×
×
☰ MENU

Cani da compagnia: la taglia è piccola, la simpatia è extralarge

di Lia Begani - Valentina Tridente

28 Dicembre 2020,09:04

Bentornati cari compagni e compagne di branco! Con questo articolo torniamo a parlare di razze delle loro attitudini, in particolare ci vogliamo soffermare su un gruppo molto amato e molto diffuso nelle nostre case: quello dei cani «da compagnia»

CANI DA COMPAGNIA:

Forse non tutti sanno che: se anche la diffusione di queste razze è sicuramente dovuta al loro aspetto coccoloso e invitante è molto importante ricordare che sempre di cani si tratta e come tali è importante trattarli se non vogliamo creare in loro difficoltà emotive.

Veniamo a riportare qualche esempio:


Bichon e simili: ecco questi sono i cani nobili per eccellenza, Bichon e Bolognese ad esempio erano cani molto apprezzati rispettivamente dalla nobiltà francese e quella italiana in quanto ritenuti molto eleganti e affabili, venivano anche usati come merce di scambio o come doni tra «persone di alto rango». Attenti però, non fatevi ingannare: il Maltese, ad esempio, che è un loro vicinissimo cugino è stato anche usato, nei secoli passati, come cacciatore di topi nelle città portuali del Mediterraneo.


Barbone: si, quello che noi siamo soliti chiamare comunemente «barboncino» non è altro che una della variabili di taglia del barbone che esiste di grande mole (un figo pazzesco tra l’altro!), media mole, nano e toy. Non fatevi ingannare dalle adorabili dimensioni degli ultimi due, la loro origine è quella di cani da caccia in particolare agli uccelli acquatici.


Chinese Crested Dog: o per gli amici Cane Nudo Cinese; la sua origine non è ancora ben chiara, quello che si sa con certezza è che erano cani molto apprezzati in Cina, dalla dinastia imperiale degli Han i quali li utilizzarono anche a protezione dei loro tesori.


 Shih Tzu: altro cane molto apprezzato dalle generazioni imperiali cinesi, originario del Tibet, iniziò a diffondersi in Europa solo dopo il 1912 quando la Cina diventò una repubblica.


Chihuahua: questo micro cane di origine messicana è uno dei cani più sottovalutati, incompresi e bistrattati di questo gruppo in quanto spesso viene acquistato come accessorio fashion alla Paris Hilton. Non vogliamo fare di tutta l’erba un fascio e fortunatamente abbiamo anche incontrato Chihuahua trattati correttamente, come si farebbe con qualunque altro cane, che erano assolutamente meravigliosi; purtroppo però abbiamo avuto anche l’occasione di osservare l’altro lato della medaglia, cioè cani che vivono completamente isolati, che vanni in giro solo in borsetta e non possono annusare, conoscere ed esplorare il mondo: un vero dispiacere! In questi casi i danni emotivi sono veramente enormi. Quindi vi preghiamo in ginocchio: non trattateli da accessori. Per il loro bene ci vuole un po’ di equilibrio tra tutelarli per la loro piccola mole e precludere loro la possibilità di essere cane a 360°.


 Cavalier King Charles Spaniel: cani originari dell’Inghilterra che furono selezionati da razze Spaniel utilizzate per la caccia all’epoca di re Carlo I.


Molossoidi di piccola taglia: a questo gruppo appartengono i molto amati Carlino e Bouledogue Francese e il meno diffuso ma adorabile Boston Terrier, cani piccoli ma dal carattere tenace e a tratti combattivo.
Dopo questa breve infarinatura di alcune delle razze più diffuse e amate di questo gruppo veniamo quindi alle loro caratteristiche:
Taglia decisamente contenuta: sono adorabili piccoletti.
Simpatia: sia nell’aspetto che nel carattere.
Amanti delle coccole: sono veri e propri cani da rimorchio nel senso che se li educate bene e scegliete bene l’allevatore sono generalmente cani aperti che adorano le attenzioni dei loro compagni bipedi facendovi fare un figurone in società.

Veniamo quindi al proprietario ideale per questo gruppo: come abbiamo già abbondantemente approfondito in precedenza qui l’importante è comprendere quanto ,anche e soprattutto per cani di mole così contenuta, sia importante fare esperienze (ben guidate e non allo sbaraglio), crearsi competenze e costruire sicurezze - già questi cani sono alti «due mele o poco più» come i Puffi, e tutto il mondo sembra gigante - se poi li trattiamo come se fossero di cristallo sicuramente la loro autostima non può che rimetterci.

Se poi proprio non volete affrontare tutto quello che comporta la vita con il cane tra cui l’educazione, la socializzazione e le passeggiate ne esistono di una specie particolare che non sporca, non puzza, costa relativamente poco e non abbaia mai: alleghiamo una foto.

 

Perdonateci l’ironia ma anche se questo discorso può sembrare banale e scontato purtroppo non sempre lo è con tutte le conseguenze nefaste che questo comporta.
Per questa settimana è tutto, vi lasciamo con una frase di Konrad Lorenz: «Gli animali ci aiutano a ristabilire quell’immediato contatto con la sapiente realtà della natura che è andato perduto per l’uomo civilizzato.

 Per ulteriori informazioni vi consigliamo di seguire l’appuntamento settimanale di “Compagne di Branco” in podcast su Spotify e in diretta su Radio Parma tutti i mercoledì dalle 15.00 alle 16.00
e-mail: compagnedibranco@gmail.com 
IG: @compagnedibranco
FB: compagnedibranco

 INIZIATIVA INVIATECI  LE VOSTRE FOTO
Volete che la foto del vostro beniamino venga pubblicata nel prossimo appuntamento della nostra rubrica?  Niente di più semplice: immortalate i vostri amici mentre leggono la Gazzetta e inviate la foto a compagnedibranco@gmail.com  aggiungendo tre aggettivi che li descrivano - tutti gli animali sono i benvenuti!    

BIA    
Irresistibile trend-setter e fashion icon Bia non lascia nulla al caso: dal collare natalizio alla coperta a tema sul suo divano dove è solita leggere comodamente la Gazzetta insieme alla sua padrona Francesca Contestabili

 

BORDER COLLIE 
 Ci spiace non sapere il suo nome ma con quel meraviglioso cappello e gli occhiali tecnici per noi questa canetta è la perfetta aiutante di Babbo Natale - Enrico Barbarini ci informa che ama nuotare, correre e giocare col pallone dei suoi figli : un vero portento!

 REX 
Rex è un simpatico elfo che sotto mentite spoglie di cane anzianotto è riuscito a conquistare la sua nuova famiglia che ora lo ama follemente! 12 anni e non sentirli - una menzione particolare a Isabella Dodi, Teresa e Franco che hanno dato a Rex un meritato e meraviglioso pensionamento.

 


 


 

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI