Archivio bozze

Bazzano

Frana, fattoria evacuata

03 marzo 2015, 06:00

Frana, fattoria evacuata

Matteo Ferzini

Una frana di dimensioni preoccupanti ha cominciato a divorare, nel giro di poche ore, il versante collinare di una stalla con annessa abitazione alla periferia dell'abitato di Bazzano: un cedimento importante che si è sviluppato proprio al confine con le fondamenta dell'azienda e della casa vicina, rendendo necessaria l'evacuazione di una famiglia di sei persone e di una trentina di capi di bestiame.

Il crollo si è sviluppato alla località case Notari, a poca distanza dal confine tra i comuni di Neviano e Traversetolo e nei pressi della frazione di Corticone di Bazzano: si tratta di una zona collinare nella quale da tempo si era sviluppata una delle frane «storiche» del territorio, a causa della natura argillosa del terreno e di una falda acquifera sottostante alla superficie. Tuttavia la zona, dove è presente un'azienda agricola di vaste dimensioni, ha iniziato solo pochi giorni fa a presentare un repentino cedimento del terreno verso valle proprio sotto all'edificio della stalla, che termina con la concimaia.

Ieri mattina, la situazione si è rivelata nel pieno della sua drammaticità: il fronte del cedimento aveva infatti preso a intaccare il limite dell'azienda agricola. Diverse crepe si sono sviluppate nel giro di poche ore non solo nel terreno circostante l'abitato ma anche nei muri laterali della stalla. Ieri mattina è quindi scattato l'allarme, che ha richiesto l'intervento dei volontari di Protezione civile del nucleo della Croce Azzurra di Traversetolo con due mezzi, oltre a una serie di sopralluoghi da parte del Comune di Neviano e dei tecnici dell'Arpa Emilia-Romagna. Con l'avanzare, di ora in ora sempre più esteso, del movimento franoso sotto agli edifici, si è arrivati alla decisione di evacuare tanto l'abitazione quanto la parte dell'azienda più prossima al fronte del crollo.

I proprietari dell'azienda sono residenti fuori dal territorio di Parma: nell'abitazione a fianco della stalla abitano infatti i dipendenti dell'azienda, marito, moglie e quattro figli d'origine straniera. La famiglia è stata trasferita, per il momento, nel centro sociale «Due lanterne» di Bazzano.

Durante la giornata si sono susseguiti i viaggi del trasporto bestiame, per trasferire gli animali nella parte d'azienda vicino al cedimento, una trentina in tutto tra manze e vitelli, in un'altra stalla del territorio nella quale è stata individuata una sistemazione temporanea; per il resto del bestiame bovino dell'azienda, un centinaio di vacche da latte, non dovrebbe esserci per ora la prospettiva di un trasferimento, essendo gli animali collocati in una zona dell'azienda più al sicuro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA