Sei in Archivio bozze

IL CASO

Spray urticante, ennesimo caso in discoteca

E' accaduto mercoledì al Campus Industry

09 dicembre 2016, 06:00

Giovanna Melli

La brutta moda dello spray urticante spruzzato in discoteca ha colpito anche Parma.

Mercoledì notte mentre si stava svolgendo il «The College Party», al Campus Industry Music in largo Simonini, finita l’esibizione dei rapper Sfera Ebbasta qualcuno nelle vicinanze del palco, ha pensato di spruzzare lo spray urticante, creando così un fuggi fuggi generale e anticipando così la fine di una bella serata.

«Era l’una e trenta di notte e il concerto era appena finito- racconta la proprietaria, Liviana Gagliardi-. Il locale era pieno di ragazzi che stavano festeggiando. Ero all’ingresso e all’improvviso ho visto molti ragazzi correre verso la porta d’uscita. Ho capito subito cosa stava succedendo e immediatamente abbiamo fatto aprire le porte di sicurezza in modo che i ragazzi potessero defluire senza farsi male».

Grazie alla tempestiva apertura delle porte e alla prontezza degli addetti alla sicurezza, che hanno gestito bene la situazione, e nessuno si è fatto male o ha avuto problemi fisici tali da richiedere l'intervento di un medico. «All’esterno del locale c’è sempre presente un’ambulanza con i volontari, in particolare quando abbiamo appuntamenti importanti che attirano molte persone-, spiega la Gagliardi-. In questo caso ci hanno aiutato a gestire la situazione, tranquillizzando i ragazzi e distribuendo bottigliette d’acqua».

«Abbiamo chiamato immediatamente le forze dell’ordine che sono arrivate subito al locale- continua la titolare-. Gli agenti hanno raccolto le testimonianze di alcuni ragazzi presenti; inoltre il locale ha un circuito di sicurezza con telecamere e ora stiamo analizzando i filmati per cercare elementi utili all'identificazione del responsabile».

Per fortuna l’episodio che è accaduto nelle scorse ore al Campus Industry non ha avuto le conseguenze che si sono registrate al Fuori Orario di Taneto di Gattatico, dove, per ben due volte nel mese di novembre, qualcuno ha spruzzato il liquido urticante costringendo nove ragazzi a ricorrere alle cure dei medici del Pronto Soccorso.

«Questo dell'abuso di spray urticanti all’interno dei locali è un malcostume che si sta diffondendo in molte zone d'Italia, in particolare nei locali frequentati da giovanissimi- conclude Liviana Gagliardi-. Le zone colpite non sono certamente solo Parma e Reggio; ma situazioni del genere si sono verificate anche in molte altre città. Quello che per qualcuno può sembrare solo uno scherzo è in realtà un comportamento rischioso che può determinare serie conseguenze. Bisogna fermare il ripetersi di questi gesti prima che qualcuno possa farsi veramente del male».

© RIPRODUZIONE RISERVATA