Archivio bozze

KERMESSE

November porc «recupera» a Polesine

15 dicembre 2014, 06:00

November porc «recupera» a Polesine

Paolo Panni

Dopo la piena del Grande fiume di metà novembre, che aveva fatto saltare in extremis la manifestazione, si è potuto finalmente celebrare, sulle rive dello stesso Po, il «November Porc…speriamo ci sia la nebbia». La kermesse, per la prima volta in versione natalizia, ha portato a Polesine migliaia di persone. Non c'è stata certo l’affluenza degli scorsi anni, ma considerato il periodo l’affluenza è stata comunque elevata.

«E’ andata molto bene – ha detto Sabrina Fedeli al suo primo «November Porc» da sindaco – e vista anche la concomitanza di tante altre manifestazioni possiamo essere più che soddisfatti». Il sindaco ha tenuto a ringraziare le decine di volontari «messi in campo» dalle associazioni del parse, vale a dire Avis, Lilt, Amici del Po, Us Polesine, Protezione civile «Gian Luigi Ghelfi», Motonautica, «Km 21 & un Po» e «Federcaccia», ringraziando anche le scuole, gli Alpini, e tutti coloro che hanno dato man forte alla manifestazione. Una settantina, in tutto, gli stand presenti con prodotti tipici di numerose regioni italiane.

Ieri pomeriggio gli occhi, o meglio i palati di tutti, sono stati invece puntati sul «Pretone», rimasto a cuocere ventiquattro ore, a «cura» di Mario Cappa, Giacomo e Marco Sartori, Achille Bragadini, Rino Cavalli, Alessandro Nicoli, Nicola Boarini, Luciano Dioni, Angiolino Vaccari, Opilio Rabuzzoni e Giuliano Loffi.

Arrivato a sfiorare i 4 quintali di peso, il «Pretone», alla presenza dello chef stellato Massimo Spigaroli, presidente della Strada del Culatello di Zibello (il sodalizio che promuove l’evento), del sindaco Sabrina Fedeli, di Babbo Natale e di tanti volontari e golosi, è stato dapprima issato fra gli applausi di tutti e quindi distribuito ai presenti.

Soddisfazione è stata espressa da Massimo Spigaroli che ha ricordato che «in novembre il Po è stato implacabile ma noi non demordiamo e la gente alla fine è venuta lo stesso numerosa. E’ andata molto bene e il clima ci ha permesso di gustare al meglio il territorio. Questo “recupero” in dicembre ci ha dato tutti i presupposti – ha aggiunto – per pensare a qualcosa di nuovo da lanciare, magari già dal prossimo anno, per dicembre, dopo la festa dell’8». E se lo dice l’ideatore del «November Porc» e di tante altre manifestazioni di successo, c’è da star certi che qualcosa sta già... bollendo in pentola.

Ieri è intervenuto anche il sindaco di Mezzani Romeo Azzali. L’occasione è stata utile per lanciare e promuovere il prossimo appuntamento che avrà ancora una volta, per protagonista, il maiale: vale a dire «Al gir d’la cova dal gosèn» in programma il 24 e 25 gennaio a Mezzani. In quell'occasione, nel pentolone in cui ieri è stato cotto il «Pretone», sarà messo a cuocere un anolino da record. Un’idea, questa, che getta le basi nel film «Disperati ma… non troppo», diretto dallo stesso Azzali, in cui si parla anche dell’anolino «Morbino».