×
×
☰ MENU

Compagne di Branco

Galateo in area cani

Compagne di branco

di Lia Begani e Valentina Tridente

05 Gennaio 2022,06:57

Bentornati cari compagni di branco. Oggi vogliamo parlarvi di uno spazio che molti comuni dedicano ai loro cittadini a quattro zampe ma che possono diventare una vera e propria arma a doppio taglio: le aree di sgambamento o aree cani che dir si voglia.

Dato che sono spesso sede di episodi spiacevoli oggi vogliamo suggerirvi un po’ di regole di buona condotta allo scopo di rendere questi luoghi più fruibili e non dannosi.

1. Teniamola pulita

Forse non tutti sanno che: l’area cani in quanto luogo pubblico fa parte di quei luoghi che non devono essere lasciati imbrattati.

Tradotto: dovete pulire dove voi o il vostro cane sporcate, perchè se anche è un fazzoletto di terra frequentato principalmente da cani questo non legittima nessuno a renderlo un porcile, questo anche per la salute dei cani stessi.

Una cartaccia non raccolta può creare problemi di salute per un cane curioso o con problemi di pica (con tendenza ad ingerire oggetti non commestibili) di varia origine, per quanto riguarda le feci non raccolte non e lo sto nemmeno a dire…dalla parassitosi in poi tutto è possibile. Ah, per la cronaca, “il mio cane ha la diarrea” non è una giustificazione per non raccoglierla, potete sempre portarvi un po’ di carta, e se il cane non sta bene, a maggior ragione, sarebbe meglio non frequentare aree cani per non rischiare di contagiare altri cani.

2. Rispetto nei confronti degli altri fruitori

L’area cani è uno strumento a disposizione di tutti, compresi i cani che non hanno piacere di condividere spazio e tempo con i loro simili. Per alcuni cani, particolarmente in difficoltà nei contesti sociali quello può essere l’unico momento di libertà e gioco della giornata.

Per questi motivi il nostro consiglio è quello di chiedere sempre prima di entrare se l’area cani è occupata, sia che si tratti di un cane noto o sconosciuto, perché anche un cane noto può avere un impedimento momentaneo per cui può non essere il caso che incontri il vostro.

Nel caso in cui, poi, non vi sia possibile condividere l'area con il cane già presente cercate di non rimanere attaccati al cancello o alla rete (a nessuno piace sentirsi pressato) e lasciate spazio a chi è dentro in modo da concedere più serenità possibile ad entrambi i cani e da consentire poi un uscita agevole a chi occupava l’area cani.

Se invece siete proprio voi i portatori sani di cane asociale, che per qualunque motivo occupano l’area cani non potendola condividere, ricordate che il rispetto è la chiave di tutto e non sarebbe carino lasciare altri cani fuori in attesa per troppo tempo al grido di “c’ero prima io!”; il nostro consiglio è quello ove possibile di non scegliere orari troppo gettonati e comunque se c’è qualcuno che attende cercate di liberare lo spazio il prima possibile. Godetevi il vostro momento, giocate un po’ con il vostro adorato pet e poi lasciate che gli altri possano fare lo stesso.

3. Valutate bene prima di mettere insieme i cani

Forse non tutti sanno che: se anche è vero che avere una recinzione di mezzo i cani possono avere reazioni più forti che in assenza di un vincolo fisico è altrettanto vero che quella risposta comportamentale è lo specchio delle emozioni che quel cane dovrà sforzarsi di reprimere incontrando lo stesso cane in libertà.

Facciamo un esempio. Ci sono due cani che attraverso la recinzione si mandano regolarmente a quel paese, si minacciano e via dicendo quando uno dei due è dentro e l’altro fuori. Può capitare che facendoli stare insieme nel recinto questi ultimi si tollerino e non se la sentano di aprire un conflitto ma questo non significa che farli stare insieme sia una stata una buona idea; con buone probabilità entrambi i cani si porteranno a casa un’esperienza negativa o quanto meno stressante.
Ricordate: non è necessario che il vostro cane conosca tutti i cani della città, la cosa importante è che si porti sempre a casa esperienze positive e/o costruttive.

4. Mai troppi cani in spazi stretti

I cani non nascono per situazioni sociali troppo spinte (preferiscono il loro branco), 10 cani semisconosciuti in uno spazio stretto sono troppi, anche 5 potrebbero essere già troppi per alcuni caratteri.

Ve lo ripetiamo perché spesso una volta non basta: anche se non scoppiano risse evidenti non vuol dire che il vostro cane si trovi bene in quella situazione. I cani possono manifestare lo stress o il disagio in molti modi diversi: possono usare la monta compulsiva, possono usare la possessività come ad esempio quei cani che tutto ad un tratto prendono un oggetto di qualunque tipo (bastoncini, sassi, il proprietario…) o uno spazio (intorno ad una buca, alla ciotola dell’acqua, l’ombra…) per impedire agli altri membri del gruppo di avvicinarsi e tanti altri comportamenti anomali più o meno eclatanti.

Rimane una buona regola non occupare l’area in più di due o tre cani contemporaneamente in modo da ridurre il rischio di mettere a disagio i membri più sensibili del gruppo.

5. Godetevi il momento e rimanete vigili

Mentre siete in area cani cercate di godervi il momento con il vostro amico più o meno peloso; il cane se ne fa poco di starsene in un pezzetto di terra se non ha il suo amico bipede con cui fare cose. Finite le esplorazioni e le marcature Fido beneficerà poco di questa “sgambata” se il suo umano preferito se ne sta tutto il tempo a smanettare col telefono lasciandolo solo. Ancora peggio se non lo supportate e monitorate in presenza di altri cani sia per evitare che qualcuno lo possa mettere a disagio ed eventualmente potergli fare da spalla per superare situazioni difficili, che per evitare che sia il vostro compagno a mettere in difficoltà qualcun altro. Ricordate: non è solo l’aggressività a mettere a disagio i cani più sensibili o giovani ci sono infatti tanti altri modi.

e-mail: compagnedibranco@gmail.com
IG:@compagnedibranco
FB:compagnedibranco

Volete che la foto del vostro beniamino venga pubblicata nel prossimo appuntamento della nostra rubrica? Niente di più semplice: immortalate i vostri amici mettendo bene a fuoco il loro muso, scattate e inviate la foto a compagnedibranco@gmail.com Il nuovo tema delle foto è primavera/estate. Come sempre tutti gli animali sono i benvenuti!

Paco e Peggy di Lucia Oddi

Jack di Alberto Zinelli

Oliver di Ludovica

Louise di Elena e Attilio

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI