Sei in Archivio bozze

Traversetolo

Il sindaco sposta il comizio del 1°Maggio: il Pd insorge

30 aprile 2017, 07:00

Il sindaco sposta il comizio del 1°Maggio: il Pd insorge

Bianca Maria Sarti

Il tradizionale comizio di Cgil Cisl e Uil, normalmente previsto la mattina del 1° maggio, prima del festival rock del pomeriggio, quest'anno non si terrà davanti al municipio: il sindaco ha autorizzato l'utilizzo di piazzale degli Alpini, vicino alla casa protetta Villa Pigorini Grossi, dove i sindacati sono soliti portare un saluto al termine della manifestazione.

Le ragioni della scelta, per il sindaco Simone Dall'Orto, sarebbero puramente tecnico-organizzative, legate al concertone del pomeriggio, ma di certo non hanno convinto il Partito Democratico di Traversetolo che ha definito le motivazioni addotte «risibili» e, con una nota, accusa il sindaco di scarsa democrazia ricordandogli che «non rappresenta solo il 30% della popolazione che l'ha votato, ma tutta la cittadinanza».

«Ci piacerebbe conoscere – esordisce il Pd - perché gli atti messi in essere dalla giunta di Dall'Orto sino ad oggi hanno sempre colpito principalmente le fasce deboli: dalla chiusura della fontana pubblica, con motivazioni piuttosto superficiali fino al recente aumento della Tari per i cittadini e la riduzione per le imprese e attività. Anche in questo caso a patirne sono ovviamente i cittadini più deboli e i consumi, dunque anche quella parte di attività commerciali che la giunta voleva proteggere. Ora, come simpatico siparietto, il sindaco ha pensato bene di ostacolare, con motivazioni quantomeno risibili, la festa dei lavoratori del 1° maggio. Informiamo il sindaco che la festa è istituita e festeggiata ovunque per ricordare i lavoratori, i loro sacrifici e le loro lotte; non è la festa della musica né un concorso canoro. Anche il sindacato di Lega Nord avrebbe potuto partecipare. Auspichiamo che come sindaco eletto democraticamente voglia rappresentare tutti i cittadini, anche chi appartiene alle fasce più deboli, che vanno supportate a prescindere dal colore della pelle, fede religiosa o pensiero politico». Per il sindaco quella sollevata dal Pd è una «sterile polemica». «Quest'anno abbiamo affidato la gestione totale del Rock Festival alla Bottega di Orfeo che ha invitato due ospiti di fama nazionale – ha spiegato il primo cittadino – per esigenze tecnico amministrative i palchi delle due piazze (Veneto e Fanfulla) nell'arco della mattinata non saranno accessibili, in quanto dovranno essere completati, tempo permettendo, gli allestimenti delle strutture, gli impianti audio e gli espositori. Appena terminate le istallazioni inizieranno le prove tecniche dell'audio e degli strumenti, richieste in particolare dalle due guest star; alle 11, poi, è convocata la Commissione di Vigilanza, che si occupa di attestare il perfetto montaggio e le certificazioni delle parti audio, elettriche e infrastrutturali. Abbiamo invitato i sindacati a partecipare al saluto istituzionale dalle 19 alle 19,30 ma la Cgil ha preferito mantenere la tradizione».

Secondo l'amministrazione non c'è alcuno strappo con Cgil: «Abbiamo presentato a Raffaele Togliani di Cgil la situazione – aggiunge il sindaco – e lui ha accettato di effettuare la manifestazione in piazzale degli Alpini, mantenendo la tradizione del corteo per il centro, con tappa al Pigorini. Ringrazio Cgil per aver compreso i nostri problemi amministrativi e per avere accolto, senza polemiche, la soluzione alternativa proposta».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal