Archivio bozze

Sanità: nomine

Fabi all'ospedale, la Saccenti all'Ausl

21 febbraio 2015, 06:00

Fabi all'ospedale, la Saccenti all'Ausl

Monica Tiezzi

L'ufficializzazione arriverà lunedì in giunta regionale ma - come già anticipato dalla Gazzetta una settimana fa con un'intervista esclusiva al nuovo assessore regionale alla salute Sergio Venturi - è ormai certa la nomina di Massimo Fabi alla direzione dell'ospedale Maggiore e quella di Elena Saccenti alla guida dell'Ausl.

Due nomi che si inseriscono nel complesso mosaico di nomine della sanità regionale, dopo che i vecchi dirigenti, all'insediamento della giunta Bonaccini, avevano rimesso il mandato. Per motivi di opportunità politica, avevano spiegato i nuovi vertici della Regione, e per dare un orizzonte di lavoro abbastanza lungo: cinque anni.

Assieme a quelle di Fabi e della Saccenti saranno ufficializzate anche le nomine di altri 13 dirigenti: sette alla guida di altrettante aziende sanitarie, tre al timone di aziende ospedaliero-universitarie, uno alla guida di azienda ospedaliera (il Santa Maria Nuova di Reggio Emilia), uno all'Istituto ortopedico Rizzoli, e il direttore generale regionale alle Politiche per la salute.

Se il nome di Massimo Fabi - direttore generale dell'Ausl di Parma dal 2008 - girava ormai da tempo fra gli addetti ai lavori, ed era stato «tacitamente» confermato anche dall'assessore Venturi nell'intervista alla Gazzetta, la scelta di Elena Saccenti, direttore amministrativo dell'Ausl dal 2004, sembra essere stata un po' più travagliata.

In lizza c'era anche l'attuale direttore sanitario dell'Ausl, Ettore Brianti, e qualche dirigente esterno all'azienda dal curriculum ricco. Alla fine l'ha spuntata la Saccenti, una scelta che va anche nella direzione - annunciata da Stefano Bonaccini e da Sergio Venturi - di aumentare la rappresentanza femminile nei ruoli dirigenziali.

La «staffetta» all'ospedale Maggiore sarà quindi fra Massimo Fabi e Leonida Grisendi, 66 anni, già direttore generale dell'assessorato regionale alla sanità, al timone dell'Azienda ospedaliero-universitaria di Parma dal settembre 2010. Per Fabi si tratta del riconoscimento del lavoro svolto in sette anni come direttore generale dell'Ausl di Parma. «L'Ausl di Parma ha ingranato una direzione che non ha necessità di correzioni. Non ha problemi di bilancio e per diversi aspetti, come le Case della salute e l'appropriatezza nella prescrizione dei farmaci, può essere un modello» aveva detto Venturi nell'intervista alla Gazzetta. E anche la scelta di Elena Saccenti alla guida dell'Ausl va nella direzione della valorizzazione delle professionalità interne aziendali che hanno saputo «fare squadra».

No comment per ora, come era prevedibile, dai due diretti interessati. Che ribadiscono: «Aspettiamo le decisioni ufficiali della giunta regionale».