12°

tg parma

Nuova consulta degli stranieri "per un dialogo costruttivo"

Ricevi gratis le news
7

E' nata la Consulta provinciale degli stranieri.

Dice il comunicato della Provincia: 

“Un segnale di convivenza civile per contrastare i fondamentalismi che allontanano i popoli e conducono alla barbarie”. Così il Vice presidente della Provincia Gianni Guido Bellini ha presentato stamattina in Piazza della Pace la Consulta Provinciale degli Stranieri, insieme ai rappresentanti delle principali associazioni degli stranieri del territorio.

“Negli anni scorsi la Provincia ha portato avanti un lavoro importante di coordinamento e di sostegno delle associazioni e delle comunità degli stranieri a Parma e provincia – ha ricordato Bellini – e anche oggi, nonostante la trasformazione dell’Ente e l’incertezza sul suo futuro, intende proseguire in questo percorso, puntando sulla partecipazione attiva delle comunità attraverso i loro rappresentanti. Mantenere un presidio di coordinamento consente anche alle associazioni e alle comunità provenienti da paesi diversi e lontani fra loro di confrontare le esigenze, i bisogni e di arricchire, grazie alle loro conoscenze e competenze, il territorio che li ospita.”

Le comunità straniere più numerose a Parma sono quelle dell’Est Europa: al primo posto quella rumena con 7.502 persone, seguita dalla moldava con 7454 e dall’albanese con 7443.
Lo scopo della Consulta è quello di offrire un luogo di confronto alle varie associazioni, già presenti nei territori comunali, in modo che possano dialogare tra loro costruttivamente. La sede sarà in via Inzani 29.
Il Vice Presidente della Provincia Bellini è il Presidente della Consulta, l’albanese Erion Begaj è il Vicepresidente, Segretaria è la marocchina Sabil Bahija.

Numerosi sono stati gli interventi all’incontro di stamattina, e naturalmente gli attacchi terroristici di questi giorni a Bruxelles sono stati lo sfondo da cui non si può prescindere.

“Ormai il futuro nostro e dei nostri figli è qui e in momenti come questi le comunità straniere devono dare il segnale che rispettano norme e culture di questo paese – ha detto Erion Begaj - Con la riorganizzazione della Provincia anche le comunità straniere nel territorio della provincia di Parma devono cercare di adattarsi per rispondere meglio ai cambiamenti in corso. La Consulta Provinciale Stranieri potrà essere un ottimo strumento d'aiuto e di dialogo tra le comunità, anche grazie all'attenzione e l'impegno che l'ente Provincia dedica alle richieste che provengono dai nuovi cittadini".

“Sono lusingata di fare parte del gruppo che ha preso l’iniziativa di creare questa Consulta, che contribuirà a consolidare i rapporti tra le varie associazioni di Parma e provincia e a farle collaborare insieme.” Ha dichiarato Sabil Bahija, presidente della Maisone Maroccaine e Segretaria della Consulta.

"Esprimo la gratitudine della comunità romena alla Provincia di Parma per il sostegno offerto ai progetti che in passato abbiamo portato avanti insieme – ha affermato Marina Bilha presidente della Associazione Romania chiama Parma - La creazione della Consulta degli stranieri dimostra l’interesse della Provincia per l’apporto che cittadini di diverse nazioni possono offrire alla cultura italiana. L’auspicio è che questo mutuo interesse si mantenga vivo e si rafforzi ulteriormente in futuro, per rendere il territorio aperto, dinamico e stimolante per quanti ci vivono e lavorano."

“I fatti accaduti in questi giorni a Bruxelles, ma anche in Turchia, Marocco, Libia, Costa d’Avorio, Kenia, sono attentati contro l’umanità – ha dichiarato Ben Hammouda Lotfi dell’Associazione Voce Nuova, proveniente dalla Tunisia – Non è l’Islam che causa tutto questo. L’unità è l’unica soluzione per sconfiggere questo cancro.”

“Ci sentiamo parte di questo paese, che ci ha dato tanto, molti di noi sono nati qua, o hanno la cittadinanza italiana – ha ricordato Mahfoud Abdelhafid, dell’Associazione Bel-agire di Fornovo, di origine marocchina - E’ l’ignoranza che porta all’odio. Con la Consulta avremo la possibilità di sviluppare progetti comuni.”

Ha rincarato la dose Abdou Ba, primo presidente della Comunità Senegalese di Parma: “Questi terroristi sono traditori, perché hanno avuto lavoro e istruzione in Europa.”
Ma avverte: “Gli stranieri in Italia rappresentano il 12% della popolazione e l’11% della ricchezza: devono essere ascoltati prima di assumere le decisioni che li riguardano.”

Michel Oulouade, del Comitato dei Saggi della Costa d’Avorio, ha parlato dell’attività della sua associazione, che lavora per frenare l’esodo dalle campagne alle città nel suo paese. “Più di duemila ragazzi che erano pronti ad emigrare sono tornati in campagna, grazie al protocollo d’intesa tra Provincia di Parma, Regione Emilia Romagna e otto grandi città ivoriane – ha spiegato – Chi parte vende tutto quello che ha per pagare il viaggio, quindi non può più tornare indietro. Occorre moltiplicare i progetti concreti, come questo. “

Ha portato il suo saluto anche Victoria Verde Hermosilla presidente dell’associazione peruviana “Il sorriso di Michelle”, che nel ricordo della figlia tragicamente scomparsa lavora per aiutare i bisognosi del suo paese, soprattutto le donne maltrattate.

Gaston Mavakala Kiamenga, proveniente dalla Repubblica Democratica del Congo, in Italia dal 1983, già membro della Consulta regionale, ha ripercorso le faticose tappe dell’integrazione: “Dall’1984 all’89 l’immigrato straniero non aveva diritto a lavorare in Italia, poi ancora non poteva acquistare casa, né ottenere finanziamenti in banca – ricorda – In seguito le cose sono cambiate. Parma e la sua provincia ci hanno accolto bene e noi abbiamo fatto tanto per accogliere i nuovi arrivati e impedire che entrassero nel mondo della violenza. Adesso occorre una nuova integrazione, non bisogna distruggere quello che abbiamo costruito insieme.”

Maria Nimerenco presidente della Comunità moldava ha ricordato la nascita della sua associazione “Fernando Santi” nel 2000 : “Noi che abbiamo esperienza e conosciamo le leggi lavoriamo per aiutare chi arriva, li seguiamo e li sosteniamo – ha spiegato – Oggi è un giorno storico, nasce qualcosa di importante. Stamattina abbiamo ascoltato tante storie di vita: possa restare sempre questa apertura tra noi e portarci a risultati concreti.”

“Pace e solidarietà sono le parole chiave: lo straniero è un amico, non è il nemico della porta accanto – ha affermato Diana Teneva dell’associazione interculturale Milleeunmondo, nata quasi vent’anni fa, che si occupa di integrazione, inserimento lavorativo, mediazione culturale e linguistica, che ha auspicato che con la Consulta si possa avviare un lavoro comune tra tutte le associazioni di stranieri del territorio.

All’incontro ha portato il suo saluto anche Luciano Mazzoni, del Forum Interreligioso di Parma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • RENZ

    25 Marzo @ 12.46

    R E N Z

    LEGGIAMO nell'elenco delle notizie alla videata precedente del Sito: "PARMA Nasce in .... la Consulta provinciale degli stranieri" . "Nasce in la consulta" significa che prima c'era scritto "Nasce in Provincia..." ma poi avete cancellato "provincia" e lasciato "in". Lo avete fatto in ottemperanza alla SUPPOSTA abolizione delle Provincie. Vi ricordate? Era il mestiere di Winston Smith al "Ministero della verità" nel romanzo "1984" di Orwell: correggeva gli articoli, anche passati, secondo la volontà del Grande Fratello e del partito SocIng.

    Rispondi

    • 25 Marzo @ 13.16

      REDAZIONE - Questa è buona. E giusta: grazie per la segnalazione

      Rispondi

      • RENZ

        25 Marzo @ 14.10

        R E N Z

        ...S'fà par ridòr...

        Rispondi

  • RENZ

    25 Marzo @ 09.20

    R E N Z

    Buona idea. Spero che finalmente CONSULTERANNO anche la mia comunità: quella degli ITALIANI

    Rispondi

  • jeffroy

    24 Marzo @ 19.22

    per loro questo e tutto il resto, ovviamente.. ci mancherebbe. poi un po' di notorietà buonista di queste menti elette filoimmigrazioniste non guasta mai. e più ci inchiniamo al loro cospetto più ci danno dei rammolliti e timorati.

    Rispondi

  • filippo

    24 Marzo @ 19.17

    che buffonata, questi sono quelli che vogliono contrastare l'ISIS con la marcia della pace

    Rispondi

  • ANONIMUS

    24 Marzo @ 17.39

    C é anche la comunità dei clandestini?? Perché dovrebbe essere al primo posto!! PAROLE PAROLE SOLTANTO PAROLE... l unica cosa che interessa alla maggior parte delle associazioni é GUADAGNARE E BASTA!! Tanto chi paga sono gli italiani che lavorano onestamente!! E si vede tutti i giorni come abbiamo bisogno di queste risorse!! AIUTIAMO GLI ITALIANI DISOCCUPATI E SENZA CASA MIGLIORIAMO SANITÀ E SICUREZZA!! POI SE AVANZANO SOLDI E LAVORO PENSIAMO A GLI STRANIERI!!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cani e gatti: sai tutto su di loro?

GAZZAFUN

Cani e gatti: sai tutto su di loro?

'Chi' annuncia: tra Belen e Iannone è finita

Gossip Sportivo

Lui la vuole sposare, lei no: Belen e Iannone si lasciano

La canzone di Libera contro la mafia dei ragazzi dell'Udu e dei pensionati Cgil

Tg Parma

Studenti e pensionati nella canzone di Libera contro la mafia

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso: Giorgio Pasotti dagli spot del Mulino Bianco al Pezzani

VELLUTO ROSSO

Giorgio Pasotti dagli spot del Mulino Bianco al Pezzani Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Furto presso la concessionaria Boselli Moto di via La Spezia, 189/C

Foto dal video del TgParma

Parma

Sfondano la vetrina della concessionaria Boselli e rubano quattro moto nuove

Intervento della polizia in via La Spezia

2commenti

CARABINIERI

Coltivano marijuana in casa: coppia agli arresti domiciliari a Colorno

Due 37enni sono stati arrestati in flagrante: sequestrate piante e 180 di marijuana in essiccazione

2commenti

PARMA

Inseguimento nella notte a San Pancrazio: un uomo abbandona l'auto e fugge

Dopo l'alt dei carabinieri, un africano alla guida di una Peugeot 307 è fuggito a fari spenti a tutta velocità

1commento

Furto

Il ladro va in cantina e trova... il grande fratello

1commento

San Leonardo

Carne e pesce scaduti: denunciato il titolare di un negozio di alimentari

Inflitte anche multe per oltre duemila euro

LUTTO

Addio a Gianmaria Piccinini, fonico del Regio e tifoso del Parma Video

CALCIO

Il Parma verso Carpi con un ballottaggio per il "vice Calaiò" Video

Traffico

Strada chiusa per recuperare il camion incidentato

La provinciale Parma-Mezzani

PARMA

Black Friday: sale la febbre per gli sconti Video

PARMA

Centro Antiviolenza, aumentano le donne che chiedono aiuto: 265 quest'anno

Sono aumentate rispetto al 2016 le vittime di violenza che si sono rivolte all'associazione

L'intervista

Il carabiniere investito: «Voglio tornare sulla strada»

Lutto

Addio Roberta, maestra di una volta

Sicurezza

La Cittadella al buio: nessuno ci va più

2commenti

ospedale

Ortopedia: ecco le nuove sale operatorie

Sono dotate delle più moderne attrezzature. Vaienti: «Più qualità e più sicurezza»

SOLIDARIETA'

La lotta di Isabella contro la Fop: via alla raccolta fondi

social

Rimosse le condoglianze per Riina: Facebook si scusa con la famiglia del boss

La salma del boss tumulata a Corleone (Guarda)

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La crisi di Berlino. Cosa sconta la Merkel

di Domenico Cacopardo

LETTERE

Il primo posto è di Mattia

4commenti

ITALIA/MONDO

POLIZIA

Donna uccisa in un parco a Milano

PESCARA

La tragedia dell'Hotel Rigopiano: la Procura emette 23 avvisi di garanzia

SPORT

IL COMPLEANNO

I settant'anni di Nevio Scala

1commento

CHAMPIONS

Finisce senza reti la sfida fra Juve e Barcellona

SOCIETA'

SALUTE

Quando il design aiuta le mani impacciate Gallery

Vercelli

Maltrattamenti in un asilo, arrestate tre maestre Video

MOTORI

Motori

Tesla Roadster 2, da 0 a 100 km/h in 1,9 secondi Gallery

GAS

Suzuki, la gamma Hybrid acquista l'alimentazione a GPL Fotogallery