Archivio bozze

Odissea

Passeggeri per Olbia «mollati» a piedi

08 agosto 2016, 07:01

Passeggeri per Olbia «mollati» a piedi

E' stata un'autentica disavventura quella vissuta l'altra notte per centottanta vacanzieri diretti a Olbia, in Sardegna, dall'aeroporto di Bologna, tra cui diversi parmigiani. La speranza di poter finalmente «staccare» e riposarsi un po' nell'incanto di una terra bellissima l'hanno infatti dovuta rimandare a ieri, cioè al giorno dopo. L'Md 80 della Meridiana, compagnia aerea italiana con sede proprio a Olbia, fondata nel 1963 dall'Aga Khan per promuovere il turismo nell'isola, che doveva partire alle 23.55 infatti non è decollato. Prima è stato annunciato che si sarebbe alzato in volo alle 4 del mattino, ma a mezzanotte e trenta è arrivata sul display la peggiore delle notizie: «Volo cancellato».

A quel punto i passeggeri, tra cui parecchie famiglie con bambini, hanno cercato di parlare con qualcuno ma, a detta di chi era presente, nessuno della compagnia aerea si è fatto vivo. La gente ha allora cercato lumi da un addetto alle informazioni dell'aeroporto, che, sempre dal racconto di chi era presente, «ne sapeva quanto noi». Spiega infatti un vacanziere: «E' stato bruttissimo, essere lì da soli senza nessuno che ti desse una spiegazione». Intanto, la rabbia cresceva, aumentata dal fatto che i passeggeri hanno dovuto anche recuperare le valige che erano già state imbarcate. Una giornata nera per la compagnia sarda, dal momento che il volo precedente, quello delle 20.25, era partito dopo le 2. «E' stato un delirio» racconta un parmigiano che ha dovuto fare rientro a casa. Dal «Marconi» di Bologna ha chiamato un taxi ed è riuscito a prendere al volo un treno per Parma, da cui ieri sera dopo le 21 è decollato per Olbia. «E' stata un'odissea - conclude l'uomo -, ma credo che adesso ne comincerà un'altra per riuscire ad avere i rimborsi». M.Cep.

© RIPRODUZIONE RISERVATA