Sei in Archivio bozze

Il caso

Beduzzo senza bancomat: abitanti sul piede di guerra

03 maggio 2017, 07:00

Beduzzo senza bancomat: abitanti sul piede di guerra

Beatrice Minozzi

Gli abitanti di Beduzzo sono rimasti senza bancomat.

Questa volta non per un disservizio temporaneo ma per la chiusura definitiva del distaccamento della filiale Cariparma (aperta circa 4 anni fa nella frazioni più a valle del cornigliese) che garantiva la presenza di un operatore inizialmente due volte al mese (ridotte poi ad una sola volta al mese) e la possibilità, per gli abitanti della zona, di prelevare quotidianamente contanti grazie alla presenza del bancomat.

«Si tratta di un grosso disservizio, soprattutto quello legato alla chiusura dello sportello per il prelievo automatizzato - si lamentano gli abitanti della zona - visto che ora se vogliamo prelevare dei contanti siamo costretti a recarci a Corniglio oppure a Langhirano, percorrendo non meno di 15 chilometri di strada».

«E sì che dicevano che lavorava bene questo sportello bancomat - proseguono gli abitanti di Beduzzo - visto e considerato che era l'unico a servire la zona più popolosa del cornigliese, dove la maggior parte degli utenti sono proprio correntisti di Cariparma».

Una soluzione, però, gli abitanti di Beduzzo l'hanno già trovata: «capiamo che la banca voglia tagliare i costi e non pagare più l'affitto del locale alla curia - ammettono - ma se il problema è quello noi una soluzione ce l'abbiamo. Un abitante di Beduzzo, infatti, si è reso disponibile per mettere a disposizione, gratuitamente, un locale di sua proprietà sulla strada provinciale, dove è possibile installare il bancomat. Ma se neanche questa soluzione sarà accettata noi ci muoveremo diversamente e proveremo a far arrivare a Beduzzo un'altra banca».

E' già in programma, nei prossimi giorni, un incontro per dare il via ad una raccolta firme, dove i sottoscrittori si impegneranno a chiudere i propri conti con Cariparma «se la banca ci farà questo torto. Se saremo costretti a Langhirano ci andremo, insomma, ma di certo in un'altra banca».

Il sindaco di Corniglio, Giuseppe Delsante, ha già annunciato che chiederà un incontro a Cariparma per cercare di trovare un accordo «anche perché si tratta di un servizio indispensabile per il territorio - come sottolinea il primo cittadino - Qui tutti dicono che vogliono aiutare i territori periferici, poi però nella realtà si continuano a togliere servizi, alcuni di primaria importanza, come il bancomat, penalizzando chi decide di rimanere o di venire ad abitare in montagna».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal