10°

20°

tg parma

Rimborsi per gli alluvionati: il Comune scrive a Renzi

Ricevi gratis le news
2

Rimborsi per gli alluvionati: il Comune scrive a Renzi. Per segnalare anche la sproporzione tra i danni subiti a Parma e le cifre stanziate. Guarda il servizio del Tg Parma.

Dei rimborsi ai privati per l'alluvione dell'ottobre 2014, dell'attività svolta dal Comune di Parma e della lettera scritta dall'assessore all'urbanistica ed edilizia, Michele Alinovi, al presidente del consiglio Matteo Renzi in tema di revisione dei criteri per la determinazione dell'assegnazione dei contributi a seguito dell'alluvione del Baganza, si è parlato questa mattina nel corso di una conferenza stampa a cui hanno preso parte l'assessore all'urbanistica ed edilizia Michele Alinovi e Tiziano Di Bernardo, dirigente del Settore Pianificazione e Sviluppo del Territorio – Servizio Edilizia Privata – Suap – Sportello unico attività produttive - del Comune.

“La procedura di rimborso che ha permesso al Comune di inviare le richieste per tempo alla Regione – ha spiegato l'assessore Alinovi – è stata resa possibile grazie al coinvolgimento dei tecnici comunali, dei rappresentanti degli ordini professionali che hanno collaborato con il Comitato Alluvionati per compilare le perizie legate alla rendicontazione dei danni”. L'assessore si è poi concentrato sul significato della lettera che ha inviato al presidente del consiglio, Matteo Renzi.
“Abbiamo riscontrato delle falle nell'applicazione dei criteri per la determinazione e concessione dei contributi. Si tratta di una lettera garbata con cui abbiamo fatto presente alcune criticità. Il Comune ha inviato come rendicontazione dei danni alla Regione un importo lordo pari a 2 milioni di euro, che sono, al netto, 1 milione e mezzo”. Le criticità maggiori – ha spiegato l'assessore – sono legate ai bassi servizi colpiti dall'alluvione. Sono i piani terra, i semi interrati, le cantine, le taverne ed i garage per cui, se esterni al corpo dell'immbile, per esempio, non è contemplato nessun rimborso. Ed è questo un primo punto sollevato dal Comune a cui si aggiunge il fatto che in certi casi le fatture sono state pagate da figli o nipoti dei proprietari degli appartamenti alluvionati, ma la norma prevede che siano rimborsabili solo i diretti intestatari. Anche in questo caso si è chiesto di allargare le maglie. Altro tema è quello del rimborso forfettario di 300 euro per i beni mobili presenti in cucine, camere, salotti. Anche in questo caso non vengono risarcite autorimesse, cantine e taverne per cui il Comune ha chiesto di riaprire i termini riconoscendole tra quelle per cui si possibile ricevere un contributo. “Il nostro auspicio – ha concluso Alinovi – è che il presidente del consiglio e gli altri destinatari della lettera prendano in considerazione le nostre richieste”.

Il dirigente, Tiziano Di Bernardo, si è soffermato sul percorso delle date legate alla richiesta di rimborso ed ha parlato dell'organizzazione degli uffici per dare seguito alle istanze dei cittadini, grazie alla collaborazione con gli ordini professionali, il comitato alluvionati e gli amministratori di condominio.


Con Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile n.374/2016, in attuazione della delibera del Consiglio dei Ministri del 28 luglio 2016, sono stati emanati i “Criteri direttivi per la determinazione dei contributi ai soggetti privati per i danni occorsi al patrimonio edilizio abitativo ed ai beni mobili”. Tale ordinanza per la nostra città si riferisce alla dichiarazione di stato d’emergenza in conseguenza delle eccezionali avversità atmosferiche che hanno colpito il territorio delle Province di Parma e Piacenza nei giorni 13 e 14 ottobre 2014 e cioè durante l’esondazione del torrente Baganza che ha investito i piani seminterrati e piani terra degli stabili, principalmente cantine, garage, spazi comuni condominiali.

Potevano richiedere i contributi coloro che avevano presentato scheda B per la ricognizione dei danni. Sono pervenute entro i termini (29 settembre 2016) all'Amministrazione Comunale n. 233 domande di contributo. Dall’istruttoria di tutte le domande presentate risultano non rientrare nei Criteri e pertanto non ammissibili n. 46 richieste, mentre ne risultano ammissibili n. 187, di cui 42 sono state soggette a controllo a campione, tutte con esito favorevole.

In ottemperanza alle disposizioni dell’Ordinanza il Comune di Parma ha provveduto a trasmettere all’Agenzia per la Sicurezza del Territorio e Protezione Civile la rendicontazione per l’ ammissione ai contributi per il risarcimento dei danni.
Complessivamente la somma determinata è di € 1.505.525,05 per i beni immobili, già al netto della percentuale prevista nell’ Ordinanza, e € 14.700,00 per i beni mobili, per un totale di € 1.520.225,05. Le cifre più importanti sono state assegnate ai condomini per la riparazione di ascensori, caldaie, impianti elettrici comuni.

L'importo indicato potrà essere oggetto di una rideterminazione al termine dell'attività istruttoria condotta in tutti i Comuni della Regione Emilia Romagna colpiti da eventi calamitosi citati nella Delibera del Consiglio dei Ministri del 28 luglio 2016, sulla base delle risorse effettivamente disponibili.A seguito dell’esito della verifica da parte della Regione Emilia Romagna, entro fine anno il Dipartimento della Protezione Civile deve predisporre la delibera da sottoporre al Consiglio dei Ministri. Il contributo effettivamente riconosciuto, sotto forma di finanziamento, verrà utilizzato dal beneficiario per i pagamenti alle imprese fornitrice ed esecutrice degli interventi ancora da realizzare e/o a titolo di rimborso per le spese eventualmente già sostenute. Si attendono precisazioni in merito.

Restano esclusi dai risarcimenti una serie di casistiche quali: ripristini ad autorimesse crollate/danneggiate, se ubicate in unità strutturali distinte dall’abitazione; ripristini fatturati a persone diverse dall’intestatario della scheda “B”; ripristini in economia non documentabili con fatture/scontrini fiscali; ripristini eseguiti da eredi non coabitanti con il defunto al momento dell’evento calamitoso; ripristini ad autorimesse che non costituiscono pertinenza ad una abitazione,
Inoltre non sono stati riconoscibili i danni ai beni mobili contenuti nelle pertinenze danneggiate (cantine e garage) e comunque risulta inadeguato l’importo di 300,00 euro a vano utile principale (cucina, soggiorno, camera)

E’ risultato spiacevole, sulla base delle indicazioni di legge, escludere dal rimborso previsto dal Ministero le categorie di danni sopra menzionati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Filippo Bertozzi

    22 Novembre @ 18.45

    Se il sindaco avesse incontrato Renzi, al posto di fare il prezioso, avrebbe potuto parlargliene a voce, anziché far mandare le solite inutili letterine, con ben poche speranze di successo...

    Rispondi

  • ANONIMUS

    22 Novembre @ 14.14

    Meglio spendere i soldi per andare a prendere i clandestini e mantenerli per qualche anno in albergo che risarcire gli italiani!!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pallavolo

Volley Usa

Salvataggio alla Mila e Shiro: Autumn diventa una star Video

 Il rapper parmense Chrysma in radio con il nuovo singolo "La prima volta"

musica

Il rapper parmense Chrysma in radio con "La prima volta" Video

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Maxi inchiesta anti-evasione, sequestrata la pizzeria «Arte&Gusto»

VIA EMILIA EST

Maxi inchiesta anti-evasione, sequestrata la pizzeria «Arte&Gusto»

VIANINO

Furto all'alba nel supermercato

Vandalismo

Strage di gomme in borgo Gazzola

RUGBY

Minozzi e Giammarioli, «gemelli» azzurri

COMUNE

Carte d'identità elettroniche, il trasporto per anziani e disabili

Oltretorrente

«Ci riprendiamo il nostro quartiere: yoga in strada e biciclettate»

Appennino

Transumanza, lezione tra i monti per gli studenti del Bocchialini

FONTANELLATO

Riapre il box della torta fritta

ambiente

Piove ma a Parma le Pm 10 restano alte: misure d'emergenza fino a giovedì

4commenti

tegola parma

Ceravolo, lesione dell'adduttore: sarà operato?

1commento

Appello

La mamma di Tommy: "Alessi deve rimanere dentro, devono pagare" Video

1commento

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

La vittima è Asani Memedali, macedone, da anni residente in paese

Soccorso Alpino

L'addio a Davide Tronconi: camera ardente a Castelnovo Monti, funerale a Cerreto Alpi

La famiglia chiede di non donare fiori ma offerte per il Saer

anteprima gazzetta

Evasione e soldi all'estero: ancora Parma nel mirino Video

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

1commento

parma

D’Aversa: "Foggia campo difficile. Cambierò qualcosa" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi contro tutti. Pd lacerato verso il voto

di Stefano Pileri

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

lazio-roma

Vergogna nel mondo ultrà: insulti razzisti con Anna Frank Gallery

INCIDENTE

Tragedia nel Savonese: vuole sparare a un cinghiale ma uccide un fungaiolo

2commenti

SPORT

serie b

Le pagelle in dialetto

calcio

Modificato lo statuto di serie B: cambia l'elezione del presidente

SOCIETA'

social

Ecco come rubano una bici (in 40 secondi) Video

1commento

VAL D'ENZA

San Simone: tre giorni di fiera a Montecchio Il programma

MOTORI

CITYCAR

Toyota Aygo, la limited edition X-Cite

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro