Sei in Archivio bozze

GRAN BRETAGNA

May, sonora sconfitta: in testa ma perde la maggioranza

In recupero i Labour di Jeremy Corbyn

09 giugno 2017, 00:25

May, sonora sconfitta:  in testa ma perde la maggioranza

 Il primo ministro britannico, Theresa May, non avrebbe intenzione di dimettersi dopo il risultato elettorale di questa notte che vede il suo partito perdere la maggioranza assoluta dei seggi in parlamento. Lo riporta SkyNews citando fonti del partito conservatore. A spoglio delle schede ormai quasi completato, si conferma lo smacco della May, in lieve vantaggio rispetto ai Labour e senza una maggioranza che le consenta di governare la Brexit. Si profila un parlamento bloccato, 'appeso" ad eventuali alleanze, allo stato assai improbabili. Il Labour di James Corbyn guadagna voti e seggi, e chiede, già nella notte, le dimissioni del primo ministro. La ministra dell’Interno Rudd salva il suo seggio per un pugno di voti. Sterlina in forte calo. Per il commissario europeo agli affari economici e finanziari, Pierre Moscovici, l’avvio dei negoziati sulla Brexit non è in discussione. May parlerà alle 10 ora locale, le 11 in Italia.

Ora la situazione è di completa ingovernabilità l’"hung Parliament", come si dice in gergo, ovvero il Parlamento senza una maggioranza.

Crollo brusco per la sterlina fin dopo i primi exit poll in Gran Bretagna. Sull'unico mercato aperto, quello delle valute, la sterlina è crollata del 2% a 1,28 sul dollaro e sotto all’1,14 sull'Euro.