condizioni» anche se non avevano mangiato da una settimana. 

«Conoscendolo non mi sembra il tipo, piuttosto li avrebbe convinti parlando». Così il figlio di Gino Pollicardo, Gino Junior, ha risposto ai giornalisti che gli riferivano la notizia secondo la quale il padre e Filippo Calcagno si sarebbero liberati da soli. Gino junior ha detto di non essere a conoscenza delle circostanze della liberazione del padre, ma dopo aver visto il primo video ha commentato che il padre ha mantenuto «la solita flemma». «Potrebbe dire sono Bond, James Bond», ha scherzato il ragazzo

«Sto bene. Non vi preoccupate. Siamo al sicuro». Queste le parole dette stamane da Filippo Calcagno alla famiglia, che ha potuto risentire dopo otto mesi di prigionia in Libia dopo essere stato liberato a Sabratha insieme al collega Gino Pollicardo. A raccontarlo è il figlio Gianluca, 38 anni, che incontra i giornalisti davanti al cancello della villa di famiglia in contrada Colla, a Piazza Armerina (Enna). Gianluca racconta di una telefonata «molto breve» in cui il padre ha scambiato alcune parole con lui, la sorella Cristina, di 31, e la madre, Maria Concetta Arena, di 62. Al congiunto hanno detto: «Ti aspettiamo. Non vediamo l’ora che torni».
«Abbiamo saputo della liberazione stamattina - dice Gianluca - dai telegiornali, poi è arrivata la conferma dalla Farnesina, giustamente cauta. Ma non ci hanno detto quando sarà a casa nè dove si trova adesso mio padre. Per noi sono stati otto mesi angosciosi, ma sempre con la speranza che la vicenda si sarebbe potuta chiudere positivamente. La scorsa settimana sapevamo che si era vicini a una svolta, ma non era dato sapere nulla sulle tempistiche».
Gianluca racconta di quando ha interrotto il viaggio di nozze in Usa dopo aver saputo del rapimento del padre. «L'ultima volta che ci eravamo sentiti è stato il 18 luglio, prima che io e mia moglie partissimo. Papà sarebbe andato via l’indomani. Il 21 eravamo a New York e abbiamo saputo del rapimento. In questi mesi siamo sempre stati in contatto con la Farnesina».
Ieri quando è giunta la notizia dalla Libia dell’uccisione di due dei quattro italiani rapiti a Mellitah, Fausto Piano e Salvatore Failla, in casa Calcagno «c'è stato il crollo totale: due colleghi e amici di papà non erano più in vita e questo è stato il grande rammarico di tutti noi. Non conoscevo gli altri colleghi di mio padre, le loro famiglie non le abbiamo sentite per discrezione, ma siamo vicini a loro. Stamattina - dice Gianluca - abbiamo anche sentito la ditta di papà, che ci è stata sempre vicina».
«Accoglieremo papà con un grande abbraccio, poi cercheremo di farlo stare tranquillo. Non sappiano fisicamente e psicologicamente come hanno affrontato questi otto mesi. Mio padre al telefono non ci ha raccontato nulla della prigionia. Dalla voce ho sentito che stava bene, ma so che è un grande camuffatore, sa non trasmettere alla famiglia le sue paure, l’ha imparato da questo lavoro».
Casa Calcagno alla notizia della liberazione di Filippo si è riempita di parenti; l’uomo liberato ha cinque sorelle. «Sono subito accorsi tutti. Ora aspettiamo il suo ritorno».

"Siamo devastati: vogliamo tornare urgentemente dalle nostre famiglie: sono le prime parole di Calcagno e Pollicardo. guarda il video

«Per festeggiare aspettiamo il ritorno a casa di papà, ma siamo felicissimi». Lo ha detto il figlio di Gino Pollicardo, Gino junior, parlando ai cronisti danti alla casa di famiglia. I Pollicardo hanno ricevuto la visita del sindaco, Emanuele Moggia e dei carabinieri, mentre da questa mattina i parenti di Gino si sono radunati nell’abitazione accanto alla moglie Ema. E’ stata lei a ricevere la telefonata della Farnesina che annunciava la liberazione.

Una «gioia immensa rattristata dalla notizia dell’uccisione degli altri due colleghi». Così il figlio di Gino Pollicardo, Gino Junior, sulla porta di casa ha commentato la notizia della liberazione in Libia del padre. «Credetemi, è una gioia dopo tanti mesi di attesa e di tensione. Ringrazio tutti quelli che ci sono stati vicini, dalla Farnesina ai nostri compaesani, anche al parroco che stamattina ha fatto suonare le campane in segno di festa», ha aggiunto.

La cronaca della mattinata

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

il caso

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

Negli Usa è iniziata "l'eclissi del secolo" Gallery

astronomia

Negli Usa è iniziata "l'eclissi del secolo" Gallery

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

estate

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

INCHIESTA

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

Furti

Due assalti in dieci giorni alla scuola Sanvitale

Tragedia

Cade in montagna, muore l'urologo Poletti

1commento

TRA FEDE E ARTE

Viaggio inedito nel Duomo «invisibile» Foto

tragedia

Barca prende fuoco e affonda nel Po, 65enne muore annegato Video

La vittima, Marco Padovani, era di Trecasali

Il racconto dagli Usa

I parmigiani cacciatori di eclissi

Fidenza

Basket, Azzoni: «Saremo la Fulgor per Fidenza»

Impresa

Greta, un bronzo che vale come un oro

Felegara

E' morta Gianna, la regina dei tortelli

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

9commenti

calcio

Il Parma supera i 7mila abbonamenti e "corteggia" Matri

2commenti

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

16commenti

METEO

Arriva una nuova ondata di caldo africano

Già finita tregua, da mercoledì temperature tornano sopra media

1commento

IL CASO

Vaccini obbligatori e verifiche, la protesta dei presidi

1commento

bellezze

Miss Italia: il popolo del web fa volare Anna Maria alle prefinali di Jesolo

anteprima gazzetta

La "cattedrale segreta", alla scoperta del duomo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

usa

Scontro fra treni a Filadelfia, 33 feriti

terrorismo

Attentato di Barcellona, ucciso il killer in fuga

SPORT

ciclismo

Impresa di Nibali alla Vuelta. Ora Froome è in rosso

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

SOCIETA'

Usa

Quando la "diva" Luna oscura totalmente il sole  Foto

tg parma

Agosto 1984, quando i parmigiani andavano alla piscina Ex Enal Video

1commento

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti