tg parma

Pizzarotti al governo: "Non ci lasci soli e senza risorse"

Il sindaco è intervenuto alla Camera con altri sindaci nell'ambito di un'iniziativa dell'Anci

Ricevi gratis le news
2

«Nel nostro Paese serve una cabina di regia unica che metta insieme il governo nazionale, le Regioni e i Comuni affrontando in modo organico e integrato le diverse sfaccettature dell’emergenza ambientale e mettendo in rete le tante buone pratiche messe in campo in questi anni dai Comuni». Lo ha detto il sindaco Federico Pizzarotti, questa matitna, parlando dei temi ambientali alla Camera dei deputati per l'iniziativa "L'Italia in Comune", promossa dall'Anci.
Pizzarotti ha anche chiesto al governo di non lasciare i Comuni da soli e senza risorse. Per il primo cittadino di Parma (e vicepresidente Anci) «è arrivato il momento di attivarsi per ricreare un sistema urbano a misura d’uomo, che sappia conciliare sviluppo e difesa del territorio». Quindi, «non si può che ripartire dalle città dove sono stati realizzati numerosi progetti di smart city, di efficienza e integrazione energetica», ha concluso Pizzarotti.

IL DISCORSO INTEGRALE DI PIZZAROTTI. 

Illustri presenti,
viviamo un periodo storico in cui l’ambiente è tra i temi principali che interessano la nostra agenda politica:
un’economia sempre più globale, e Paesi sempre più urbanizzati, oggi hanno assoluto bisogno di conciliare la competitività economica con la sostenibilità ambientale.
Questo perché come istituzioni siamo stati fin troppo capaci di fondare lo sviluppo economico sull’industrializzazione o il consumo di suolo,
ma molto meno nel favorire e incentivare la ricchezza economica e il benessere con la vivibilità ambientale.
Oggi in parte ne stiamo pagando le conseguenze, e lo squilibrio prodotto ci ha portato a parlare di un nuovo e necessario “diritto all’ambiente”.
Ovvero del diritto a vivere in un Paese che sappia favorire lo sviluppo economico e industriale conciliandolo con la qualità ambientale.
Ricordo che un anno fa i sindaci di tutto il mondo erano stati convocati in Vaticano da Papa Francesco, per far fronte ai problemi legati al cambiamento climatico. Lo stesso tema lo abbiamo affrontato alla conferenza sul Clima convocata a Parigi dalla sindaca Anne Hidalgo, nel dicembre dello stesso anno.
Nel suo storico discorso alle Nazioni Unite, poi, papa Francesco aveva definito un danno all’ambiente, “un danno all’umanità”.
Il mondo, in sostanza, ha alzato la voce e ha detto alle sue istituzioni che è arrivato il momento di una svolta:
vivere in un sistema urbano a misura d’uomo, riveste oggi un ruolo primario della vita di ognuno di noi e dei nostri concittadini.
Da dove partire, dunque?
Dal chiederci se riusciremo a investire capitale umano ed economico necessario per rendere le città più vivibili, smart, eque e sostenibili.
Da chi partire?
Dalle istituzioni locali, perché ritengo che le città siano il futuro: la maggioranza della popolazione mondiale vive infatti nelle città. Qui realizziamo ogni giorno programmi di smart cities e progetti a basso impatto ambientale; qui investiamo sulla riqualificazione energetica e ci adoperiamo per le politiche di integrazione e di aggregazione.
Infine, da cosa partire?
Anzitutto dall’idea di incentivare e promuovere un’economia circolare. Ovvero garantire la crescita economica e l’occupazione sprecando sempre meno risorse, consumando sempre meno suolo e prevenendo i disastri ambientali. Ciò che sostengo non è più soltanto un fattore di tutela dell’ambiente:
è diventato un vero e proprio discorso etico.
Gentile presidentessa, illustri presenti,
ci tengo però a precisare: nessuno ha la pretesa di trovare soluzioni immediate a problemi sempre più grandi. Non siamo qui per fare la morale. Ma lasciatemi dire che, da amministratori locali con a cuore la propria città, ognuno di noi ha il compito e il dovere di mettere sul piatto le proprie best practice, affinché il governo non sia soltanto interlocutore delle nostre esigenze,
ma spina dorsale di un’Italia che per certi aspetti è in ritardo strutturale, e che ha bisogno di modernizzarsi e innovarsi.
Quel che chiedo è una strategia comune per emergenze comuni, una nuova e rinnovata cabina di regia tra enti locali, regioni e governo affinché non ci siano divari organici e ritardi tra le città, tra le regioni e tra territori.
L’Europa ci guarda e chiede alle nostre città di restare al passo con la modernità.
Per fare alcuni esempi, mi riferisco alle politiche di rifiuti zero, le quali permetterebbero risparmi in bolletta, riciclo di risorse e l’abbattimento dell’inquinamento ambientale;
in Emilia Romagna, in particolare a Parma, teniamo molto a questo tema. La raccolta porta a porta dei rifiuti, la tariffazione puntuale, l’aumento della differenziata a discapito degli impianti di incenerimento, rappresentano una delle concrete realtà cui dovrebbe indirizzarsi l’Italia, ed essere a modello per l’Unione Europea. Sono molti gli esempi di città che puntano sulla strategia rifiuti zero, e sono orgoglioso che la mia terra e la mia regione siano modelli positivi per il Paese.
Tornando ad altri esempi: mi riferisco anche all’incentivazione e promozione della rigenerazione urbana, che permetterebbe di strappare interi quartieri e periferie al degrado, all’incuria e all’inciviltà, e che consentirebbe alle nostre città di contenere il consumo di suolo e di reinventare l’uso di spazi pubblici:
qui i Comuni e il governo possono e devono fare molto insieme. Anzitutto abbattendo una burocrazia lenta e ottusa.
Mi riferisco, poi, alla modernizzazione degli edifici pubblici e privati, con politiche volte al risparmio energetico, all’eliminazione completa dell’amianto e all’incentivazione della bio-edilizia.
Mi riferisco, infine, al netto rifiuto di tutelare l’ambiente e gli italiani soltanto a emergenze ambientali avvenute.
Lo dobbiamo dire con chiarezza e senza ombra di dubbio:
la politica deve mettersi al servizio dell’ambiente, con la convinzione che investire sulla qualità ambientale e la sicurezza forse non porta rapido consenso, ma è necessario e vitale.
Sindaci e governo possono e devono fare molto per modernizzare l’Italia e per mantenerla al passo coi tempi,
possono e devono fare molto per eliminare il divario oggi esistente tra le città, le regioni e i territori.
Io credo, infine, che per raggiungere questi importanti traguardi, il Paese abbia estremo bisogno di politiche comuni e indirizzi generali, e che ragioni come se fosse un unico corpo e un’unica mente.
Il divario tra le varie realtà dell’Italia può essere superato da una cabina unica di regia, da sindaci che tra loro sapranno fare sistema,
mettendo al servizio del governo le proprie eccellenze e le proprie best practice,
ma chiedendo sin d’ora al governo di supportarci in questo cammino, non lasciando da soli i Comuni ad affrontare la burocrazia, e l’impiego di risorse economiche e umane. Grazie. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Vercingetorige

    07 Novembre @ 16.42

    Pizzarotti ha anche detto in Parlamento che Parma è d' esempio per il suo sistema di raccolta dei rifiuti , mentre noi siamo con l' immondizia a mezza gamba , a putrefare in casa e sulle strade.

    Rispondi

    • Asterix

      07 Novembre @ 18.43

      a mezza gamba come a Reggio Piacenza Modena Firenze ecc ...

      Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Vasco Rossi nel 2018 sarà a giugno negli stadi

musica

Vasco Rossi torna negli stadi: appuntamento a giugno 2018

1commento

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero

IL DISCO

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero Video

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per tour estivo

musica

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per il tour estivo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

CHICHIBIO

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

di Chichibio

Lealtrenotizie

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

Salsomaggiore

Maltempo, auto imprigionata con a bordo tre bimbi

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Intervista

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

IL CASO

Collecchio dichiara guerra al gioco d'azzardo

LUTTO

Fidenza, stazione più triste senza Luca, il suo giornalaio

La storia

«Il mio viaggio da incubo sull'Intercitynotte»

San Prospero

«I lupi? Ci fanno più paura i ladri nelle case»

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

allarme maltempo

L'Enza e il Taro fanno paura: vertice notturno. Sorbolo, ponte chiuso fino a domani (Paura a Vignale: il video)

5commenti

Incidenti

Corcagnano e via Spezia: due pedoni investiti, sono in gravi condizioni Video

ordinanze

Ghiaccio, maltempo e zone in Appennino senza luce: ecco le scuole che resteranno chiuse

MALTEMPO

Ghiaccio (le foto) e black-out, Lucchi: "Berceto in ginocchio" Video: il Baganza fa paura

anteprima Gazzetta

Un altro grave incidente sulla Massese

San Prospero

«La Vela» in stato di abbandono

Ladri, rifiuti, droga: non c'è pace. Ma qualcuno "resiste". Parlano i commercianti

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Berlusconi ritorna: non farà da spettatore

di Stefano Pileri

UNIVERSITA'

Smart Production Lab 4.0 al servizio del futuro

di Katia Golini

ITALIA/MONDO

COREA DEL NORD

Pyongyang prepara la guerra batteriologica?

manhattan

Esplosione a New York: "Bombardano il mio Paese (Bangladesh) volevo vendetta" Mappa - Foto - Il momento dell'esplosione

SPORT

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

calcio

Ottavi Champions: Juve con il Tottenham, Roma con lo Shakhtar. L'Europa League

SOCIETA'

Ministero

Farmaci più cari di notte: raddoppia il supplemento

emendamenti

Manovra: salta la stretta sull'uso dei cellulari in auto

MOTORI

Auto-moto-pedoni

Guidare su neve e ghiaccio: le 10 regole

MOTO

Prova Kawasaki Z900RS