Archivio bozze

Parma

Studenti in viaggio per non dimenticare

04 febbraio 2015, 06:00

Tre pullman della Tep per 106 studenti di undici scuole superiori di Parma sono partiti ieri mattina dalla pensilina del Toschi verso Norimberga per il «Viaggio della memoria». Accompagnati da Marco Minardi, direttore dell'istituto storico della Resistenza, dal vice presidente Attilio Ubaldi, da due ricercatori dell'istituto (Tommaso Ferrari e Teresa Malice), da Ferdinando Sandroni, segretario dell'associazione Partigiani cristiani e da 13 insegnanti, i ragazzi visiteranno oggi il campo di concentramento di Flossenburg. Il campo si trova a metà strada tra Norimberga e Praga. Costruito da Himmler per volontà di Hitler, nel maggio del 1938 dai prigionieri del lager di Dachau, Flossenburg diventa il campo principale di altri 97 sottocampi e dove trovano la morte per iniezioni di fenolo o per fucilazione polacchi e sovietici. Una vera valle della morte, dove i cadaveri finiscono nel forno crematorio o in fosse comuni.

«Il viaggio - scrivono dal pullman Pamela, Giorgia, Giulia, Rosanna dell'istituto tecnico economico Mainetti - ci ha aiutate ad immedesimarci e a riflettere sull'esperienza che andremo a fare nei prossimi giorni. Anche il clima è stato utile per adattarci al tipo di ambiente in cui ci ritroveremo, nella speranza che possano essere giorni di riflessione e di crescita interiore».

«Alla fine di un viaggio estenuante - aggiungono Alessia, Carlo, Federico, Giampaolo e Giovanni del liceo Romagnosi e del Maria Luigia -, siamo giunti in un accogliente hotel tedesco. Il pensiero tuttavia va a chi in altri tempi e in altre circostanze, per un capriccio del destino, ha dovuto affrontare questo stesso tragitto con una fine meno lieta. Eccoci, Norimberga, siamo pronti a non dimenticare».

Insomma, un'esperienza che non sarà dimenticata e un viaggio che coinvolge un po' tutta la città. «Basti pensare che già al mattino quando siamo partiti dalla pensilina del Toschi - conclude Marco Minardi - i baristi del bar della pensilina hanno offerto il caffè a tutti gli insegnanti accompagnatori».

La «Gazzetta di Parma» pubblicherà ogni giorno il diario del Viaggio della memoria degli studenti. M.V.

© RIPRODUZIONE RISERVATA