20°

36°

tg parma

Pizzarotti al governo: "Non ci lasci soli e senza risorse"

Il sindaco è intervenuto alla Camera con altri sindaci nell'ambito di un'iniziativa dell'Anci

Ricevi gratis le news
2

«Nel nostro Paese serve una cabina di regia unica che metta insieme il governo nazionale, le Regioni e i Comuni affrontando in modo organico e integrato le diverse sfaccettature dell’emergenza ambientale e mettendo in rete le tante buone pratiche messe in campo in questi anni dai Comuni». Lo ha detto il sindaco Federico Pizzarotti, questa matitna, parlando dei temi ambientali alla Camera dei deputati per l'iniziativa "L'Italia in Comune", promossa dall'Anci.
Pizzarotti ha anche chiesto al governo di non lasciare i Comuni da soli e senza risorse. Per il primo cittadino di Parma (e vicepresidente Anci) «è arrivato il momento di attivarsi per ricreare un sistema urbano a misura d’uomo, che sappia conciliare sviluppo e difesa del territorio». Quindi, «non si può che ripartire dalle città dove sono stati realizzati numerosi progetti di smart city, di efficienza e integrazione energetica», ha concluso Pizzarotti.

IL DISCORSO INTEGRALE DI PIZZAROTTI. 

Illustri presenti,
viviamo un periodo storico in cui l’ambiente è tra i temi principali che interessano la nostra agenda politica:
un’economia sempre più globale, e Paesi sempre più urbanizzati, oggi hanno assoluto bisogno di conciliare la competitività economica con la sostenibilità ambientale.
Questo perché come istituzioni siamo stati fin troppo capaci di fondare lo sviluppo economico sull’industrializzazione o il consumo di suolo,
ma molto meno nel favorire e incentivare la ricchezza economica e il benessere con la vivibilità ambientale.
Oggi in parte ne stiamo pagando le conseguenze, e lo squilibrio prodotto ci ha portato a parlare di un nuovo e necessario “diritto all’ambiente”.
Ovvero del diritto a vivere in un Paese che sappia favorire lo sviluppo economico e industriale conciliandolo con la qualità ambientale.
Ricordo che un anno fa i sindaci di tutto il mondo erano stati convocati in Vaticano da Papa Francesco, per far fronte ai problemi legati al cambiamento climatico. Lo stesso tema lo abbiamo affrontato alla conferenza sul Clima convocata a Parigi dalla sindaca Anne Hidalgo, nel dicembre dello stesso anno.
Nel suo storico discorso alle Nazioni Unite, poi, papa Francesco aveva definito un danno all’ambiente, “un danno all’umanità”.
Il mondo, in sostanza, ha alzato la voce e ha detto alle sue istituzioni che è arrivato il momento di una svolta:
vivere in un sistema urbano a misura d’uomo, riveste oggi un ruolo primario della vita di ognuno di noi e dei nostri concittadini.
Da dove partire, dunque?
Dal chiederci se riusciremo a investire capitale umano ed economico necessario per rendere le città più vivibili, smart, eque e sostenibili.
Da chi partire?
Dalle istituzioni locali, perché ritengo che le città siano il futuro: la maggioranza della popolazione mondiale vive infatti nelle città. Qui realizziamo ogni giorno programmi di smart cities e progetti a basso impatto ambientale; qui investiamo sulla riqualificazione energetica e ci adoperiamo per le politiche di integrazione e di aggregazione.
Infine, da cosa partire?
Anzitutto dall’idea di incentivare e promuovere un’economia circolare. Ovvero garantire la crescita economica e l’occupazione sprecando sempre meno risorse, consumando sempre meno suolo e prevenendo i disastri ambientali. Ciò che sostengo non è più soltanto un fattore di tutela dell’ambiente:
è diventato un vero e proprio discorso etico.
Gentile presidentessa, illustri presenti,
ci tengo però a precisare: nessuno ha la pretesa di trovare soluzioni immediate a problemi sempre più grandi. Non siamo qui per fare la morale. Ma lasciatemi dire che, da amministratori locali con a cuore la propria città, ognuno di noi ha il compito e il dovere di mettere sul piatto le proprie best practice, affinché il governo non sia soltanto interlocutore delle nostre esigenze,
ma spina dorsale di un’Italia che per certi aspetti è in ritardo strutturale, e che ha bisogno di modernizzarsi e innovarsi.
Quel che chiedo è una strategia comune per emergenze comuni, una nuova e rinnovata cabina di regia tra enti locali, regioni e governo affinché non ci siano divari organici e ritardi tra le città, tra le regioni e tra territori.
L’Europa ci guarda e chiede alle nostre città di restare al passo con la modernità.
Per fare alcuni esempi, mi riferisco alle politiche di rifiuti zero, le quali permetterebbero risparmi in bolletta, riciclo di risorse e l’abbattimento dell’inquinamento ambientale;
in Emilia Romagna, in particolare a Parma, teniamo molto a questo tema. La raccolta porta a porta dei rifiuti, la tariffazione puntuale, l’aumento della differenziata a discapito degli impianti di incenerimento, rappresentano una delle concrete realtà cui dovrebbe indirizzarsi l’Italia, ed essere a modello per l’Unione Europea. Sono molti gli esempi di città che puntano sulla strategia rifiuti zero, e sono orgoglioso che la mia terra e la mia regione siano modelli positivi per il Paese.
Tornando ad altri esempi: mi riferisco anche all’incentivazione e promozione della rigenerazione urbana, che permetterebbe di strappare interi quartieri e periferie al degrado, all’incuria e all’inciviltà, e che consentirebbe alle nostre città di contenere il consumo di suolo e di reinventare l’uso di spazi pubblici:
qui i Comuni e il governo possono e devono fare molto insieme. Anzitutto abbattendo una burocrazia lenta e ottusa.
Mi riferisco, poi, alla modernizzazione degli edifici pubblici e privati, con politiche volte al risparmio energetico, all’eliminazione completa dell’amianto e all’incentivazione della bio-edilizia.
Mi riferisco, infine, al netto rifiuto di tutelare l’ambiente e gli italiani soltanto a emergenze ambientali avvenute.
Lo dobbiamo dire con chiarezza e senza ombra di dubbio:
la politica deve mettersi al servizio dell’ambiente, con la convinzione che investire sulla qualità ambientale e la sicurezza forse non porta rapido consenso, ma è necessario e vitale.
Sindaci e governo possono e devono fare molto per modernizzare l’Italia e per mantenerla al passo coi tempi,
possono e devono fare molto per eliminare il divario oggi esistente tra le città, le regioni e i territori.
Io credo, infine, che per raggiungere questi importanti traguardi, il Paese abbia estremo bisogno di politiche comuni e indirizzi generali, e che ragioni come se fosse un unico corpo e un’unica mente.
Il divario tra le varie realtà dell’Italia può essere superato da una cabina unica di regia, da sindaci che tra loro sapranno fare sistema,
mettendo al servizio del governo le proprie eccellenze e le proprie best practice,
ma chiedendo sin d’ora al governo di supportarci in questo cammino, non lasciando da soli i Comuni ad affrontare la burocrazia, e l’impiego di risorse economiche e umane. Grazie. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Vercingetorige

    07 Novembre @ 16.42

    Pizzarotti ha anche detto in Parlamento che Parma è d' esempio per il suo sistema di raccolta dei rifiuti , mentre noi siamo con l' immondizia a mezza gamba , a putrefare in casa e sulle strade.

    Rispondi

    • Asterix

      07 Novembre @ 18.43

      a mezza gamba come a Reggio Piacenza Modena Firenze ecc ...

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana

tg parma

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana Video

AMICHEVOLE

Stasera il Parma affronta l'Empoli al Tardini

METEO

Temporali, vento e caldo domani in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

10commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Barcellona, i testimoni parmigiani raccontano l'orrore

Il vicecaporedattore Stefano Pileri anticipa i servizi della Gazzetta di domani

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

PASIMAFI

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

1commento

fontevivo

Nuovo guasto e allagamenti, il sindaco Fiazza: "Chiederemo risarcimento" Video

bassa reggiana

Violenza sessuale su un minorenne disabile: revocati i domiciliari al 21enne

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

tg parma

Ricordato il sacrificio di Charlie Alfa Video

BORGOTARO

Diawara forse ucciso da un malore?

MONCHIO

«Mi vuoi sposare»? Sorpresa alla sagra

Università

Preso lo scassinatore seriale dell'ateneo

1commento

Sissa

Moto, i centauri disabili tornano in sella grazie a Pattini

viabilità

Tangenziale sud: partono i lavori (e i possibili disagi)

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

barcellona

Due italiani tra le vittime. Bruno ucciso per proteggere i figli. Caccia a Moussa

Turku

Attacco in Finlandia: un morto e 8 feriti

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

gazzareporter

Limiti di velocità... al Parco Ducale Foto

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti