-2°

PARMA

Dalla "musica nera" degli States alla lirica da brividi: una serata con Brunetto e i fratelli Campanini

La stagione 2017-2018 di "Mangia come scrivi" si è aperta con lo spettacolo "Opera Swing"

Ricevi gratis le news
0

Andrea Violi

L'America del primo Novecento e la “musica nera”. Nick LaRocca, figlio di un emigrante trapanese, che interpreta quella musica e inizia a farne un genere: il jazz. George Gershwin che fa conoscere al grande pubblico quel genere: da lì viene la celeberrima “Summertime”. E ancora: la musica del maestro Hengel Gualdi, pezzi iconici della lirica come “Nessun dorma” e “La donna è mobile”, fino a “Con te partirò”. Gli ingredienti erano ricchissimi nella prima serata di “Mangia come scrivi”, all’Antica tenuta Santa Teresa di Parma: ancora una volta, la stagione si è aperta con uno spettacolo che coniuga musica, cultura e curiosità. Se nel 2016 Ezio Guaitamacchi e Brunella Boschetti avevano regalato al pubblico il loro “Alice’s Restaurant”, quest’anno in cartellone c’era “Opera Swing”. Sul palco Gianluca e Gabriele Campanini (tastiere e clarinetto) e il tenore fidentino Pietro Brunetto. Tutti in grande forma, in uno spettacolo coinvolgente, che anticipa il festival Mangiacinema di Salsomaggiore (27 settembre - 4 ottobre). 
Il titolo completo è in realtà “Opera Swing: da Parma a Chicago passando per la Bassa”. E tanti sono i brani proposti lungo questo “itinerario” musicale, nel debutto della 12° edizione della rassegna ideata e condotta dal giornalista Gianluigi Negri. “Tu che mi hai preso il cuor" apre la serata e già si capisce che sarà un’esibizione di forza canora, fra una portata e l’altra. Sì, perché se per una volta si deroga sugli scrittori (stasera, solo musicisti al centro della scena), resta la cena con quattro portate e altrettanti vini, con un dolce di Battistini in chiusura.
La scena si sposta agli inizi del ’900 in America: la musica dei neri, il Cotton Club di New York e Congo Square a New Orleans, dove “vanno anche tanti bianchi”; Scott Joplin e il ragtime (il “tempo stracciato”); George Gershwin - "Porgy and Bess", "Un americano a Parigi" - porta la musica afroamericana al grande pubblico, che impara ad apprezzarla.

L’America del primo Novecento parla anche italiano: “O sole mio” è la canzone più famosa; il tenore per eccellenza, Enrico Caruso, ne fa la più grande interpretazione ma ci sono altri aneddoti curiosi. Nel 1920 alle Olimpiadi di Anversa la banda deve suonare la Marcia reale, inno italiano di allora, ma lo spartito non si trova… Ecco allora che il maestro fa intonare “O sole mio”: i musicisti la conoscono a memoria e così tutto il pubblico allo stadio, che la intona a gran voce. Restando oltreoceano, ecco “Blue Moon” e la storia degli autori Richard Rodgers e Lorenz Heart. Per alcuni anni tentano di sfondare a Broadway, inutilmente; già pensano di cambiare lavoro quando accettano di esibirsi a un evento per beneficenza. Da lì uscirà un musical replicato più di duecento volte a Broadway. L’opera contiene anche il brano “Blue Moon”, che significa luna blu ma, in slang, indica anche un colpo di fortuna…

Il viaggio di questa “Opera Swing” spazia anche fra Parma e la Bassa, come detto. Ci sono i brani di Henghel Gualdi, uno dei più grandi interpreti jazz con il clarinetto: era un maestro anche per gli americani che venivano a incontrarlo in Emilia. Poteva avere opportunità oltreoceano ma lui non voleva andarci, perché aveva paura di volare. Alla fine visitò gli States solo nel 1989, “su invito del suo amico Pavarotti”.
Se dici Pavarotti dici lirica. E la lirica non manca nello spettacolo di Mangia come scrivi. Ecco quindi che Brunetto incanta il pubblico con “Nessun dorma” dalla Turandot e il verdiano “La donna è mobile”, dal Rigoletto, per finire con i più recenti “Con te partirò” e “Voglio vivere così”.

Il prossimo appuntamento con Mangia come scrivi è per venerdì 20 ottobre, con la serata “De Luca, Righetti, Soneri: e li chiamano commissari”. Al tavolo siederanno Carlo Lucarelli, Eraldo Baldini e Valerio Varesi (evento extra di Mangiacinema). 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

8commenti

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

San Polo d'Enza

Spaccate a tempo di record: altri 4 colpi "intestati" alla banda, uno a Montechiarugolo

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

correggio

Intervenne per sedare una lite e venne "pestato": 6 denunciati

il caso

La salma di Vittorio Emanuele III è arrivata a Vicoforte Foto

SPORT

nuoto

Europei, bis d'oro dell'Italia: prima Dotto e poi Orsi

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

SOCIETA'

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260