22°

tg parma

Nidi e materne: via alle iscrizioni, tariffe invariate

Ricevi gratis le news
2

Al via le iscrizioni per nidi e materne: le interviste nel servizio del TgParma.  La diretta di Parma ore nove"

Il comunicato del municipio

Si parte d venerdì 22 gennaio, e ci sarà un mese di tempo per iscrivere i bambini ai servizi educativi per l'infanzia per l'anno scolastico 2016 - 2017.
Sia per i nidi d'infanzia e i servizi integrativi, sia per le scuole dell'infanzia comunali e statali e servizi sperimentali zero-sei, le iscrizioni si ricevono dal 22 gennaio al 22 febbraio.
Le domande per entrambi i servizi possono essere inviate on line, trasmesse via posta o fax, oppure consegnate direttamente al Duc in largo Torello de Strada, dal lunedì al venerdì dalle 8,15 alle 17,30 e il sabato dalle 8,15 alle 13,30.
Per gli asili nido possono presentare la domanda le famiglie residenti a Parma, con i bimbi nati negli anni 2014, 2015 e 2016, fino a nascita presunta del 30 aprile prossimo. Potranno presentare domanda anche le famiglie dei nati dal 1 maggio al 30 giugno e i residenti fuori Parma, ma saranno in coda alla graduatoria.
Alle scuole dell'infanzia (sia comunali che statali) possono accedere i bambini nati negli anni 2011, 2012 e 2013.
Per entrambi i servizi (nidi e materne) la famiglia può indicare la preferenza per 8 strutture. I posti verranno assegnati in base alle graduatorie e all'ordine delle preferenze indicate nella domanda. Le tariffe sono legate al reddito ISEE della famiglia e alla tipologia di servizio erogato, e variano per gli asili nido da 65 a 650 euro per le materne da 65 a 280 euro.
Per i nidi comunali a gestione diretta è prevista da quest'anno la possibilità di frequentare il servizio ad orario ridotto con una tariffa più bassa.
Il bando, i moduli della domanda e tutte le informazioni utili alle famiglie sono reperibili presso il punto accoglienza DUC largo Torello de’ Strada 11/a al piano -1 a partire dal 22 gennaio e sul sito del Comune all’indirizzo www.comune.parma.it .
Per informazioni è possibile rivolgersi anche al contact center del Comune allo 052140521, dal lunedì al venerdì dalle 8,00 alle 17,30, sabato dalle 8,00 alle 13,00.

Le novità del 2016
“Quest'anno – ha fatto presente la vicesindaco Nicoletta Paci presentando i nuovi bandi - sono state introdotte modifiche al regolamento per andare incontro alle esigenze delle famiglie”.
Infatti, con il nuovo regolamento del 18 dicembre scorso, sono state previste procedure che hanno la finalità di approvare una graduatoria della lista d’attesa che non subisca modifiche successive all’approvazione, con la sola esclusione di inserimenti di bambini con legge 104, relazioni dei servizi sociali, situazione di affido preadottivo, controlli con esito negativo.
Da quest'anno, ad ogni domanda sarà attribuito un punteggio valido per la collocazione del bambino in graduatoria da comunicare alla famiglia, con una nota contenente il termine entro il quale ogni utente potrà richiedere la correzione di errori materiali, la modifica delle strutture scelte o certificare la variazione della situazione familiare. Scaduto tale termine il punteggio assegnato sarà considerato definitivo al fine della formazione della graduatoria.

“Fino all’anno scorso – ha detto ancora Nicoletta Paci - la lista d’attesa cambiava in continuazione perché le famiglie potevano richiedere l’aggiornamento del punteggi anche dopo l'approvazione della graduatoria, suscitando la protesta delle famiglie che si vedevano scavalcate”.
Inoltre gli utenti in lista d’attesa che rifiutano un posto assegnato non corrispondente alla prima scelta non saranno più cancellati dalla graduatoria all’atto del rifiuto, ma potranno rimanere in lista per le strutture scelte con ordine di preferenza precedente a quello proposto.
A differenza del passato, per venire incontro alle famiglie, sono previste due graduatorie delle domande fuori termine, una al 30/6 e una al 30/9 (prima era prevista una sola graduatoria per le domande presentate dalla scadenza del bando al 30/9).
Altra novità è che per il nido è prevista la possibilità di presentare domanda fuori termine anche per i nati dal primo maggio al 30 giugno.
Infine, gli esiti negativi dei controlli non comporteranno più l’esclusione della domanda ma l’attribuzione di punteggio zero per il criterio assoggettato a controllo, oltre ad una sanzione amministrativa.
“Per i nidi a gestione diretta del Comune – ha detto la vicesindaco – abbiamo inserito anche la possibilità di scegliere l'orario ridotto dalle 7,30 alle 13,30, con una riduzione della retta pari al 18% rispetto a quella per l'orario intero. Anche questa scelta – ha sottolineato Nicoletta Paci – va nella direzione di una maggiore flessibilità, soprattutto per fronteggiare un calo di domande negli asili nido che si riscontra ovunque a livello nazionale e regionale”.
Su questo aspetto il Comune non ha atteso gli eventi: infatti – come è stato ribadito dalle responsabili dei servizi presenti – già negli anni scorsi molti posti di asilo nido sono stati riconvertiti in scuole dell'infanzia, dove invece la richiesta è aumentata. Anche per questo a Parma sono diminuite le liste d'attesa di entrambi i servizi.


Liste d'attesa e posti disponibili
I posti disponibili in nidi e scuole dell'infanzia sono invariati rispetto all'anno scolastico in corso:
in totale sono 1.544 per gli asili nido e 2.664 per le scuole dell'infanzia comunali, oltre a 573 posti presunti nelle materne statali.
I nuovi posti previsti da assegnare tramite il bando sono sono invece 869 per gli asili nido e 1.081 per le materne comunali e statali, ma i numeri potrebbero essere soggetti a modeste variazioni per motivi tecnici.
Entrambi i servizi restano sostanzialmente invariati rispetto all'anno scolastico in corso, sia come strutture disponibili sia come numero di bambini che possono ospitare.
Si riducono invece le liste d'attesa per l'anno scolastico in corso: negli asili nido, a fine 2015 i bambini non inseriti nelle strutture richieste erano 64 di Parma e 19 fuori comune, mentre il 31 dicembre 2014 erano rimasti esclusi 99 bambini di Parma e 54 provenienti da altri comuni.
Analogo il trend delle scuole dell'infanzia: per i residenti a Parma i bambini che non hanno trovato posto sono passati dai 342 del 31 dicembre 2014 ai 165 del 2015 (quindi la lista si è dimezzata), mentre è pressoché invariato il numero degli esclusi provenienti da altri comuni o dei richiedenti di anticipo scolastico (circa un centinaio in tutto in entrambe le annualità).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Filippo Bertozzi

    22 Gennaio @ 06.32

    Non contenti di aver perso quasi il 10% di entrate rispetto all'anno precedente (dati ufficiali di bilancio), sulle tariffe mantengono tutto invariato. E non dicono quel che sarebbe interessante sapere sulle liste d'attesa diminuite: in quanti della fascia isee più alta hanno preferito iscrivere i figli alle strutture private (avendo maggiore flessibilità, minori chiusure e tariffe analoghe) e in quanti, di quella intermedia, hanno preferito affidare i bambini ai nonni? Tutto il resto è fuffa e propaganda, tipici della Paci.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: in passerella anche "lui", il bello di Parma (1996)

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Ari Berlin volo radente

Düsseldorf

Ultimo volo: il pilota sfiora la torre di controllo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

via repubblica

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

3commenti

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

Nello stabilimento di Torrile

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

Borgotaro

Auto ribaltata sulla fondovalle a Ostia Parmense: un ferito

E' intervenuto anche l'elicottero del 118

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

20commenti

Regione

Punti nascita, bagarre in Aula: salta il numero legale

Le opposizioni: "Ripensare la decisione su Borgotaro"

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Guastalla

Sequestrati 3 quintali di dolci mal conservati: erano destinati anche al Parmense

La Municipale ha sequestrato un autocarro di un cittadino indiano che lavora per una ditta mantovana

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

tg parma

Nessuna squalifica per d'Aversa. Closing societario il 3 novembre? Video

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

5commenti

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le scuse scomparse in un mondo incivile

di Roberto Longoni

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

FRANCIA

Vola con la tuta alare e si schianta: morta una donna

MILANO

Arrestato il geometra "re dei trans"

SPORT

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

SOCIETA'

SPAZIO

AstroPaolo fotografa nube marrone sulla Pianura Padana

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»