Sei in Archivio bozze

BEDONIA

L'incendio alla stazione ecologica? E' doloso

10 aprile 2017, 07:01

L'incendio alla stazione ecologica? E' doloso

Giorgio Camisa

E’ ormai quasi certo, anche se nessuna dichiarazione ufficiale è stata rilasciata da carabinieri e vigili del fuoco di Borgotaro, che l’incendio che ha parzialmente distrutto la stazione ecologica di Bedonia potrebbe essere doloso. Di questo avviso è anche il sindaco Carlo Berni che ha seguito personalmente l’evolversi della situazione e ha passato la notte insieme con i suoi collaboratori all’interno della stazione ecologica di Ronconovo.

Il o i piromani potrebbero aver appiccato le fiamme nella tarda serata di venerdì, nel punto da dove poi si sarebbe sprigionato il rogo che ha divorato una catasta di legnami vari, una montagnola di erbacce e materiale di potature accatastato a lato della piazza di stoccaggio del differenziato. Le fiamme sono state domate solo all’alba di sabato, dopo sei ore di intenso e impegnativo lavoro da parte dei vigili del fuoco di Borgotaro.

Ieri però per una squadra di operai del comune di Bedonia e per i pompieri di Borgotaro è stata una domenica di lavoro, perché alcuni focolai nella notte avevano ripreso forza e stavano per accendersi un’altra volta. Subito, le squadre hanno ripreso a lanciare acqua soffocando sul nascere altri roghi, per poi rimettere in sicurezza e bonificare la stazione ecologica di via Ronconovo. I danni, anche se non ancora quantificati, si limiterebbero alla recinzione e ad alcuni cassoni di stoccaggio del differenziato: a fronte di quello che poteva succedere sono da considerarsi irrisori.

L’impianto usato anche da altri comuni limitrofi (Tornolo e Compiano) è adibito alla scelta e alla divisione dei vari materiali raccolti dal servizio urbano direttamente gestito dal Comune di Bedonia per poi conferirlo a ditte specializzate nello smaltimento del differenziato o in discarica.

Nell’intervento, oltre al tecnico Michele Belli con alcuni operai dell’amministrazione comunale e un escavatore anche i carabinieri della compagnia di Borgotaro diretta dal maggiore Agostino Gentile e da alcuni responsabili del locale gruppo di Protezione civile pronti a intervenire, in caso si dovessero complicare gli interventi.

Le fiamme avevano già raggiunto le sterpaglie fuori dal recinto e stavano salendo verso i boschi di cerro e castagno della valle di Case Nobili e Roncole, ma grazie agli uomini del 112 di Borgotaro coordinati e diretti dal comandante del distaccamento di via De Gasperi Guido Camisa hanno circoscritto e domato il rogo prima che aggredisse le sterpaglie e quindi i boschi di Case Nobili e Roncole.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal