Archivio bozze

Il caso

Il calendario del Duce? Si vende alla Coop

25 ottobre 2015, 06:00

Il calendario del Duce? Si vende alla Coop

Umberto Spaggiari

Un volto in prima pagina, sguardo severo, mascella prominente: l'inequivocabile immagine di Benito Mussolini sulla copertina di un periodico esposto nel punto vendita dei giornali e riviste allestito nel supermercato Coop di Sant'Ilario d'Enza, ha indignato un cliente che l'ha fotografata, postata sul suo profilo facebook, ed è stato subito un tam tam con coda di vivaci disapprovazioni. Quel fascicolo, breve biografia in formato calendario con in evidenza nella copertina il volto del Duce accompagnato dalla frase «Quello che fece, quello che disse», ha calamitato inoltre l'attenzione di altri clienti, alcuni dei quali, risentiti, hanno immediatamente reagito riversando la loro disapprovazione sui social, ed i commenti negativi hanno indotto la direzione del centro commerciale coop di via Fellini a togliere dalla scaffalatura della rivendita, l'ingombrante pubblicazione, tra l'altro allegata ad una rivista che tratta argomenti di storia. Tanti i messaggi di riprovazione scatenati dall'eco innescato dai social, ed anche minacce di boicottaggio tramite la cancellazione dall'elenco soci della coop. «Smetto di fare la spesa da voi» ha scritto la persona che ha notato il calendario in vendita, ne ha postato la foto sul suo profilo Facebook, ed ha quindi apostrofato la direzione del supermercato con parole dure: «Smetto di fare la spesa da voi». «Il calendario faceva bella mostra di sé nel reparto delle riviste, e la mia rabbia è che ho visto che ce n'erano diverse copie» ha inoltre spiegato. «Vorrei capire chi è stato il genio che ha messo in vendita il calendario di Mussolini nel supermercato; ma stiamo scherzando vero? Vedete di eliminarlo entro sabato, altrimenti io e i miei familiari togliamo tutto» ha scritto un socio coop. Di fronte alle numerose segnalazioni di protesta, nell'arco di poche ore la direzione del supermercato ha fatto togliere la pubblicazione riguardante il Duce. «Siamo intervenuti sul fornitore esterno che gestisce i corner delle edicole, perché richiedendo il ritiro dalla vendita del “Calendario 2016 Mussolini”, poichè la storia di Coop è legata a valori repubblicani e antifascisti», la risposta ad una cliente da parte della direzione centrale. «L'edicola è affidata ad un fornitore esterno» hanno precisato dalla direzione marketing e comunicazione di Coop -. Quel calendario era allegato ad una rivista storica. Ma materiale di quel tipo era inaccettabile».

© RIPRODUZIONE RISERVATA