Gazzetta di Parma

Il giuramento di Mattarella: inizia il settenato

03 febbraio 2015, 10:58

Chiudi
PrevNext
1 di 50

Si è conclusa nell’Aula di Montecitorio la cerimonia del giuramento del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che ha lasciato l’Emiciclo. Prima di uscire, è stato avvicinato da numerosi parlamentari che si congratulavano. La cerimonia in Aula è durata poco più di 35 minuti, ed è stata conclusa dalla lettura del processo verbale della seduta comune del Parlamento.

Dopo il discorso di insediamento , Sergio Mattarella ha avuto un breve colloquio con Matteo Renzi. 30 minuti di discorso interrotti da 42 applausi. 


Il discorso

Dopo un "saluto deferente" ai predecessori Napolitano e Ciampi, ha parlato della crisi economica "che ha aperto nuove ferite, creato nuove povertà". Ha salutato gli italiani all’estero ma anche le comunità straniere residenti in Italia.  "Sarò un arbitro imparziale, ma i giocatori mi aiutino". ha invitato a non dimenticare "l’Italia nata dalla Resistenza e risorta dopo la il ventennio fascista e l’occupazione nazista". Ha sottolineato la necessità di continuare la lotta alla mafia e alla corruzione.

Nei passaggi ha detto: "Falcone e Borsellino, due eroi". Terrorismo internazionale: "Il terrorismo ha lanciato la sua sfida sanguinosa seminando lutti e tragedie in ogni parte del mondo e facendo vittime innocenti". Un riferimento anche ai marò: "Occorre continuare a dispiegare il massimo impegno affinchè la delicata vicenda dei sue nostri fucilieri di marina trovi al più presto una conclusione positiva, con il loro definitivo rientro in Patria". "Considerare la sfida terribile del terrorismo fondamentalista nell’ottica dello scontro tra religioni o tra civiltà- ha però aggiunto - sarebbe un grave errore. La minaccia è molto più profonda e più vasta. L’attacco è ai fondamenti di libertà, di democrazia, di tolleranza e di convivenza". Ha poi ricordato tutti gli italiani, militari e no, impegnati nelle missioni internazionali. E ha auspicato una rapida risoluzione della questione marò, assicurando anche il suo "massimo impegno". Le riforme: "completino la democrazia» e«il percorso delle riforme sia portato a compimento per rendere più adeguata la nostra democrazia" e "per dare risposte efficaci alla comunità». Al Parlamento: "riformi la Costituzione per rafforzare il processo democratico". All'Italia: "Sia un popolo che vogliamo sempre più libero, sicuro e solidale. Un popolo che si senta davvero comunità e che cammini con una nuova speranza verso un futuro di serenità e di pace".

Rispolvera la Flaminia

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella,accompagnato dal premier Renzi, dopo aver reso omaggio al Milite ignoto, ha lasciato l’Altare della Patria. Mattarella sale sulla Lancia Flaminia con Renzi e il corteo presidenziale si avvia verso il Quirinale. La Lancia Flaminia Cabriolet Landaulet nera: nel 1960 la Lancia donò al Quirinale 4 modelli speciali della sua Flaminia. E' lunga oltre 5 metri e può trasportare sette persone, capote elettrica e finiture a mano, sedili in pelle.