×
×
☰ MENU

Il gesto più bello a Natale? Adottare un cane Ma senza fare passi falsi

di Lia Begani - Valentina Tridente

21 Dicembre 2020,09:16

Bentornati‌ ‌cari‌ ‌compagni‌ ‌e‌ ‌compagne‌ ‌di‌ ‌branco!‌ 
Il Natale è alle porte e quale migliore occasione per parlare di tutte le sfumature di quello che è in assoluto uno dei gesti più altruisti per antonomasia? Stiamo parlando, ovviamente, dell’adozione di un peloso. Abbiamo già affrontato questo argomento da un punto di vista di aspettative ed esigenze del padrone rispetto al cane e viceversa, questa volta vogliamo concentrarci proprio sulle diverse opzioni, la prassi e i doveri connessi all’adozione. Per farlo con cognizione di causa abbiamo chiesto nuovamente l’aiuto della dottoressa in Giurisprudenza Maria Cristina Ganga, collaboratrice dello Studio legale avvocato Antonio Maccarone di Parma. 

Partendo dalle definizioni, merita di essere citata quella che Il Regolamento per il benessere animale del Comune di Parma, in vigore dal 2009, dà di adozione di un animale da compagnia: «L'adozione è una prassi atta a garantire ad un animale abbandonato ed ospitato presso le strutture municipali di ricovero, cura e tutela degli animali d’affezione, il diritto a vivere serenamente in compagnia di un proprietario».”.

Forse non tutti sanno che: esistono due tipologie di adozione quella part-time e quella definitiva

ADOZIONE PART-TIME
Amate tantissimo i cani ma non siete pronti al grande passo? Sognate da sempre di fare lunghe passeggiate con un amico peloso ma gli orari di lavoro vi impediscono di accogliere nel vostro branco un simpatico quadrupede? Sentite il desiderio di avvicinarvi al mondo dei cani ma volete prima imparare a conoscerli meglio? Allora questa opzione fa proprio al caso vostro.

“Il Regolamento per il Benessere Animale del Comune di Parma in vigore dal 2009, prevede infatti che ci si possa prendere cura di un cane senza necessariamente portarlo a vivere in casa propria: l’art. 45 del citato Regolamento riconosce la possibilità a chi abbia interesse di trascorrere qualche ora con un cane che si trovi nel canile municipale e portarlo fuori a passeggiare, dopo aver seguito la procedura prevista per questo specifico caso. Infatti, il Regolamento prevede che, prima di poter finalizzare l’adozione part - time, sia necessario che l’aspirante adottante compili un modulo nel quale dichiara di essere consapevole delle responsabilità connesse alla custodia dell’animale, che sarà comunque provvisto di copertura assicurativa a carico del canile, e specifica che è a disposizione degli adottanti un corso di formazione per approcciarsi all’animale organizzato dallo staff».

Una piccola nota sul discorso assicurativo: non sempre le strutture o i volontari sono in grado di offrire questa opzione perché purtroppo non sempre c’è la disponibilità economica di coprire i costi assicurativi, ricordiamoci sempre che queste persone fanno un lavoro faticoso e di certo non ci guadagnano tanti soldi quindi è detto che tutti se lo possano permettere.

ADOZIONE DEFINITIVA
Finalmente avete deciso, era da tempo che ci pensavate e ora è arrivato il momento di cominciare a guardarvi intorno per capire come muove i primi passi in direzione dell’adozione del vostro nuovo compagno di vita. Come dice sempre la nostra Lia, un cane è come un diamante: per sempre. Tenendo a mente questo importante concetto ecco quello succede più nel dettaglio una volta trovato il peloso che fa al caso vostro. Prima di compiere il grande passo, dovrete prestarvi a un periodo di confronto e verifica da parte dell’operatore municipale incaricato o del volontario che ha il cane in affido. In questo periodo verrà valutata l'attitudine di aspiranti adottanti a prendersi cura dell’animale, in particolar modo rispetto alle specificità del cane “scelto”, per garantire un’adozione mirata, a tutela sia del proprietario che del cane stesso. Questa valutazione può comprendere anche un breve affido, di qualche ora da trascorrere a casa, dal quale possano emergere eventuali incompatibilità con altri animali già di vostra proprietà. Superato lo step delle prime verifiche si procede alla formalizzazione dell’adozione definitiva che avviene con la consegna del cane, di un documento attestante la cessione della sua proprietà, del certificato del microchip e del libretto sanitario. Ad ogni modo, qualora entro trenta giorni dovessero sorgere gravi problemi, debitamente attestati, che rendano impossibile il prosieguo dell’adozione, il cane potrà essere restituito, in assenza di soluzioni diverse da questa, senza oneri (per questo a volte può essere più saggio adottare localmente e non da lontano). Infine, nel caso in cui foste residenti in un comune diverso rispetto al cane, avete l’onere di iscriverlo all’anagrafe canina presso il luogo di residenza, rischiando, in mancanza, l’irrogazione di una sanzione da un minimo di 77 euro  a un massimo di 232.

Questi che vi abbiamo riportato sono tutti gli aspetti più tecnici che dovrete affrontare per adottare un amico peloso, cucciolo, giovane o anziano che sia. Per quanto riguarda le riflessioni che precedono questa decisione vi invitiamo a leggere il nostro articolo del 31 agosto che potete trovare sul sito della Gazzetta. 
 Vi invitiamo inoltre a dare un occhiata alle varie associazioni o strutture presenti sul nostro territorio, scegliere un cane tramite una foto trovata su internet è molto rischioso in quanto questo non vi dà la possibilità di conoscere il soggetto in questione e quindi di valutare la compatibilità delle sue attitudini e del suo carattere al vostro desiderio e al vostro stile di vita.


Una volta fatto il grande passo poi vi invitiamo ad un po’ di cautela e di accortezza nell’affrontare l’inizio della vostra nuova vita insieme
La prima cosa che vi consiglia di fare la nostra Lia è portare pazienza e dare al nuovo arrivato un po’ di tempo per conoscervi, conoscere le dinamiche e le regole del nuovo gruppo prima di affrontare tutto ciò che è esterno. Ad esempio vi consigliamo di aspettare un po’ di tempo prima di presentarlo a parenti e/o amici (almeno un paio di settimane), e aspettare che la vostra relazione sia ben solida prima di affrontare luoghi difficili o affollati ove ce ne fosse l’esigenza.

Per questa settimana è tutto, vi lasciamo con un proverbio cinese:
«Quando vivono a lungo insieme gli animali finiscono per amarsi, gli uomini per odiarsi».
Per ulteriori informazioni vi consigliamo di seguire l’appuntamento settimanale di “Compagne di Branco” in podcast su Spotify e in diretta su Radio Parma tutti i mercoledì dalle 15.00 alle 16.00
e-mail: compagnedibranco@gmail.com 
IG: @compagnedibranco
FB: compagnedibranco

LIA BEGANI
VALENTINA TRIDENTE
CRISTINA GANGA 

INIZIATIVA INVIATECI  LE VOSTRE FOTO
Volete che la foto del vostro beniamino venga pubblicata nei prossimi appuntamenti della nostra rubrica?  Mandateci le foto dei vostri amici pelosi in versione natalizia  con la Gazzetta a  compagnedibranco@gmail.com  aggiungendo tre aggittivi che li descrivano - tutti gli animali sono i benvenuti!  

  

MAYA
 Gusto impeccabile e posa da modella navigata. Maya ha una vera passione per l'arredamento di interni e i mommi al gusto di formaggio. Per info booking foto contattare il suo umano Franco Affanni.


 

IULY
Una vera cagnetta moderna sempre informata sui fatti. ma anche molto riservata: in questa foto è stata paparazzata dai suoi umani Emanuele e Sonia.  

 CESARE
Amiamo il nome, amiamo il cane, amiamo lo spirito natalizio. Cesare e Irene Ghirardi se si potesse verremmo volentieri a festeggiare con voi!


 

 

 

 

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI