Gazzetta di Parma

Largo 8 Marzo: la fontana diventa fioriera

03 novembre 2015, 17:47

Chiudi
PrevNext
1 di 0

Gli operai tornano in Largo 8 marzo, ma questa volta non c'è contestazione: la fontana, che da anni aveva smesso di zampillare, mantiene la sua struttura originaria ma viene riconvertita ad aiuola. Diventerà un piccolo roseto al centro della piazza. Contemporaneamente sono spariti, nell'angolo a nord del parco, i gazebo marci, le panchine e le altre le strutture precarie che erano diventate, queste sì, il simbolo del degrado, in quanto non mantenute in ordine, mal frequentate e utilizzate per scopi impropri, proprio a ridosso del salotto buono del popoloso quartiere.
Tavoli e panchine verranno recuperati e spostati in un luogo più adeguato. Una terza squadra ha provveduto alla potatura degli alberi e alla rimozione dei rami accatastati nel parco.
Lo dice una nota del Comune, che prosegue:
L'intervento è stato reso possibile soprattutto grazie alla fattiva collaborazione fra Comune e Consiglio dei Cittadini Volontari: "Siamo arrivati ad una buona soluzione - sottolinea il coordinatore del Consiglio dei Cittadini Volontari del Montanara Rino Basili, presente insieme al consigliere Pierluigi Dodi - grazie all'intensa azione "diplomatica" del capo di gabinetto del sindaco, Francesco Cirillo. Ci siamo incontrati, abbiamo valutato la situazione, abbiamo parlato con i cittadini in un'assemblea, e si è arrivati a programmare un intervento che, senza toccare la struttura di un piccolo simbolo della piazza, quale è appunto la fontana, ne garantisce un utilizzo più decoroso; e soprattutto si è colta l'occasione per mettere in sicurezza il patrimonio arboreo e rimuovere le strutture nel retro della piazza, che purtroppo non servivano più per la fruizione da parte delle famiglie, ma erano utilizzate per scopi ben diversi da quelli per cui erano state realizzate".
"Non ho fatto altro che portare la voce dell'amministrazione e seguire la strada del dialogo - ha ribadito Francesco Cirillo - non sempre è la via più breve , a volte è anche faticosa, ma è certamente quella che meglio permette di risolvere i problemi. L'impegno del Comune non si esaurisce oggi, perchè per rimettere in sesto il parco restano ancora diversi interventi di manutenzione da portare a compimento".