Sei in Archivio bozze

Lutto

Si è spento il superiore dei saveriani

19 dicembre 2016, 06:00

Luca Molinari

E' morto padre Luigi Menegazzo, il superiore generale dei missionari saveriani. Aveva 64 anni ed era originario di Cittadella, in provincia di Padova. Malato da tempo, è morto ieri mattina all'ospedale Santo Spirito di Roma per una crisi cardiaca. E al luttodei saveriani si unisce anche il vescovo di Parma Enrico Solmi, che in una nota «esprime, insieme a tutta la comunità diocesana, solidarietà e vicinanza a tutta la famiglia saveriana, assicurando il ricordo nella preghiera».

Padre Menegazzo era stato eletto superiore generale nell'estate del 2013 a Tavernerio (Como), durante il XVI capitolo generale congregazione. Aveva preso il posto di padre Rino Benzoni, che era stato alla guida dei missionari fondati di Guido Maria Conforti per dodici anni. Padre Menegazzo era profondamente legato a Parma, dove era stato ordinato sacerdote il 25 settembre 1977. In quegli anni aveva prestato servizio nella parrocchia di Cristo Risorto, allora guidata da don Luciano Scaccaglia, l'indimenticato «pretaccio» di Santa Cristina. Conseguita la licenza in missiologia alla Gregoriana, era stato inviato in Giappone come viceparroco e poi parroco della parrocchia di Nichinan. Nel 1989 era stato richiamato in Italia, docente allo Studentato teologico-filosofico di Parma. Nel 1994 aveva fatto ritorno in Giappone fino al 2001: parroco a Tamana e quindi vice regionale, poi regionale, nel 2001 padre Menegazzo era stato eletto vicario generale, prefetto delle persone e procuratore generale presso la Santa Sede.

Queste le prime parole pronunciate al momento della sua elezione a superiore generale dei missionari saveriani: «Chiedo solo che continui la solidarietà e la fraternità tra di noi, nel servizio alla nostra famiglia. Cercheremo di continuare il servizio che padre Rino e gli altri consiglieri hanno svolto finora». La scomparsa di padre Menegazzo ha suscitato un grande cordoglio tra i saveriani e, più in generale, nel mondo cattolico. Il vicario generale padre Mario Carmelo Mula, in una breve nota, ha invitato tutti alla preghiera. «Ci uniamo alla sua famiglia, a cui porgiamo le nostre più sentite condoglianze – si legge –. Ci manteniamo uniti in questo momento di prova per la nostra famiglia saveriana. Preghiamo tutti il Signore perché ci aiuti a “leggere” e a vivere questo avvenimento con fede e speranza, virtù che il padre Luigi ha vissuto fino all'ultimo».

Padre Menegazzo in questi anni è stato chiamato a guidare una delle congregazioni missionarie più importanti e numerose a livello mondiale. Attualmente infatti i saveriani sono circa 750 e appartengono a una quindicina di nazionalità. I più numerosi sono gli italiani (oltre 400), seguiti dai messicani (un centinaio) e dagli indonesiani (oltre una cinquantina). Numerosi anche i missionari provenienti dal continente africano. Non mancano inoltre vocazioni dal Brasile, dalla Spagna, dal Regno Unito, dagli Stati Uniti, dal Bangladesh, dalla Colombia e dalle Filippine.

I funerali sono in programma mercoledì alle 10.30 al santuario Conforti di viale San Martino, mentre domani alle 20.45, sempre al santuario, ci sarà una veglia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal