Gazzetta di Parma

Brasile: storico oro nel calcio. Trost quinta

21 agosto 2016, 11:36

Chiudi
PrevNext
1 di 9

Mentre tutto il Brasile festeggia l’oro olimpico del calcio, con una lunga nottata a base di caipirinha, musica e fuochi d’artificio, l’ultima serata dell’atletica regala ai Giochi un risultato atteso quanto controverso. Carsten Semenya come da previsioni si impone negli 800 metri, in 1'55''28. Niente record per lei, ma ancora molte discussioni sui suoi ormoni. Fatto sta che per decisione del Tas la sudafricana a pieno titolo corre con le donne, tra le quali nella distanza è nettamente la più forte. Argento alla rappresentante del Burundi Francine Niyonsaba (1'56''49). «E' una medaglia vinta contro i preconcetti - ha detto l’atleta - e al termine di una gara rapida. Il mio tecnico mi ha detto di essere paziente e così ho fatto, attendendo il momento giusto. Ora sono felice in un modo incredibile, questa vittoria è per tutto il Sudafrica, e ancora non ci posso credere».
Quinto posto e qualche rimpianto per Alessia Trost, che ha chiuso al quinto posto la finale di salto in alto: una prova decisamente alla portata dell’azzurra, che si è fermata a 1.93, ma per l’oro è bastato 1.97 con cui la spagnola Ruth Beitia si è presa il titolo grazie al minor numero di salti rispetto alla bulgara Mirela Demireva, argento, e alla croata Blanka Vlasic, bronzo, entrambe con la stessa misura della vincitrice. L’altra italiana Desiree Rossit ha chiuso al 16/o posto. Una finale olimpica vinta sotto i 2 metri, non accadeva da più di trent'anni. Sesto posto per le azzurre della 4X400 che erano entrate in finale con il tempo di 3'25"16 da record italiano: l'oro è andato agli Stati Uniti trascinati da Allyson Felix, che lascia i Giochi di Rio anche con l’argento sui 400 e l’oro nella 4x100.
Nella pallavolo donne trionfa la Cina: le asiatiche hanno battuto 3-1 la Serbia e tra abbracci e lacrime si laureano campionesse olimpiche. Ma la notte brasiliana è tutta per la Selecao: in omaggio ai campioni del calcio, che hanno superato ai rigori la Germania, anche il Cristo del Corcovado diventa gialloverde.