Sei in Archivio bozze

Mezzani

«Il nostro gatto Harlock ferito dalle tagliole nei campi»

30 giugno 2017, 07:00

«Il nostro gatto Harlock ferito dalle tagliole nei campi»

Una doppia ferita alle zampe posteriori, compatibile con i segni che potrebbe aver lasciato una trappola con tagliola. La vittima è il gatto Harlock della famiglia di Elena Bandini ed Alessandra Amadasi di via Resistenza a Casale di Mezzani.

Il micio, tre anni, si è trascinato verso casa l'altro giorno con due evidenti ferite ad entrambe le zampe posteriori, una delle quali fratturata. I proprietari l'hanno prontamente portato alla clinica veterinaria h24 dove ha ricevuto tutte le cure del caso. Ora Harlock si sta riprendendo. Le ferite sono state medicate e gli viene somministrato l'antibiotico. Ma, viste le modalità in base alle quali si ipotizza sia rimasto ferito, i proprietari hanno lanciato un allarme sulla pagina Facebook Sei di Mezzani se. «Attenzione – hanno scritto sul social network -. Nei campi attorno a Casale qualcuno ha messo delle tagliole. Ieri sera abbiamo dovuto portare il nostro gatto Harlock dal veterinario perché ha entrambe le zampe posteriori ferite ed una è fratturata». Da classico gatto di campagna Harlock è abituato a scorrazzare nei campi vicino a casa. «Non lo abbiamo visto per un paio di giorni – racconta Alessandra -. Poi mia figlia l'ha trovato vistosamente zoppicante. Dalle ferite riportate in un primo momento abbiamo pensato che potesse essere stato legato e torturato. Lo abbiamo subito portato dal veterinario che, in base all'entità delle ferite, ha ipotizzato come più probabile un ferimento provocato da una trappola con tagliola, forse collocata da qualcuno con l'obiettivo di catturare volpi o lepri. Harlock deve aver fatto di tutto per liberarsi dalla morsa e questo gli ha probabilmente provocato anche la frattura alla zampa». In paese c'è chi ha ipotizzato che la ferita possa essere dovuta all'azione di una falciatrice: «ma in quel caso, purtroppo, immaginiamo che l'arto sarebbe stato completamente tranciato». Con il gatto Harlock in decisa ripresa, ora resta soprattutto l'allarme tra i cittadini. A Mezzani non è infatti la prima volta che si registrano ferimenti o avvelenamenti di animali. In passato diversi cittadini avevano segnalato la presenza di bocconi killer in diversi punti dell'argine maestro con un cane che aveva mostrato i classici sintomi da avvelenamento, senza tuttavia essere in pericolo di vita. In un caso un boccone killer fu addirittura lanciato sul balcone di un'abitazione. Allargando l'analisi a tutta la Bassa Est diversi i casi di avvelenamento o di segnalazioni sospette. A fine aprile a Bogolese di Sorbolo, tra strada di Chiozzola e via Carducci, era stata trovata una polpetta sospetta di circa 90 grammi, mentre poche settimane prima alcuni residenti di Casaltone di Sorbolo avevano denunciato lo sterminio dell'intera colonia felina presente in paese dopo il ritrovamento delle carcasse di due gatti vicino al luogo in cui veniva portato loro il cibo. c.cal.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal