Archivio bozze

Sanremo

Le pagelle in anteprima

10 febbraio 2015, 06:00

Le pagelle in anteprima

I BIG IN GARA OGGI

Chiara

“Straordinario”

5,5 Pop tradizionale, costruito bene, con un refrain facile facile. Costruito con l'occhio (e l'orecchio) alla radio.

Gianluca Grignani

“Sogni infranti”

6 Ballata acustica con la buona fattura del Grignani doc. Strappa un sorriso sapere che il testo conterrebbe citazioni di Calvino e Ginsberg.

Alex Britti

“Un attimo importante”

5 Chitarra elettrica bella, ma risaputa. Un Britti autentico, che però non esplode.

Malika Ayane

“Adesso e qui (nostalgico presente)”

8 Ineccepibile. Malika canta benissimo un bel testo di Pacifico sulla crisi di un amore.

Dear Jack

“Il mondo esplode tranne noi”

5 Un cocktail tra Coldplay e Negramaro. Scritta per vincere, se avesse un po' più di cuore.

Lara Fabian

“Voce”

6 Pezzo debole, ma lei canta benissimo con padronanza totale della voce e della scena.

Nek

“Fatti avanti amore”

7,5 Sorprendente. La cassa in 4/4 è quella che non ti aspetti dall'artista di Sassuolo. Deve mettere più decisione nella sua interpretazione, ma il pezzo c'è.

Grazia Di Michele & Mauro Coruzzi

“Io sono una finestra”

6,5 Soft jazz da night club. Lei fatica un po' a cantare su un tonalità maschile ma alla fine le due voci si sostengono morbidamente.

Annalisa

“Una finestra tra le stelle”

5,5 Sognante e un po' scontata. Anche se firmata Kekko Silvestre dei Modà. Lei canta bene ma la canzone è fragile

Nesli

“Buona fortuna amore”

5,5 Rock ballad, firmata Brando. Nesli la interpreta bene ma il peso specifico complessivo è basso.

I BIG IN GARA DOMANI

Nina Zilli

“Sola”

5 Blues dozzinale, enfatico, accattato via qua e là. Nina Simone? No, Nina Zilli.

Marco Masini

“Che giorno è”

7,5 Una voce smagliante e pezzo eccellente firmato con due autori di valore come Federica Camba e Daniele Coro. In corsa per un gran risultato.

Anna Tatangelo

“Libera”

6 Ballata facile, diretta, scritta dal solito Silvestre. Dal vivo convince un po' meno che su disco, ma saprà farsi valere.

Raf

“Come una favola”

6 Stratificata, sinuosa, cresce piano piano. Raf classico anche se senza la magia di una “Infinito”.

Il Volo

“Grande amore”

5,5 Un rullo compressore in bilico tra lirica e pop. Pezzo kitsch, ma con tre voci così, che importa? In fuga per la vittoria.

Irene Grandi

“Un vento senza nome”

7 Gran bella linea melodica, pulita, emozionale, elettrica quanto basta. Con un po' più di trasporto, Irene potrebbe fare grandi cose.

Fabrizio Biggio e Francesco Mandelli

“Vita d'inferno”

5,5 Cabarettistica, con Roy Paci nei panni direttore d'orchestra. Beep autocensorio in “giramento di…” e buonumore.

Lorenzo Fragola

“Siamo uguali”

6,5 Scritta per vincere. E per sbancare le playlist delle radio, nonostante l'interpretazione un po' calante.

Bianca Atzei

“Il solo al mondo”

6 Bella interpretazione di un brano classicissimo, ancora firmato Silvestre. Pronta per l'hit-parade.

Moreno

“Oggi ti parlo così”

4,5 “Sono fermo a quel momento / quando tu mi hai detto / crudo, spietato, diretto / oggi ti parlo così”. Credo, spietato, diretto pure il giudizio sull'unico rap in gara: inutile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA