Archivio bozze

montebello

Legionella, sei nuovi casi in 48 ore

02 ottobre 2016, 07:03

Legionella, sei nuovi casi in 48 ore

Chiara Pozzati

Sono 25 in tutto gli abitanti del Montebello contagiati dal batterio della Legionella. Sei nuovi “casi” in 48 ore. Cresce il numero dei pazienti ricoverati al Maggiore per Legionella: attualmente si tratta di 19 persone. Due dei nuovi arrivati, un uomo e una donna, entrambi sulla sessantina, sono in condizioni più serie. Lui è ricoverato al reparto Malattie Infettive, lei in Pneumologia. Le loro condizioni non destano comunque la preoccupazione dei medici. Sempre stabile, seppur critico, invece il 73enne ricoverato in Terapia Intensiva. Proprio su questo signore anziano si concentrano le attenzioni dei camici bianchi. La prognosi rimane riservata, ma non si registrano variazioni nel quadro clinico. Stabili anche gli altri 16 pazienti in cura in reparti internistici, il loro iter clinico rientra nella norma. Buone notizie anche sul fronte delle dimissioni, giunte a tre negli ultimi due giorni. Dei nuovi sei casi, va detto che non si tratta di ricoveri da cardiopalma da ultimo minuto. Molte delle persone risultate positive al test della Legionellosi erano già in cura all’Ospedale per polmoniti o febbre sospette e hanno ricevuto la conferma ieri. Ecco cosa emerge dall’ultimo bollettino sanitario dell’Ausl arrivato nella tarda serata di ieri e specchio di una situazione in divenire, dove i numeri – fortunatamente anche quelli dei dimessi – cambiano di ora in ora. Dopo la morte dell’86enne parmigiana, purtroppo la prima vittima del morbo del Legionario, si continua a lavorare sodo al Maggiore, ma anche nell’ambito dell’indagine ambientale per sciogliere il rebus che fa paura. Quello sulla causa iniziale del contagio. Come sempre in questi casi di emergenza sanitaria le parole vanno dosate con cura e occorre fare il quadro completo. Ecco perché ricordiamo, come ci aveva preannunciato Angelo Gianni Casalini, al timone dell’unità operativa di Pneumologia ed Endoscopia Toracica del Maggiore, che la legionella non si trasmette da persona a persona.