Sei in Archivio bozze

BORGO DELLE COLONNE

Assalto dei ladri al bar Portici

24 aprile 2017, 07:00

Assalto dei ladri al bar Portici

Roberto Longoni

Ancora una sbarra, e sarebbe toccato al vetro: un colpo, forse con il coperchio di un tombino, forse con uno degli attrezzi che avevano portato con sé, e gli aspiranti razziatori che hanno preso di mira il bar Portici all'angolo tra borgo delle Colonne e via Saffi avrebbero aperto un varco nella finestra. Ma stavolta qualcosa è andato storto ai ladri: che non solo non sono riusciti a far bottino, ma nel colpo fallito hanno anche perso l'auto (poco male per loro: era rubata) e l'armamentario del mestiere.

Erano le 3,29 dell'altra notte, quando almeno due malviventi sono entrati in azione. «L'orario lo si conosce, perché la scena è stata registrata» spiega Rodica Cumpata, di origini moldave, da 15 anni titolare dell'esercizio pubblico, indicando la videocamera in alto, sopra l'angolo destro della finestra. I ladri, almeno due, stando alle immagini, sapevano della sua esistenza, anche se il loro sembra un raid piuttosto improvvisato.

I due, infatti, anziché da via Saffi, dove sarebbero stati invisibili alla telecamera, sono passati da borgo delle Colonne. «Hanno girato sulla parte esterna di un pilastro - prosegue Rodica Cumpata -. Poi, coprendosi il volto con la felpa alla bell'e meglio, si sono avvicinati al bar». Innanzitutto, si sono interessati alla videocamera. Uno ha aiutato l'altro ad arrampicarsi, fino a coprire con il nastro isolante l'occhio della sentinella elettronica.

A questo punto, è entrata in scena la grossa tronchese. Le sbarre della grata che protegge la finestra del locale, all'incirca di mezzo centimetro di diametro, sono state tagliate a metà: in alto e in basso. «Mentre uno dei due usava come una specie di paravento un cartellone pubblicitario preso dalla tabaccheria di borgo delle Colonne». L'ultima sbarra era già stata aggredita (su di essa è evidente il segno del morso della tronchese), quando qualcosa deve aver disturbato i malviventi.

«Sono fuggiti abbandonando circa a metà di borgo delle Colonne una Ford Fiesta rubata - prosegue la barista -. A bordo hanno anche lasciato gli attrezzi da scasso». E' evidente che gli aspiranti razziatori debbano essersi sentiti in pericolo. Ora, si spera di dare loro un volto anche attraverso un'altra telecamera, questa volta del Comune, piazzata a pochi metri da lì, in via Saffi. Intanto, la grata verrà aggiustata. E Dorica, come sempre, continuerà a svuotare ogni sera i cassetti dei videopoker. Con ogni probabilità erano quelli l'obiettivo dei ladri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal