Archivio bozze

Noceto

Cani randagi, accordo con il canile

12 agosto 2016, 07:00

Cani randagi, accordo con il canile

Mariagrazia Manghi

Iniziano le vacanze ma il comune di Noceto non abbandona gli animali. La Giunta ha approvato nei giorni scorsi la convenzione con il canile “Lilli e il vagabondo” di Parma per il servizio di custodia, mantenimento, cura e sterilizzazione dei cani, per un numero non superiore a 10 animali recuperati sul territorio. «Le leggi nazionali e regionali – spiega il sindaco Fabio Fecci - obbligano i comuni, in forma singola o associata, ad assicurare il ricovero e la custodia degli animali randagi. Si è reso necessario, pertanto, come già fatto in passato, convenzionarsi con altri enti che possiedono strutture idonee e dopo un'accurata ricerca abbiamo stipulato la convenzione con Lilli e il vagabondo”, il canile del comune di Parma, che offre un ottimo servizio».

«Con questo accordo - ha proseguito Fecci - il comune di Noceto ha aggiunto un importante tassello che va a completare le azioni che l'Amministrazione ha già intrapreso per la salvaguardia del benessere animale. Siamo da sempre attenti alle problematiche dei nostri amici a quattro zampe e abbiamo anche una convenzione per il recupero degli animali randagi o vaganti o feriti in incidenti stradali, con l'Associazione Rescue Dogs e un rapporto con l'ospedale veterinario universitario didattico dell'Università di Parma per il servizio di pronto soccorso veterinario rivolto agli animali feriti, traumatizzati o malati recuperati sul territorio comunale. A Noceto operano anche due volontari Auser che seguono, con molta attenzione e impegno, le problematiche animali e collaborano stabilmente con l'Amministrazione». Per il consigliere delegato alla tutela dei piccoli animali domestici Annamaria Troni si tratta di una serie di passaggi molto importanti: «Queste convenzioni ci permettono di garantire sicurezza e tutela non solo agli animali, ma anche alla popolazione. Un ringraziamento particolare va, quindi, al comune di Parma che ci ha fornito il suo appoggio, all'associazione Rescue Dogs per l'elevata qualità del servizio che sta fornendo e alla clinica veterinaria dell'Università di Parma per la sua collaborazione e disponibilità».

In accordo con l'Anci, il comune di Noceto ha poi aderito alla campagna del ministero della Salute contro l'abbandono degli animali, che è la causa principale del randagismo, un fenomeno per la cui gestione ogni anno vengono assorbite quote rilevanti dei bilanci comunali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA