Sei in Archivio bozze

PROVINCIA

«Due rotatorie dove fu ucciso Filippo»

12 aprile 2017, 07:01

«Due rotatorie dove fu ucciso Filippo»

Quello di Filippo Ricotti, il 17enne travolto e ucciso a gennaio lungo la strada provinciale Massese mentre si recava alla fermata del bus per andare a scuola, è un nome rimasto ben impresso nella mente del delegato alla Viabilità, Gianpaolo Serpagli, che annuncia interventi di messa in sicurezza della strada.

«Nel prossimo bilancio di previsione della Provincia saranno reperite le risorse necessarie per realizzare, insieme con il Comune di Langhirano, due rotatorie nel tratto di strada dove è stato investito Filippo», promette Serpagli. «Questo tipo di intervento ha lo scopo di ridurre la velocità di percorrenza delle auto, in modo da abbassare notevolmente il rischio di incidenti».

I numeri elaborati dal Servizio statistica dimostrano che nel 2016 le strade extraurbane sono state quelle più pericolose, con un indice di mortalità di 3 decessi ogni 100 incidenti, mentre tale indice cala a 0,5 decessi lungo le strade urbane. Ma è proprio sulle strade urbane, cioè lungo quei tratti in cui vige il limite di 50 chilometri orari, che si concentra il maggior numero di incidenti: ne sono stati registrati 983, pari al 63 per cento del totale. Il numero di incidenti lungo le strade extraurbane fa registrare un incremento del 25,2 per cento rispetto al 2015.P.Dall.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal