Archivio bozze

Provincia

Falsi addetti Enel nella Pedemontana

20 febbraio 2015, 06:00

Ilaria Ferrari

Da Calerno a Tortiano, passando per Monticelli e Basilicanova. Finti tecnici Enel al lavoro, in questi giorni, per provare a truffare chi dovesse cadere nella rete. «Erano due uomini, poco più che 30enni, uno non ha aperto bocca, l'altro mi ha parlato in modo molto spigliato e addirittura arrogante – racconta una 42enne di Basilicanova - volevano aggiornarmi i contatori per farmi risparmiare, hanno detto».

Questa è una delle scuse portata avanti dai truffatori per provare a entrare nelle abitazioni dei malcapitati (un'altra scusa è stata utilizzata in occasione del black out del 6 febbraio scorso: «A causa della nevicata ci sarebbero delle verifiche da effettuare»).

La tentata incursione dei due giovani è avvenuta in pieno giorno, intorno alle 17. «Hanno suonato al campanello – prosegue la 42enne – ma io mi sono affacciata senza aprire. Quando hanno iniziato a parlare ho subito capito che si trattava di una truffa. Mi hanno chiesto se avessi ricevuto la loro comunicazione nei giorni precedenti e si sono mostrati molto sorpresi quando ho risposto di no. Poi ho rifiutato la loro offerta e loro hanno iniziato a diventare arroganti: hanno cercato di farmi sentire ignorante perché non li avevo fatti entrare per approfittare della loro opportunità di risparmio. Io non ci sono cascata – conclude – ma un'anziana avrebbe potuto cedere e lasciarsi facilmente truffare».

A Calerno e Tortiano la scusa è stata invece il black out dovuto alla neve che avrebbe causato dei danni che era necessario accertare. Ancora due persone in azione, ancora un tentativo di raggiro per entrare in casa. Anche in questi casi le vittime prese di mira non hanno aperto la porta evitando così di essere derubate ma l'attenzione deve rimanere alta.

Solitamente questi falsi tecnici si muovono sempre in coppia con uno scopo preciso: mentre uno dei due distrae la vittima, il complice con una scusa si muove per casa per svuotare armadi e cassetti.

L'invito per chi si trovasse di fronte a simili tentativi di truffa è di chiamare immediatamente le forze dell'ordine.

© RIPRODUZIONE RISERVATA