Sei in Archivio bozze

LANGHIRANO

Il comandante dei vigili: «Massese pattugliata»

23 aprile 2017, 07:00

Il comandante dei vigili: «Massese pattugliata»

Enrico Gotti

Stefano Sassi porta la divisa da 31 anni, è «nato» vigile. È stato comandante della Polizia municipale di Traversetolo, e ora guida il corpo unico di polizia dell'Unione montana Appennino Parma Est, è in carica da inizio aprile, e coordina i vigili di cinque Comuni: Langhirano, Lesignano Bagni, Neviano Arduini, Tizzano e Palanzano. «

Ho rilevato la massima disponibilità da parte dei colleghi presenti sul territorio» spiega. Fra i tanti temi sul tavolo c'è quello della sicurezza della Massese, l'arteria che congiunge i cinque Comuni, dove in questi giorni la Polizia municipale sta effettuando controlli relativamente alla velocità delle auto con strumenti elettronici.

«Per quanto riguarda il controllo sulla Massese abbiamo e stiamo effettuando diversi servizi in pattuglia, anche nelle primissime ore della mattinata, utilizzando gli strumenti elettronici di misurazione della velocità in dotazione al servizio» dice Sassi, che parlando in generale delle attività del corpo aggiunge: «Senza fare corse in avanti, la nostra azione sarà improntata alle attività che il legislatore ha posto in capo agli enti locali e alla polizia locale. Cercheremo di garantire una maggiore presenza tangibile sul territorio, con uno spirito propositivo e di stimolo per le amministrazioni al fine di adottare misure tese ad un incremento della sicurezza stradale e non solo».

Restando a Langhirano, dove ha sede il comando del corpo unico, un argomento che ha fatto parlare nei mesi scorsi è quello delle soste selvagge, con una pagina Facebook (parcheggi memorabili a Langhirano) dedicata alle auto parcheggiate sui marciapiedi o in mezzo alla strada. «Per quanto riguarda le soste in centro, i controlli continueranno, come sono stati fatti anche precedentemente. Bisogna sensibilizzare maggiormente i cittadini alla cultura della legalità e del rispetto» sottolinea Sassi, che è nato a Neviano Arduini nel 1961. Dopo essere stato responsabile della Polizia municipale di Traversetolo, nel 2009 è diventato responsabile nel settore controlli di polizia amministrativa dell'Unione Pedemontana, poi l'incarico nel corpo dell'Unione Montana, succedendo al comandante Franco Drigani.

A Traversetolo, quando Sassi era coordinatore dei vigili, nei primi anni 2000 è stato realizzato uno dei primi impianti di videosorveglianza urbana della provincia; risultati importanti erano stati ottenuti attuando dei progetti di controllo dei parchi, dell'area del mercato, in collaborazione con l'Associazione carabinieri in congedo ed altre associazioni locali. «L'orgoglio più grande di lavorare nei vigili? È questo - risponde - anche se a volte non viene percepito in pieno: il poter contribuire insieme alla forza pubblica alla sicurezza dei cittadini».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal