Sei in Archivio bozze

Parma

Maurizio e Leo sono tornati: il padre indagato per sottrazione di minore

Il bimbo consegnato alla madre

16 gennaio 2014, 18:07

Maurizio e Leo sono tornati: il padre indagato per sottrazione di minore

Maurizio Rigamonti e il figlio Leo sono tornati a Parma. 

Il padre è arrivato in questura poco prima delle 17, su unè'auto dove si trovava anche il dirigente della Squadra mobile di Parma, Enrico Tassi, che da giorni stava segiendo questo caso. Non era più con loro il bimbo, che è stato nel frattempo portato in una località già decusa in precedenza, per ritrovare un po' di tranquillità e probabilmente anche per incontrare la madre.

Indagato - (ore 18,50) -  E' stato indagato a piede libero per sottrazione internazionale di minore Maurizio Rigamonti, l’uomo fuggito con il figlio il 6 gennaio e rientrato oggi a Parma.  "Sto bene, grazie per l’attenzione che ci avete dato. Non posso parlare, non posso dire altro". Sono queste le uniche parole dette dall’uomo una volta uscito dalla Questura di Parma, dove era arrivato attorno alle 17.

Il bimbo è stato consegnato alla madre, in attesa delle decisioni del tribunale: tutti i particolari sulla Gazzetta di Parma

Un caso nazionale - l padre in fuga è tornato in Italia oggi con il figlio di otto anni, mettendo fine a una fuga durata una decina di giorni. Un caso che ha attirato l'attenzione dei media nazionali. Nei giorni scorsi, gli appelli lanciati da Annibale Rigamonti, padre di Maurizio e nonno del piccolo Leo. Ieri Rigamonti ha pubblicato sul web un video in cui il figlio lo difende: "Papà non è cattivo". Nelle ore successive il caso è stato ripreso dalle trasmissioni pomeridiane di Rai e Mediaset, che si sono contese in diretta Annibale Rigamonti; alla fine, l'uomo si è alzato e se n'è andato, come mostrano le immagini in esclusiva di TvParma.

La vicenda approda anche in tribunale. Lura Calder, ex moglie di Rigamonti e madre di Leo, ha chiesto un provvedimento che modifichi l'affido condiviso. Sulla base di quanto accaduto in questi giorni, la donna ha chiesto al tribunale l'affido esclusivo. Il giudice Sinisi, che ha secretato il verbale, aveva stabilito che avrebbe concesso un'altra udienza nel caso di un ritorno di Maurizio Rigamonti in giornata. Slitta quindi la decisione del tribunale sull'affido di Leo.