Gazzetta di Parma

Colorno e Torrile stanno tornando alla normalità

08 febbraio 2015, 19:33

Chiudi
PrevNext
1 di 0

Colorno

Sono tornate ad accendersi nella tarda serata di oggi anche le luci delle case di Colorno, Mezzano Rondani, Trai e Copermio ovest. Dopo un black out durato circa 60 ore, finalmente la situazione sta tornando alla normalità. "Restano ancora alcune case isolate - ha spiegato il vicesindaco Pier Luigi Mora - ma per la maggior parte dei cittadini l'incubo è finito".
Per far fronte all'emergenza, già dal pomeriggio di ieri, il Comune di Colorno aveva attivato un punto di accoglienza nel palasport di via Onesti, attrezzato per l'occasione anche per ospitare per la notte. "Qualcuno è venuto a farsi una doccia calda o a ricaricare le batterie del telefonino ma nessuno si è fermato a dormire. Vista la positiva evoluzione della situazione, abbiamo deciso di chiudere la struttura". Resta comunque il rammarico di non avere potuto fare di più per alleviare il disagio dei colornesi: "la mancanza di risposte da Enel sulla tempistica ci ha messo veramente in difficoltà nel gestire il problema. Se avessimo saputo da subito che ci sarebbero voluti quasi tre giorni, avremmo avvisato le famiglie e ci saremmo potuti organizzare meglio".

 

Torrile

Restano senza luce solo alcune case sparse del territorio torrilese. Attorno alle 17, l'erogazione dell'energia elettrica è stata ripristinata anche a Sant'Andrea, La Selva e Bezze, al buio fin dalla notte tra giovedì e venerdì per la rottura dei cavi della bassa e media tensione. Per chi avesse ancora problemi, il Comune segnala che il numero verde di Enel è tornato in funzione.

Nel frattempo non si è fermato neppure il "piano neve": da sabato sera è
iniziato lo spargimento di sale a prevenzione della formazione di ghiaccio sulle strade, viste le previsioni di abbassamento delle
temperature, mentre oggi è proseguita ripulitura dei parcheggi ed è iniziata la rimozione degli accumuli di neve creati durante le
operazioni di giovedì notte e venerdì. Da lunedì saranno riaperti regolarmente anche i cimiteri.

Problemi anche alla Riserva Naturale Torrile Trecasali. L'oasi è rimasta chiusa nel weekend per consentire ai gestori e ai volontari di rimuovere l'enorme quantità di rami, spezzati dal peso della neve, che hanno reso impraticabili i sentieri.