Archivio bozze

Parma

Parcheggiatore abusivo arrestato: è già libero

18 febbraio 2015, 06:00

Parcheggiatore abusivo arrestato: è già libero

Laura Frugoni

La guerra ai parcheggiatori abusivi che gravitano intorno all'ospedale è cominciata da un pezzo, e per svariati motivi. E da un pezzo loro lo sanno, ma non si arrendono. C'è perfino chi reagisce molto male all'arrivo delle forze dell'ordine, in questo caso una pattuglia dei carabinieri della stazione Oltretorrente: lunedì un ventenne senegalese è finito in manette, arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale (che ha riportato dieci giorni di prognosi).

A quest'ora però il senegalese è già libero: ieri al processo per direttissima ha patteggiato un anno di reclusione, pena sospesa. E nessuno si stupirebbe di ritrovarlo al suo posto di «lavoro».

Il blitz dei carabinieri oltretorrentini - che tra l'altro hanno la caserma proprio lungo via Abbeveratoia - era scattato nel primo pomeriggio di lunedì: un militare in divisa si è avvicinato a un gruppetto di habitué di quel parcheggio che compaiono un giorno sì e l'altro pure con la mano tesa picchiando sul finestrino di chi sta parcheggiando l'auto o tallonando il malcapitato non appena hanno chiuso la portiera. Non di rado oltrepassano il limite dell'insistenza e diventano aggressivi: un problema sollevato da molti parmigiani attraverso lettere di protesta, esposti, sit-in.

Tornando al gruppetto sorpreso lunedì pomeriggio. Alla vista del militare «in avvicinamento» è andato in scena il solito copione: in quattro si sono messi a correre a perdifiato in direzione dell'ingresso del Maggiore, cercando di seminare il carabiniere. Una tecnica anche quella consumata: quando si sentono minacciati, i falchi del parcheggio non esitano a intrufolarsi e a nascondersi nei corridoi ospedalieri. Peccato che nei pressi dell'entrata li aspettassero al varco altri carabinieri in borghese.

Tre su quattro a quel punto hanno realizzato che l'unica cosa da fare fosse fermare le gambe e riprendere fiato: in sostanza «arrendersi». Soluzione decisamente più saggia anche perché in questi casi se la cavano con una sanzione amministrativa per esercizio abusivo dell'attività (e chissà quanti pagano quelle multe). Il quarto senegalese, faccia peraltro già nota agli uomini dell'Arma, di fronte a chi gli sbarrava la strada ha reagito come un ossesso, avventandosi su un militare in borghese (che si era qualificato). E' nata un'aspra colluttazione: il parcheggiatore fine è stato immobilizzato e portato in caserma. Dove finalmente s'è dato una calmata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA