Sei in Archivio bozze

NOCETO

Blitz in un circolo: merce scaduta e droga

I carabinieri di Salso e i Nas in azione: 5mila euro di multa

03 maggio 2017, 07:02

Blitz in un circolo: merce scaduta e droga

Alla fine, era notte fatta ormai, è venuto il momento di pagare. Sia per gli avventori che per il titolare del locale. E a presentare il conto sono stati i carabinieri della Compagnia di Salsomaggiore insieme con i colleghi del Nucleo antisofisticazioni di Parma, quelli del Nucleo cinofili di Bologna e quelli del Nucleo ispettorato del lavoro di Parma. Costerà caro a tanti il loro ingresso nel circolo di Noceto, nel quale gli uomini dell'Arma hanno deciso di entrare in forze poco dopo la mezzanotte tra sabato e domenica.

Un ingresso in scena che deve aver preoccupato un bel po' di persone. Non serviva il fiuto del pastore tedesco portato al guinzaglio dai carabinieri, per capire che una prima regola fosse stata infranta. Ai militari è bastato respirare l'aria all'interno del circolo, per sentire un forte odore di fumo. Alla faccia della legge Sirchia, che nel gennaio del 2003 bandì le sigarette (accese) dai locali pubblici. Infrangere il divieto comporta conseguenze sia per i fumatori che per i controllori distratti. Era solo il primo dei guai per il responsabile del circolo, che per questa questione è stato segnalato all'autorità sanitaria.

Gli specialisti del Nas, infatti, sono andati a compiere una verifica nel pozzetto congelatore del locale. Trovando insaccati, verdure grigliate, polpi, pane, carne e altri prodotti non a norma: scaduti o privi dei dati identificativi che permettono la tracciabilità. In tutto, si parla di trenta chili di alimenti sequestrati. Tra sanzioni amministrative per gli alimenti e quella per la mancata sorveglianza sul divieto di fumo, il titolare del circolo rischia di pagare un conto da 5.000 euro.

I guai degli avventori, invece, si pesano in grammi. Ma non per questo possono essere considerati trascurabili. E' qui che è entrato in scena un naso più fino di quelli umani: il cane del Nucleo cinofilo ha infatti fiutato nelle tasche di sette clienti qualcosa che non doveva proprio esserci. Messi insieme, sono stati trovati stupefacenti un po' per tutti i gusti. Dalle droghe sintetiche a quelle più «classiche».

In tutto, sono saltati fuori 5 grammi di ketamina, 3 di cocaina, 10 di hascisc e 17 di marijuana. Non concentrazioni che facessero scattare denunce di detenzione a scopo di spaccio, ma comunque quanto basta perché i nomi degli avventori con la droga in tasca fosse segnalato alla Prefettura di Parma, come prevede la legge sugli stupefacenti. Insomma, nessun reato viene contestato. Ma i sette rischiano sanzioni amministrative che comportano la sospensione della patente e del passaporto.

A proposito di patenti, altri tre si sono ritrovati a piedi. Loro non avevano droghe in tasca, ma alcol nelle vene: troppo per mettersi al volante di un veicolo. Questo è quanto appurato dalle pattuglie dei carabinieri della Compagnia di Salso che hanno compiuto controlli sulle strade di Noceto sempre durante la notte tra sabato e domenica. Oltre al ritiro della patente, per i tre è scattata la denuncia per guida in stato d'ebbrezza.