Archivio bozze

Rugby

Zebre nella bufera, rissa Cavinato-Manghi

15 febbraio 2015, 06:00

Zebre nella bufera, rissa Cavinato-Manghi

Michele Ceparano

Far west alle Zebre con tanto di rissa tra due personaggi di assoluto primo piano della franchigia del Nord-Ovest. Protagonisti il capo allenatore dei bianconeri Andrea Cavinato e il direttore generale Roberto Manghi, ora sospesi dalla società che presto dovrebbe diffondere un comunicato sulla vicenda. Teatro dello scontro che ha visto entrambi finire all'ospedale Maggiore, gli uffici delle Zebre che si trovano alla Cittadella del Rugby, a pochi passi da quello del presidente onorario della Fir Giancarlo Dondi. Pare, da una prima sommaria ricostruzione (nessuno dei due ha infatti voluto rilasciare dichiarazioni), che, terminato l'allenamento, tra i due la scintilla sia stata accesa per motivi di servizio (forse una circolare sull'impianto di allarme della struttura). Poi qualche ruggine sarebbe riaffiorata. Prima le parole. Piuttosto grosse a sentire i bene informati. Da queste si sarebbe passati ai fatti. Alla fine, Cavinato avrebbe chiamato l'ambulanza e si sarebbe fatto trasportare al Maggiore dove sarebbe stato medicato con una decina di punti di sutura al labbro. Anche Manghi si sarebbe recato all'ospedale dove sarebbe stato dichiarato guaribile in sette giorni. La società, nell'attesa di svolgere una più approfondita indagine, ha comunque già sospeso i due. Oggi intanto la squadra, nel match interno contro le Zebre, dovrebbe essere affidata al team manager Andrea De Rossi. A sentire le voci che circolano nell'ambiente, questo Pro 12 potrebbe anche essere l'ultimo di Cavinato alla guida delle Zebre. Per sostituirlo ci sarebbe in pole Gianluca Guidi, già accostato più volte alla squadra bianconera, oppure, e questa è un'ipotesi da prendere con le pinze, Jacques Brunel, attuale ct azzurro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA