Archivio bozze

L'intervista

La Bariggi: «Voglio dar voce ai fidentini»

27 agosto 2016, 07:00

La Bariggi: «Voglio dar voce ai fidentini»

Annarita Cacciamani

«Il mio obiettivo? Dare voce alla sensibilità che i fidentini hanno nei confronti della loro città».

Da circa due mesi la professoressa Maria Pia Bariggi ricopre l’incarico di assessore a Cultura e Scuola. Ha sostituito Alessia Gruzza, che si era dimessa tra mille polemiche. Figura molto nota, la Bariggi è stata dirigente di scuole come il convitto Maria Luigia di Parma o l’alberghiero Magnaghi di Salso. Inoltre, è già stata assessore alla Cultura del Comune di Fidenza dal 1995 al 2004.

Assessore Bariggi, lei è già stata assessore alla Cultura diversi anni fa. Come mai ha deciso di fare una nuova esperienza come amministratore? Che obiettivi si pone?

Per scelta da anni rappresento le istituzioni, sia l’ente locale, sia l’amministrazione scolastica. Ritengo opportuno spendere così le capacità e le competenze acquisite, poche o tante che siano. La città è l’ambito operativo privilegiato per mettere a sistema competenze e risorse. Ho trovato nella giunta un gruppo che opera coerentemente con il programma del sindaco, soprattutto nel far crescere il senso civico della città. In questo cultura e scuola sono determinanti. Vanno ricercate le permanenze culturali, indagate le tipicità e individuati eventi che coinvolgano e rendano protagonista larga parte della popolazione. Va data voce alla sensibilità che i cittadini hanno verso la loro città, dando luogo a forme di partecipazione. Ho grandissima fiducia nella capacità dei cittadini di leggere i bisogni della comunità.

A partire dalla prossima stagione il teatro Magnani sarà gestito in collaborazione con Ater (Associazione teatrale Emilia Romagna, ndr). Quali benefici ci saranno per Fidenza?

Ater è il soggetto che si è aggiudicato i contributi del Fondo unico per lo spettacolo per i prossimi 3 anni. L’obiettivo di questa collaborazione è il potenziamento e il miglioramento dell’offerta culturale in termini di qualità e quantità. Potremo avere spettacoli a cui da soli non potremmo accedere. Un primo dato certo è che la stagione di prosa non avrà più solo 7 spettacoli ma 11 più le rappresentazioni per bambini.

Grazie ai finanziamenti ottenuti le scuole di Fidenza saranno oggetto di interventi di riqualificazione. Ritiene ci saranno effetti positivi anche sulla didattica? E il rapporto con le scuole paritarie?

Questi finanziamenti sono preziosissimi e favoriranno la programmazione delle singole scuole, che sono certa faranno un ottimo lavoro. Inoltre ultimamente è stata estesa la copertura wi-fi in tutte le scuole. Noi crediamo in un sistema scolastico integrato con il concorso delle scuole sia statali, sia paritarie, la cui presenza è fondamentale dato che svolgono un servizio pubblico importantissimo.

Uno degli obiettivi del sindaco Massari è l’inserimento del Duomo di Fidenza e della via Francigena nel patrimonio Unesco…

E’ un obiettivo fondamentale, che ci proietterebbe in una dimensione europea. Avremmo una certificazione che ci consentirebbe di dimostrare anche a chi non ci conosce che il nostro territorio è importante. Auspichiamo che la Via Francigena possa presto avere lo stesso numero di pellegrini del cammino di Santiago di Compostela.

Parlando di servizi scolastici, l’opposizione ha spesso accusato l’amministrazione di aver aumentato le tariffe. Quali criteri saranno utilizzati per il calcolo delle tariffe?

Le tariffe verranno calcolate in base all’Isee. E’ un indicatore che risponde a esigenze di oggettività e consentirà di abbattere la tariffe in presenza di situazioni reddituali difficili. Ci sarà una maggiore equità: alcune famiglie pagheranno meno, altre come ora, altre di più ma il calcolo sarà fatto in maniera molto oggettiva. Sparirà inoltre il sistema di pagamento prepagato con la Fidenza Card. Per tutti i servizi educativi, scolastici ed extrascolastici, si pagherà a consuntivo.

Fidenza è un polo scolastico importante. Cosa può fare l’amministrazione per sostenere e potenziare l’attrattività delle scuole superiori fidentine?

Le scuole si promuovono sostenendo la loro funzione educativa e formativa e rendendo gli studenti protagonisti. Metteremo in campo proposte ed iniziative per mettere le scuole in contatto con il territorio e metterle al centro della vita cittadina. Un primo evento sarà il 12 ottobre quando premieremo tutte le eccellenze degli istituti della nostra città. Intanto proseguono i lavori per la costruzione del nuovo Solari. La nuova sede moderna e con laboratori all’avanguardia darà certamente una nuova linfa a questo corso di studi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA