-2°

calcio e tifo

Derby sì. Ma come?

Possibile un Parma-Reggiana "biologico"?

Ricevi gratis le news
7

Proviamo a mettere un po' d'ordine nella questione derby. Che evidentemente, non è e non sarà solo un argomento calcistico.

A costo di un po' di impopolarità, sul tema tifosi ho sempre cercato di non seguire mode, catalogazioni o ragionamenti da...tifoso. Credo sia sbagliatissimo criminalizzare il tifo ultrà in quanto tale, tanto più a Parma dove la cronaca è stata più spesso positiva che negativa (anche se gli episodi non sono mancati, anche tragici) e dove ci sono parecchi episodi che hanno fatto notizia in senso buono: dalla mai dimenticata ambulanza donata all'Assistenza pubblica alle ripetute riffe e iniziative benefiche. E ricordo bene anche un appassionato comunicato della Nord che, ormai diversi anni fa, reclamava che "Ultras non è violenza".

Allo stesso modo, pur rispettando e a volte condividendo le accuse al calcio mercenario e anche a certi difetti di noi stessi giornalisti, è evidente a tutti che il mondo Ultras non è sempre e solo innocente, e che a certi guasti del nostro calcio ha contribuito a sua volta. E, comunque sia andata la tragica dinamica, noi oggi non piangeremmo un giovane che voleva cambiare il mondo come Matteo Bagnaresi se in quel viaggio autostradale a un certo punto non si fosse verificato un incontro ravvicinato e pericoloso fra due tifoserie.

Ecco: il punto sul derby del prossimo anno, a mio avviso, è proprio questo. Siamo tutti d'accordo che vorremmo rivedere questa partita dal fascino particolare. Siamo altrettanto d'accordo che non prevederla o farla disputare a porte chiuse sarebbe una enorme sconfitta per il calcio e per le nostre città. Ma detto questo occorre essere sicuri che stiamo parlando di sport, non di guerriglia urbana o di violenza inutile.

Fra poco, ai primi di maggio, saranno 30 anni dagli incidenti che accompagnarono al Tardini proprio un derby con la Reggiana e di cui si parlò a lungo in città con una serie infinita di dibattiti e polemiche.

Ma il video realizzato al volo con le immagini dell'archivio TV Parma, ci ricorda che anche negli anni '90 (i bei tempi calcistici in cui Parma-Reggiana fu addirittura derby di serie A) incidenti e tensioni non sono quasi mai mancate.

Quello che era assurdo già allora, oggi appare addirittura inconcepibile. In tempi di Isis (oggi 6 arresti a Lecco), misure anti-terrorismo, richieste pressanti di maggiore presenza di forze dell'ordine per tutelarci da furti, droga e criminalità organizzata, il solo pensiero che ci si debba chiedere se giocare o meno una partita di calcio non sta in cielo nè in terra. Che ragazzi o adulti possano scontrarsi fisicamente per una "banalissima" partita (e che quindi polizia e carabinieri debbano spercare una domenica a sorvegliarli in massa) è roba da Tafazzi del terzo millennio.

Per tutto questo credo (parola di semplice cronista e di innamorato del calcio) che occorra andare avanti su due fronti. Da una parte, sicuramente, sperare e chiedere che il derby torni dovrebbe vedere uniti tutti gli sportivi, da una parte e dall'altra dell'Enza. Ma contemporaneamente, dovremmo tutti guardarci in faccia e chiedere che senso avrebbero Parma e Reggio in stato d'assedio nei giorni della partita. Già il "Reggiani maiali" del giorno della promozione in piazza (e i relativi e ormai un po' obsoleti cori "Reggio m...." dopo la canzone del 25 aprile) mi sono sembrati di troppo.

Restituiamo allora il derby allo sport e all'arlìa (come quella del Cugino triste, per intenderci) e "disarmiamo" chi non vuole il derby "disarmando" chi lo  vuole sporcare. Il pur piccolo episodio di domenica a Ravenna (e qualunque sia la dinamica dei fatti: noi abbiamo ospitato più voci) è già un piccolo campanello d'allarme per chi vuole che il calcio "biologico" made in Parma sia tale dentro e fuori dal campo.

...

Come sempre questa è solo un'opinione: quindi ora saranno bene accette le vostre, nello spazio commenti sotto questo articolo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Danyel

    01 Maggio @ 12.19

    se le due tifoserie "ultras" non si mettono d'accordo per calmare i piu' scalmanati(quelli che vanno allo stadio per dare botte ed altro :-( ) , i tifosi normali non andranno ai derby, specialmente con bambini piccoli! Quindi, se si vuole un vero calcio "biologico", dirigenti e giocatori della squadra, e rappresentanti dei Boys, si diano da fare per avere un tifo rispettoso di tutti, anche dell'avversario! Qualche sfotto' va bene, ma non "reggiani maiali" et similia, io conosco ed ho amici reggiani cento volte meglio di certi "parmiggiani"...

    Rispondi

  • PEPOMAN

    29 Aprile @ 11.35

    FACCIAMOLO PURE....MA AL PRIMO CASINO....TUTTE E DUE LE SQUADRE RETROCESSE....CI STATE ?

    Rispondi

  • Caronte

    28 Aprile @ 16.52

    Sono stra-d'accordo con Balestrazzi. Ma probabilmente ho anche i suoi anni o giù di li. Ergo caro Balestrazzi siamo un pò vecchiotti e datati e forse certe manifestazioni di violenza ci hanno stancato e ne faremmo proprio a meno. Ricordo benissimo il suo urlare in radio (o video) cronaca ai gol della promozione. Ho tutt'ora la pelle d'oca. Ma anche lei aveva una carica in corpo che forse oggi non ha più. Sono (quasi) sicuro che anche il Frambo sarebbe disponibile ad un incontro col capo ultras cinquanta/sessantenne di Reggio per accordarsi per la non violenza......ma le giovani leve? Lo sapete tutti che in curva ci sono tante falangi e tante teste calde cosiddette autonome e autogestite che non appena sono in disaccordo col capo carismatico fanno quello che vogliono. In conclusione sono abbastanza convinto che il prossimo anno ci saranno due partite tristi, con tanta polizia, con fumogeni a destra e a manca, con danni ai bagni e ruberia al bar, con qualche parabrezza di auto sfondato etc. etc...Come disse Prandelli dopo un gol evidente di mani di Gilardino (suo giocatore) convalidato; se lo stesso giocatore avesse detto all'arbitro di annullare il gol, ciò avrebbe significato un passo avanti da gigante nell'etica di un calcio non ancora maturo sotto questo punto di vista. Allo stesso modo, un derby Parma Reggiana senza i soliti deficenti che si menano di botte e mettono a ferro e fuoco la città, vorrebbe dire passi da gigante nell'etica del tifoso che va allo stadio per il puro divertimento e non per fare della violenza.

    Rispondi

    • 28 Aprile @ 16.57

      G.B. - Almeno sulla mia età hai ragionissima. Sul resto, temo, anche: ma proviamo a sperare che non sarà così

      Rispondi

  • marco

    28 Aprile @ 15.24

    Se le canzoni Reggio M"£$% e il 25 aprile sono obsoleti...mi sa che il caro Balestrazzi tifa per un'altra squadra..non c'è cosa più bella,per un tifoso del Parma,intonare ,anche così dal nulla,un sano "il 25 aprile è nata una p££$%&&......" a me questo coro fa sempre ridere! forse poco educato,ma molto divertente ma tuttaltro che obsoleto.....e ora tutti insieme !!! IL 25 APRILE è nata una P£$%&&$ e l'anno chiamta a.c. ReGGIANAAA!!!!

    Rispondi

  • Max

    28 Aprile @ 13.40

    Credo che si dovrebbe fare un passo avanti ed organizzare un incontro tra Il Frambo ed il contraltare dei Reggiani , solo parlandosi si potrebbe vivere un derby senza lo spauracchio di scontri incivili. Credo che il presidente Scala possa essere con me d'accordo e farsi garante di tale incontro. Forza Parma però !

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

9commenti

Sanremo: cantanti e titoli delle canzoni in gara

musica

Sanremo 2018: Elio e le Storie tese e Mario Biondi fra i 20 "big"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Scomparso a 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

Gara

La grande sfida degli anolini

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

calcio

Il Parma s'accontenta

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

STADIO TARDINI

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0 Foto

Baraye: "Abbiamo provato e fatto di tutto per vincere" (Video) - Scavone: "Dispiace non avere vinto ma in B è importante non perdere (Video) - Grossi: "Ha pesato l'assenza di un vero attaccante" Videocommento

4commenti

viabilità

Incidente in via Mantova sul cavalcavia: disagi al traffico Gallery

incidente

Frontale in via Montanara: due feriti

PARMA-cesena

D'Aversa: "Soddisfatto dell'interpretazione della gara. Peccato non aver fatto gol" Video

CORCAGNANO

Folla al funerale di Giulia: applausi e striscione all'uscita del feretro dalla chiesa

GAZZAFUN

Parma - Cesena 0 - 0: fate le vostre pagelle

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Odio e insulti sul web: la falsa democrazia

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Igor non collabora con gli inquirenti. Catturato perché forse era svenuto

FABBRICO

Omicidio nel Reggiano, un arresto: 20enne ucciso per un pettegolezzo

SPORT

Sport Invernali

Kostner regina, Cappellini-Lanotte da brividi

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

SOCIETA'

fuori programma

Birre e suggestioni dal coro Maddalene di Revò al Mastiff Video

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande