Sei in Archivio bozze

Autostrade

Pedaggi, ecco le variazioni

05 gennaio 2017, 06:02

Pedaggi, ecco le variazioni

Francesco Bandini

Nella consueta stangata di inizio anno, che in questo 2017 ha visto in particolare il gas aumentare considerevolmente (+4,7%), per una volta i rincari dei pedaggi autostradali si fanno sentire meno del solito, con un incremento medio su tutta la rete pari allo 0,77%. Per quanto riguarda le tratte che storicamente interessano di più i parmigiani, poi, gli aumenti sono di fatto inesistenti, con la sola eccezione del percorso Parma-Milano sud, dove il pedaggio è aumentato di 10 centesimi.

Sono tre in particolare le autostrade battute dai parmigiani: A1 (Autostrade per l'Italia) e A15 (Autocisa), che attraversano il territorio Parmense, e A12 (Salt, Autostrada ligure-toscana), che è l'arteria percorsa da tanti vacanzieri di casa nostra diretti sul Tirreno. Per l'A1 l'aumento è stato pari allo 0,64%, per la Salt dello 0,24%, mentre per l'A15 le tariffe sono rimaste invariate. Ma a determinare un aumento quasi nullo dei pedaggi effettivi, oltre agli incrementi percentuali contenuti, è stato soprattutto il meccanismo degli arrotondamenti, che fa sì che l'aumento effettivo scatti solo al raggiungimento di una determinata soglia. In pratica, la variazione può essere solo di 10 centesimi in 10 centesimi: questo ha fatto sì che, prendendo in esame sei percorsi che partono da Parma e arrivano ad altrettante destinazioni (Milano sud, Bologna Borgo Panigale, Borgotaro, Fornovo, Versilia e La Spezia), l'unico incremento che si trova è nella tratta Parma-Milano sud, pari appunto a 10 centesimi. Invariate invece le altre cinque tratte. Nel caso di Borgotaro, Fornovo, La Spezia e Versilia, anche l'anno scorso non c'erano stati aumenti effettivi.

Se a inizio 2017 dunque non ci sono state spiacevoli sorprese per i parmigiani sul fronte dei pedaggi, non è escluso che le cattive notizie possano arrivare in corso d'anno. Infatti per le società nei cui confronti è in corso l’aggiornamento del piano economico finanziario allegato alla convenzione di concessione (fra cui ci sono anche Autocisa e Salt) è stato previsto il recupero degli eventuali incrementi tariffari non riconosciuti negli anni precedenti. L’eventuale adeguamento verrà comunque spalmato sugli aggiornamenti successivi, per contenere gli effetti sull’utenza ed evitare che i rincari possano arrivare tutti in una volta.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal