Archivio bozze

Rubbiano

Operaio scomparso nel nulla

21 febbraio 2015, 06:00

Operaio scomparso nel nulla

Valentino Straser

Si tinge di giallo la scomparsa di Rachid Hattab, un trentacinquenne di origine marocchina, residente a Fornovo Taro, che ha fatto perdere le proprie tracce sabato scorso. Ieri pomeriggio, intanto, sono state sospese le ricerche dell'uomo dopo che i soccorritori hanno battuto palmo a palmo il greto del fiume, i boschetti e anche il lago situato nei pressi della Laterlite, adibito a pesca sportiva. L'unico indizio, al momento, è l'auto dell'operaio trentacinquenne, una Kia Carnival, trovata parcheggiata in una strada bianca nelle vicinanze di Rubbiano. Dopo il rinvenimento dell'auto, avvenuto domenica mattina grazie alla segnalazione di un residente, è seguita la denuncia della scomparsa. Le ricerche si sono intensificate giovedì pomeriggio e sera: è stata perlustrata la zona dove nei pressi è stata rinvenuta l'auto e scandagliato un tratto del lago nei pressi della Laterlite, da parte dei sommozzatori arrivati appositamente da Bologna. Ieri mattina, sino alle 16 del pomeriggio, sono riprese le ricerche da parte di una task force composta dai carabinieri delle stazioni di Solignano e di Fornovo Taro, dai vigili del fuoco di Parma, dal Gruppo di protezione civile regionale e locale, dagli uomini del Corpo nazionale di soccorso alpino e speleologico della Stazione «Monte Orsaro» di Parma, i gruppi cinofili, gli uomini del Corpo forestale dello Stato, e un reparto di sommozzatori dei vigili del fuoco arrivati da Ravenna.

I sommozzatori, in mattinata e nel primo pomeriggio, hanno effettuato una ricerca «a pettine», scandagliando il fondale del lago, profondo circa tre metri e con la temperatura dell'acqua compresa fra i 5 e i 6 gradi centigradi. Il campo base è stato collocato sulla sponda del lago e alle ricerche hanno partecipato anche conoscenti e parenti del trentacinquenne scomparso. I parenti e gli amici, che hanno seguito l'evolversi della situazione, hanno descritto il trentacinquenne come un «uomo tranquillo e dedito al lavoro». Le ricerche si sono orientate in tutte le direzioni a ridosso del centro abitato di Rubbiano, con sopralluoghi svolti in paese e nelle zone circostanti, passando al setaccio ogni angolo del greto del fiume, dal paese sino al ponte dell'autostrada, delle strade secondarie e dei boschetti. Purtroppo, dopo l'esito negativo, i soccorritori, in accordo con le forze dell'ordine che hanno coordinato il piano degli interventi, hanno deciso di sospendere, almeno per il momento, le ricerche. Sarà la Prefettura di Parma a valutare la necessità o meno di continuare con la ricerca del trentacinquenne.

© RIPRODUZIONE RISERVATA