Sei in Archivio bozze

L'APPELLO

«Controlli di vicinato a San Lazzaro, attiviamoci»

06 febbraio 2017, 06:01

«Controlli di vicinato a San Lazzaro, attiviamoci»

Laura Ugolotti

Perché non istituire anche nel quartiere San Lazzaro una sorta di «controllo di vicinato», sull’esempio dei tanti gruppi di sorveglianza che stanno sorgendo tra Parma e provincia? Se lo chiede Simona – ma il nome è di fantasia, per ovvi motivi – che negli ultimi due mesi ha ricevuto per ben due volte la visita dei ladri.

«La prima a dicembre - racconta -. Io, il mio compagno e mio figlio eravamo stati fuori tutto il giorno per un matrimonio e quando siamo rientrati, la sera tardi, abbiamo trovato i cassetti della camera sotto sopra».

I danni economici furono relativamente contenuti ma, si sa, il più delle volte non sono quelli a preoccupare più di tutto chi subisce un furto.

Da quel giorno, però, in famiglia hanno vissuto con le antenne ben dritte: «Sono stata attenta a tenere tutto in ordine perché, mi dicevo, dovessero tornare almeno sarà più facile capire cosa manca».

Una frase detta per caso, quasi scaramanticamente, che però non è andata lontana dalla realtà. Pochi giorni fa, infatti, i ladri sono tornati in casa sua e questa volta hanno messo a soqquadro tutta la camera da letto e una parte della sala.

«Forse a dicembre sono stati disturbati - spiega Simona - e sono tornati a finire il lavoro. Peccato per loro che nemmeno questa volta abbiano raccolto un gran bottino».

Un commento misto di quell’ironia e quel sarcasmo, che a volte servono per cercare di non lasciarsi troppo abbattere dalla situazione. «Quello che più mi colpisce, oltre al fatto che non ho oggetti di particolare valore in casa - spiega - è che sono venuti durante la settimana, in un normale giorno lavorativo e probabilmente dopo le 19.30. Io abito sopra ad alcuni esercizi commerciali e i ladri si sono arrampicati dalla grondaia: se fosse stato prima, qualcuno li avrebbe notati. Non solo. Se, come sembra, sono gli stessi che erano entrati in casa nostra a dicembre, allora probabilmente ci stavano tenendo d’occhio, eppure eravamo da poco tornati dopo un weekend in montagna: perché non entrare in casa nei tre giorni in cui eravamo via?».

La preoccupazione, insomma, è tanta. E a San Lazzaro nell’ultimo periodo si sono registrati diversi furti, tra abitazioni e auto. Da qui la proposta di Simona di allertare il quartiere e invitare tutti a tenere gli occhi aperti. «Basterebbe che ciascuno di noi facesse più attenzione a persone o auto sospette. In alcune zone di Parma si sono attivati i controlli di vicinato, perché - si chiede Simona - non provare anche a San Lazzaro?».

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal