Archivio bozze

INFANZIA

La Paci: ecco il piano per le scuole dell'infanzia

31 gennaio 2015, 06:00

La Paci: ecco il piano per le scuole dell'infanzia

Pierluigi Dallapina

Novità in vista per l'asilo nido di Fognano, dove resterà solo una sezione mentre le altre verranno dirottate al «Bolle di sapone», in via Olivieri, e per nidi «Palloncino blu» e «La Margherita» che subiranno una trasformazione per riuscire ad accogliere la fascia di età dagli zero ai sei anni.

Questa operazione permetterà di recuperare 112 posti di scuola materna, e di ridurre di 71 unità i posti del nido, sui quali è stata registrata una diminuzione della richiesta da parte delle famiglie.

«Per tutto il resto vedremo l'andamento delle iscrizioni», afferma il vicesindaco con delega ai servizi educativi, Nicoletta Paci, smentendo le voci riguardanti una chiusura certa di alcuni asili e/o di alcune materne. «Di sicuro ora non c'è niente, dobbiamo aspettare l'andamento delle iscrizioni. Ad aprile, quando saranno pubblicate le graduatorie, avremo un quadro complessivo più chiaro», aggiunge, ricordando però che una riorganizzazione del servizio sembra essere necessaria, in virtù del calo continuo di iscrizioni, sia ai nidi che alla materna.

Per gli asili nido, dal 2012 al 2014, le domande sono passate da 1636 a 1452, segnando un calo di 184 richieste di iscrizione, mentre nello stesso periodo di tempo le domande per la materna sono calate di 32 unità.

«Nonostante le liste d'attesa presenti sia ai nidi, per 59 posti, che alla scuola dell'infanzia, per 298 posti, alcune strutture hanno lamentato posti vuoti, per la precisione 86 posti nei nidi e 9 posti nella scuola dell'infanzia», afferma la vicesindaco, ricordando che per seguire l'andamento della domanda da parte degli utenti, sono già stati diminuiti i posti al nido e potenziati quelli alla materna.

«Per evitare che vengano lasciati posti vuoti, invito le famiglie che devono fare l'iscrizione ad esprimere il maggior numero di preferenze, che per i nidi è pari a 15 strutture, mentre per la materna è di 8».

Cercando di smorzare le preoccupazioni emerse nei giorni scorsi da parte di un gruppo di genitori, la Paci spiega che a Fognano «è emersa la necessità di recuperare alcuni spazi per la scuola elementare».

«Questo significa che – prosegue – verrà mantenuta la sezione di asilo nido frequentata dai vecchi iscritti, mentre le due probabili nuove sezioni saranno aperte al Bolle di sapone in via Olivieri». Le tre sezioni di scuola dell'infanzia resteranno invece stabili a Fognano. Queste modifiche non piacciono ad un gruppo di genitori di bambini che frequenta la struttura di Fognano, e che ieri pomeriggio, al termine della conferenza, ha avvicinato la Paci per sottolineare che il trasferimento di alcuni bambini in via Olivieri penalizzerà da un punto di vista degli spostamenti quelle famiglie con un figlio già iscritto a Fognano.

Sul futuro di Parma Infanzia, la vicesindaco ricorda che il bando ci sarà, ma intanto «il contratto è stato prorogato fino a giugno».

La prossima settimana, invece, la Paci incontrerà i sindacati e i rappresentanti dei genitori, oltre a partecipare ad una seduta della commissione sui servizi educativi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA