Sei in Archivio bozze

CONCERTO

Brunori Sas, in Pilotta tutto bene

24 aprile 2017, 07:00

Brunori Sas, in Pilotta tutto bene

Giulia Viviani

Buona la prima. Dario Brunori, in arte Brunori Sas, ha inaugurato ieri sera con successo la nuova formula di celebrazioni in musica del 25 Aprile, il mini festival nel Cortile della Pilotta che prosegue anche stasera con Fast Animals And Slow Kids e Planet Funk, e domani sera con Samuele Bersani. Un piccolo festival ma di grande qualità, al posto del tradizionale appuntamento unico in piazza Garibaldi. La location, già testata a Capodanno con Fatboy Slim, si è confermata più che azzeccata, adatta ad accogliere il pubblico di un concerto ad ingresso libero e con un'ottima acustica, e il quasi-pienone ha premiato la scelta. Del resto Brunori, che con il tour di «A casa tutto bene», sta collezionando da mesi un sold out dietro l'altro in ogni città d'Italia, si prefigurava già come un nome a garanzia di successo. Ormai da anni, più che il numero di dischi venduti conta il numero di biglietti strappati e basta questo per testimoniare come Brunori sia veramente uno dei cantautori della nuova generazione sulla cresta dell'onda. Stavolta in più l'appuntamento era gratuito, e il successo doppiamente assicurato. Il pubblico di Parma peraltro lo conosce e lo apprezza da tempo, da quell'anteprima del Barezzi Festival nel 2014 ai Giardini di San Paolo, fino alla presentazione dell'ultimo disco al Regio, a gennaio, per la rassegna «Tracks». Già dal tardo pomeriggio, il sound-check è stato per lui un piccolo bagno di folla, e per i fan l'occasione per assieparsi alle transenne a chiedere autografi e foto. Il concerto di Brunori è stato anticipato dall'apparizione di Sara Loreni dal balcone di via Garibaldi. Armata di loop station l'artista fidentina ha riproposto quell'esibizione di musica «urbana» che tempo fa le costò l'arrivo della Municipale e che stavolta invece è stata promossa nel programma musicale ufficiale del 25 Aprile. Una manciata di canzoni, principalmente tratte dall'album «Mentha», che hanno incuriosito ed entusiasmato il drappello di pubblico radunato sul marciapiedi, così come gli ignari passanti. Sul palco della Pilotta invece, a salire per primo è stato il giovane cantautore toscano Lucio Corsi con alcune delle canzoni del suo nuovo disco, «Bestiario Musicale», uscito a gennaio. Alle 21,30 in punto, come da programma, una densa nube di fumo rivela sul palco la sagoma di Brunori che inizia a scaldare il pubblico con «La verità», primo singolo estratto dall'album, su cui incentra buona parte del concerto. «Questa è un'epoca di paure, ma noi abbiamo una ricetta per esorcizzarle, un urlo liberatorio», dice salutando Parma, e poi, «ad ugole calde», arriva il turno di «Canzone contro la paura». Il pubblico si lascia completamente trascinare nell'atmosfera indiscutibilmente pop dei nuovi brani, scandendo il ritmo con battito di mani in «La vita liquida», saltando sulle sonorità di «Lamezia Milano» o cantando con lui la ballata «Colpo di pistola». Terminato il capitolo «paure», si passa a quello sull'amore che offre l'occasione di riproporre canzoni note del repertorio di Brunori come «Fra milioni di stelle», «Lei, lui, Firenze» e la struggente «Arrivederci tristezza». Un concerto tutto giocato sull'alternanza tra vecchio e nuovo, chitarre e synth, ritmi sanguigni della sua Calabria e atmosfere fredde da nord Italia, analogico e digitale. Con la forza delle parole, dell'immaginario di Brunori e della sua capacità autorale a tenere insieme il tutto. Il concerto si chiude con i suoi cavalli di battaglia come «Kurt Cobain» e «Guardia ‘82”» che commuove e incanta, prima di dare a Parma la buonanotte sulle note di «Secondo me».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal